OSCAR MAGLIA BIANCA. ANDREA BAGIOLI: «DAL PODIO DEL LOMBARDIA GUARDO LONTANO...»

INTERVISTA | 21/11/2023 | 08:14
di Nicolò Vallone

Si avvicina l'appuntamento con La Notte degli Oscar, che segna la conclusione ideale della stagione 2023 e traghetta verso una nuova avventura. Di scena ci saranno, come sempre, i migliori atleti dell'anno in ogni categoria: ve ne presentiamo uno al giorno, in un cammino di avvicinamento che culminerà con la festa di venerdì 24 novembre a Milano. La puntata di oggi è dedicata ad Andrea Bagioli.


Freccia a sinistra e sorpasso in extremis ai danni di Jonathan Milan sulle strade lombardo-piemontesi. Con una splendida ultima settimana della sua stagione, nonché prima settimana del mese di ottobre, nella quale ha inanellato podio alla Coppa Ber­nocchi, vittoria del Gran Piemonte e se­condo posto alias “primo degli uma­ni dietro Pogacar” a Il Lombardia, Andrea Bagioli ha conquistato l’Oscar tuttoBICI Maglia Bianca Gran Premio ACM Asfalti, quale miglior Under 25 italiano dell’anno.


Andrea, partirei da un’immagine che mi ha colpito sul podio di Bergamo: l’espressione del tuo volto. Si vedeva che eri molto contento, ma che al contempo avvertivi su di te il “peso” e l’importanza di quel mo­mento...
«Provavo emozioni strane, per la pri­ma volta avevo lottato per vincere una monumento e mi trovavo in mezzo ai due fenomeni sloveni. Sta­vo faticosamente prendendo co­scienza di quanto fatto».

In che momento della corsa la Soudal QuickStep ti ha designato come colui che sarebbe andato a cercare il bersaglio grosso?
«Al mattino con la squadra avevamo stabilito che io sarei rimasto coperto fino al passo di Ganda e lì sarei andato a chiudere su eventuali attacchi: in pratica sarei stato l’ultimo uomo di capitan Evenepoel. Quando Remco a inizio gara è caduto, sembrava tutto ok; ma quando sul Ganda la UAE ha fatto il forcing, ci ha detto in radio che aveva troppo dolore sulla parte sinistra della gamba...».

... e allora tu sei scalato in avanti nella gerarchia: possiamo dire che hai dovuto fare il Remco e Fausto Masnada ha fatto il Bagioli?
«In un certo senso. Io e Fausto siamo rimasti coi migliori e sulle ultime accelerate prima dello scollinamento lui ha pagato un po’: ha svolto un gran lavoro e alla fine si è piazzato ventesimo (per la cronaca, Evenepoel ha stretto i denti ed è riuscito a portare a casa un nono posto, ndr)».

Cos’hai pensato quando Tadej Pogacar sul Ganda si è staccato ed è rimasto col gruppetto indietro, ma appena più tardi è tornato su di voi davanti?
«Quando ha perso terreno mi è parso bizzarro. Durante la salita mi ero ac­corto che lui guardava spesso Roglic per capire come stava: penso abbia semplicemente voluto rimanere insieme al connazionale finché non ha avu­to la certezza che non era al top. Quan­do è stato sicuro, è partito: non solo è rientrato con facilità irrisoria, ma è in cima che ci ha veramente stupito...».

Vi ha lasciati di stucco!
«Di solito quando arrivi in vetta a una scalata tiri un attimo il fiato, lui invece ha capito che eravamo al gancio e con nonchalance se n’è andato via verso il suo tris».

Ci racconti il vostro inseguimento?
«Abbiamo fatto la discesa forte e non era facile: ricca di tornanti, dovevamo ri­lanciare di continuo. In pianura ab­biamo trovato vento contrario ma so­prattutto non abbiamo lavorato in ma­niera adeguata: ok, c’era un uomo UAE ossia Adam Yates che chiaramente non tirava, ma tra noialtri non c’era grande collaborazione. Quando infine ci hanno segnalato che Pogacar aveva cinquanta secondi di vantaggio, abbiamo capito che stavamo lottando per il resto del podio».

E così si arriva in via Roma, dove Roglic ha provato ad anticipare.
«Sì, si era staccato leggermente sulla Boccola per poi rinvenire sul rettilineo finale e cercare di sorprenderci partendo fortissimo alle nostre spalle. Io sono riuscito a mettermi a ruota di Primoz e Vlasov e vincere lo sprint».

La tua prima vittoria in carriera, nella tappa inaugurale del Tour de l’Ain 2020 alla ripresa post-lockdown, fu proprio una volata davanti a Primoz Roglic...
«Esatto, a Ceyzeriat! Battere anche solo due volte un super-campione co­me lui è una bella soddisfazione».

Torniamo per un attimo al Lombardia: la Virage Pinot si è presa giustamente la scena, ma la seconda tifoseria più scatenata era la tua.
«In prevalenza sono miei amici d’infanzia che mi seguivano e un paio d’anni fa hanno creato il fans club: nelle gare vicine sono sempre presenti e passare in mezzo a loro mentre andavo a prendermi un grande risultato è stato bellissimo. Sono fantastici e ringrazio in particolare il fondatore Maurizio Ma­sa. Senza dimenticare che pure i miei genitori hanno fatto la loro par­te».

Non sarà stata la settimana delle Ar­den­ne, che sappiamo essere la tua preferita, ma che sensazioni ti lascia questo epilogo di 2023?
«Sono contento di aver acquisito più fi­ducia in me stesso, adesso so di potermi giocare delle chance nelle corse più prestigiose. Questa settimana così bella, oltretutto, è venuta dopo un periodo non semplice: poco più di un mese prima lasciavo la Vuelta per un problema intestinale, ripartire abbastanza forte da presentarmi al meglio in Lombardia non è stata una passeggiata».

Periodo reso ancora più difficile dal clima at­torno alla Soudal QuickStep, con le in­si­stenti voci sulla possibile fusione con la Jumbo Visma: è solo retorica o davvero re­spirare quell’incertezza sul futuro stesso del team vi ha dato una spinta in più?
«Io che ero sicuro di un contratto con un’altra squadra magari l’ho potuta vivere più serenamente, ma per la maggior parte dei miei compagni non è stato affatto bello aprire social, siti e giornali ogni mattina e leggere notizie sulla fusione, mentre noi internamente non sapevamo niente. Una situazione strana a cui abbiamo risposto facendo gruppo in modo ancor più coeso del so­lito, per dimostrare a tutti quanto il Wol­fpack fosse sempre vivo e pronto a lottare».

Avete sentito forte con voi la presenza del team manager Patrick Lefevere?
«Assolutamente sì, non era fisicamente in albergo ma ricordo una video-call nel bus in cui ci ha infuso sicurezza e convinzione a dare il massimo. Colgo l’occasione anche per ringraziare i membri dello staff: quella situazione era complicata per loro almeno quanto lo era per noi, ma hanno sempre dato il 100%».

Ben presente con voi era un maestro di nome Davide Bramati.
«Secondo me è uno dei direttori sportivi più bravi al mondo, una persona che sa trasmettere la giusta mentalità mantenendo il suo modo di fare gioviale e allegro».

Corsi e ricorsi: ti congedasti alla grande dalla Colpack nel 2019 vincendo il Pic­colo Lombardia, ti congedi alla grande dal WorldTeam belga con queste prestazioni e la seconda piazza al Lombardia. Bi­lan­cio dell’esperienza da “lupacchiotto”?
«Con alti e bassi, ma positivo. Ho avu­to periodi dove andavo meno forte e pure l’operazione al ginocchio sinistro di aprile 2021, ma tengo a dire che la squadra non mi ha mai messo pressioni o eccessive aspettative: me le mettevo più io di loro! L’unico vero rammarico è di non aver fatto meglio alla Freccia Vallone e alla Liegi-Bastogne-Liegi, ma sono soddisfatto di questo quadriennio: sono cresciuto tanto sia mentalmente che atleticamente ed è un bagaglio importante che mi porterò nel prossimo capitolo».

E apriamolo, questo capitolo! Col cambio di main sponsor da Segafredo a Lidl, la compagine griffata Trek di John Burke e Luca Guercilena ha lasciato intravedere intenzioni ambiziose: che sensazioni hai per questo passaggio da loro?
«Li conosco da tempo, sono organizzati e preparati e sono motivatissimo in vi­sta del primo ritiro di dicembre (ov­viamente in Spagna) anche perché han­no effettuato una grande campagna ac­quisti che, unita all’organico confermato, crea un ambiente in cui non vedo l’ora di lavorare e spingere».

Restando al solo parco scalatori, troverai ad esempio un Giulio Ciccone “a pois” che è sempre tra gli italiani più in vista, un giovane in rampa di lancio come Mat­tias Skjelmose, un uomo come Tao Geo­ghegan Hart che deve recuperare dal brutto infortunio ma comunque rimane un corridore di assoluto livello: prevale la fe­licità del confrontarsi con tali colleghi o il timore per la concorrenza?
«Alla concorrenza di prim’ordine mi sono abituato fin da subito in Quick­Step, correndo al fianco dei vari Ala­philippe, Evenepoel e via elencando. Ho imparato che la concorrenza ti stimola a migliorare e ti obbliga a guadagnare il ruo­lo di capitano nelle gare più adatte a te. La vedo solo come una cosa po­sitiva».

Sei contento inoltre di trasferirti in una squadra più "italiana" della precedente?
«Già, è la nazionalità più rappresentata nel loro roster, adesso lo sarà ancor di più con ben sette corridori: Mosca, Ca­taldo, Felline, Consonni, Milan, Cic­cone e appunto io. E c’è tanta Italia nello staff, da quello dirigenziale a quello tecnico e della comunicazione. Probabilmente mi sentirò più a casa: quando parli la stessa lingua, hai la stessa cultura e magari lo stesso modo di pensare, tutto è leggermente più facile».

Ci racconti la storia di questa trattativa?
«Avevo diverse offerte e col mio procuratore Manuel Quinziato abbiamo impiegato parecchio tempo a scegliere. Tra giugno e luglio abbiamo parlato con la Lidl Trek e, quando ci siamo resi bene conto del progetto che hanno in mente, ho deciso di accettare il contratto triennale che mi proponevano».

È un caso che le tue tre vittorie di quest’an­no (prima dell’ottima settimana fi­nale nel nostro Paese, successi di tappa in Vallonia a fine luglio e in Slovacchia a settembre) siano arrivate dopo quella firma?
«Ero più tranquillo e al contempo volevo dare il massimo per ringraziare co­me si deve la Soudal QuickStep».

Oltre ai successi già menzionati, hai al­zato le braccia pure alla Coppi&Bartali (seconda tappa) nello stesso 2020 del Tour de l’Ain, poi alla Drome Classic 2021 e nell’ultima frazione della Volta Cata­lu­nya 2022, prima del "trittico" dei mesi più recenti: a quale vittoria sei più affezionato?
«Direi l’ultima, il Gran Piemonte, proprio per il momento della squadra in cui è arrivata. Quel 5 ottobre mi sentivo benissimo e avevo detto al team che avrei voluto giocarmela: Mattia Cat­taneo è stato eccezionale in salita e in pianura, e sul traguardo di Favria ho ripagato lui e tutti quanti mettendo la mia bici davanti a quella di Marc Hirschi».

Al termine del Lombardia ti trovavi in un punto equidistante da Lugano, dove ti sei trasferito a inizio 2022, e dalla tua Lan­za­da in Valmalenco: dove sei andato?
«Ho festeggiato a Bergamo coi miei compagni, i miei tifosi e i miei affetti; successivamente sono andato a Lugano con Letizia Mauri, la mia fidanzata. Stiamo insieme da sette anni, lei si è dovuta abituare a stare accanto a un ragazzo che fa la vita da ciclista: non certo quella di una persona normale. Nonostante debba stare tanto tempo da sola, non mi fa mai mancare il suo supporto».

Come ti trovi nel Canton Ticino?
«Benissimo, anche perché alla fine è come stare nel nord Italia dove sono cresciuto. Ci sono diversi percorsi su cui allenarsi e, dettaglio non da poco, rispetto al mio paesino è più comodo per raggiungere Malpensa o Linate!».

Ultima curiosità, sul tuo fratellone: nei ritagli di tempo della sua attività (Nicola si è ritirato nel 2021 per proseguire la tradizione artigianale dei Bagioli: la produzione dei lavèc, tipiche pentole in pietra ollare) in bicicletta ci va ancora?
«Lui lasciò il ciclismo anche a causa di problemi alla schiena legati a un precedente incidente: nel periodo di convalescenza aveva riscoperto il tornio di nonno Renzo e aveva cominciato già ad affiancare quel vecchio/nuovo me­stiere a quello di corridore. Oggi alle due ruote preferisce arrampicarsi e sciare, magari un domani riprenderà a pedalare. Di sicuro, lo vedo felice».

Per i fratelli Bagioli, come per ciascuno di noi: a ognuno la sua felicità.

ALBO D'ORO OSCAR TUTTOBICI MAGLIA BIANCA

2018    Gianni Moscon
2019    Andrea Vendrame
2020    Filippo Ganna
2021    Filippo Ganna
2022    Luca Mozzato
2023    Andrea BAGIOLI

GIA' PUBBLICATI

ESORDIENTI I° ANNO - RICCARDO LONGO, IL PREMIATO PIU' GIOVANE

DONNE ESORDIENTI. ANNA BONASSI, LA TIFOSA DI LECLERC CHE VA FORTE COME UNA FERRARI

ESORDIENTI II° ANNO - SAMUELE BRUSTIA, NO AI VIDEOGAME E SÌ ALLA DIETA PER SOGNARE IN GRANDE

DONNE ALLIEVE - LINDA SANARINI, DAGLI EYOF AL SALTO TRA LE JUNIORES

ALLIEVI - ALESSIO MAGAGNOTTI, IL VESTITO ELEGANTE E LE DOMANDE PER GANNA

DIESSE DELL'ANNO - FABIO BALDATO: «BELLA GRATIFICAZIONE, GRAZIE A CHI MI HA VOTATO»

DONNE JUNORES - FEDERICA VENTURELLI, LA SCIENZIATA VOLANTE

JUNIORES - SIMONE GUALDI A CACCIA DEL DIPLOMA E DI ESPERIENZA TRA I PRO'

ÉLITE - NICOLO' GARIBBO: «FINALMENTE UN ANNO PERFETTO, MA VOGLIO CRESCERE ANCORA»

UNDER 23 - GIOSUE' EPIS: «VOLEVO L'OSCAR E CE L'HO, ORA... VOGLIO LE CLASSICHE»

Copyright © TBW
COMMENTI
Rivelazione
21 novembre 2023 13:21 Arrivo1991
Di certo, la rivelazione Italiana del 2023. Bravo e che il 2024 sia ancora piu' ricco di soddisfazioni

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Qui di seguito il comunicato della Israel Premier Tech che comunica la propria formazione per il Tour de France, dal quale si evince che per il secondo anno consecutivo Chris Froome non parteciperà alla corsa che fu sua per 4...


Un'assenza che fa rumore, quella di Remco Evenepoel al campionato nazionale in programma domenica. Il campione belga in carica ha annunciato che non correrà a causa di un raffreddore che lo ha colpito nelle ultime ore. La Soudal Quick...


Finale convulso e movimentato al termine della prima tappa (partenza ed arrivo a Pontedera) del terzo Giro della Valdera, gara nazionale per juniores organizzata dalla società “Una Bici X Tutti”. Ha vinto al fotofinish Riccardo Colombo al secondo successo stagionale...


Jasper Philipsen e Mathieu van der Poel continueranno a correre insieme fino al 2028 e avranno la possibilità di conquistare ancora tante vittorie. Oggi nella conferenza stampa dell’Alpecin-Deceuninck, Philipsen ha annunciato il suo rinnovo di contratto, che sarà quindi fino...


Nuovo successo in Sudamerica per la squadra  di Gianni Savio e Marco Bellini  che si è imposta con il giovane scalatore Cristian Rico sul traguardo di Ipia nella sesta tappa della Vuelta Colombia. Il leader Rodrigot Contreras ha mantenuto il...


Quello che scatta sabato 29 da Firenze sarà un Tour speciale per un corridore speciale: Romain Bardet. Che affronterà la Grande Boucle per l'ultima volta ma proprio alla vigilia ha firmato un prolungamento di contratto con il Team dsm-firmenich PostNL:...


Domani mattina incontrerà Papa Francesco. Un passaggio importante per il numero uno del Tour de France, Christian Prudhomme, che in questo anno molto “italiano” si è riempito gli occhi di bellezze italiche e domani si riempirà il cuore con l’incontro...


Un brutto colpo per il corridore e per la squadra: la Lidl Trek ufficializza la rinuncia di Tao Geoghegan Hart al Tour de France. Il corridore britannico è ancora alle prese con le conseguenze di un Delfinato sfortunato, nel quale...


In un ciclismo moderno in cui la contaminazione e la multidisciplina è diventata una bellissima realtà, ecco per voi la proposta SRK di Sportful,  un cycling kit che fa della versatilità la propria arma. Strada, gravel ed mtb, decidi con che...


Dal vaffa ricevuto da Tadej Pogacar sul Monte Grappa a un appello ai tifosi perchè non sbaglino come lui. La storia a lieto fine ha come protagonista Renato Favero,  un uomo di sport navigato ed esperto che al penultimo giorno del...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi