COPPI&BARTALI. Ganna a tu per tu

PROFESSIONISTI | 23/03/2016 | 20:52
Filippo Ganna, 19 anni, da Verbania, campione del mondo di inseguimento individuale, in maglia azzurra della Nazionale italiana, dorsale numero 4, alla vigilia della Settimana internazionale Coppi e Bartali.

Pronti?
“Via”.

La prima bici della tua vita?
“Ce l’ho in camera, smontata, da mettere a posto. Con una di adesso se ne fanno quattro di quelle lì. Mi era stata regalata dai nonni, d’estate, forse per il compleanno. Avrò avuto tre anni. Con quella bici ho collezionato tante cadute e consumato il prato del giardino di casa”.

Le altre bici?
“Tutte procurate dalle squadre. E regolarmente restituite alla fine dell’anno”.

Non ne hai tenuta neanche una?
“Una sì, pagando: quella che usavo da allievo. Non per me, ma per mio padre Marco. Gli piaceva”.

Ma almeno una bici, con i tuoi soldi, l’hai mai comprata?
“Una mountain bike. Per l’inverno”.

La prima cosa che guardi in una bici?
“La forma. Non dev’essere sottile, a me piace un po’ bombata”.

Poi?
“Guardo che il manubrio sia in linea con la ruota e che la sella sia diritta”.

In caso di necessità, sei capace di aggiustarti la bici?
“Se foro una gomma, sì. Se spacco il deragliatore, no. Ma grazie a Dio ci sono i meccanici”.

Che cosa ti metti nelle tasche della maglia?
“Il telefono, perché non si sa mai. I soldi, per fermarmi in un bar se vengo preso da una improvvisa crisi di fame. Poi ferri, bomboletta e camera d’aria. E la borraccia, ma quella va sul tubo obliquo del telaio”.

Ti è mai capitata una improvvisa crisi di fame?
“La più recente una settimana fa. Sono entrato in un bar e ho ordinato un cappuccino con brioche e tortina”.

I tuoi insegnanti?
“Il papà: mi ha inquadrato. La famiglia: mi è stata vicino. I tecnici: chi più chi meno, e Marco Della Vedova più di tutti. I compagni: per darmi morale in certi momenti in cui non saprei che cosa fare. E gli avversari: la loro presenza serve per migliorarmi, o per spingermi a migliorarmi”.

E’ più facile battere gli altri o te stesso?
“Gli altri”.

Perché?
“Perché non riesco a definire i miei limiti, e allora mi sembra di non dare mai tutto”.

Filippo, il bello della strada?
“Guardarsi in giro, scoprire posti e paesaggi, anche se di corsa”.

Il bello della pista?
“Non fa mai freddo. Tranne che, qualche volta, a Montichiari”.

In pista?
“Ho fatto un po’ di tutto, tranne la velocità”.

Inseguimento: meglio individuale o a squadre?
“Nell’inseguimento a squadre si fa più fatica di testa, perché se sbagli tu, fai sbagliare tutti, ed è una responsabilità pesante. Per questo il c.t. Marco Villa, ai Mondiali, non mi ha schierato subito. Invece nell’inseguimento individuale se sbagli tu, paghi tu, è colpa tua e basta”.

La tua prima corsa?
“Da G3, ad Alessandria. Terzo. Poi ho smesso: troppa fatica”.

Che cosa ricordi dell’oro mondiale nell’inseguimento?
“Il finale: vedevo la pista nera. Avevo dato tutto, ma proprio tutto, più di così non avrei potuto dare”.

L’inseguimento presuppone una posizione perfetta.
“Sì, ma quella la devo ancora trovare”.

Filippo, che cosa volevi fare da grande quando eri piccolo?
“Il pompiere”.

Poi?
“Mi è andata bene: il corridore”.

Il tuo primo eroe?
“Un cartone animato”.

Poi?
“Fabian Cancellara”.

Lo hai incontrato e conosciuto?
“L’ho intravvisto, due anni fa, ai Mondiali di Firenze”.

Il primo autografo chiesto?
“A mio padre per uscire di scuola prima del tempo”.

Poi?
“Non mi ricordo più”.

Il primo autografo fatto?
“Sul mio diario, ma cercando di imitare la firma di mio padre”.

I primi tifosi?
“La mia famiglia”.

Luigi Ganna: ti dice qualcosa?
“Varesino di Solbiate Olona, vincitore del primo Giro d’Italia, nel 1909”.

Sai che cosa disse, all’arrivo dell’ultima tappa?
“No”.

Disse: “Me brusa el cu”.
“E a chi non brucia”.

Marco Pastonesi
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

il norvegese Markus Hoelgard, portacolori della Uno-X, ha vinto la tappa conclusiva dell'Arctic Race Tour precedendo il connazionale Grondhal Jansen. Terza posizione per Alexey Lutsenko che è riuscito a ribaltare la situazuone di partenza e a strappare a Warren Barguil...


Vittoria di Marco Landi nel 19simo Trofeo città di Conegliano per elite e under 23. Il corridore della Zalf Fior ha superato sul traguardo di Scomigo (Tv) Yuri Colonna, del Team Casillo Maserati e Mattia Bais del Cycling Team Friuli....


  Autentica tappa per uomini da classiche, l'ultima del Binck Bank Tour: vittoria per Oliver Naesen che ha preceduto Van Avermaet e De Plus. Proprio quest'ultimo, 23enne scalatore belga, ha conquistato il sucesso finale regalando alla Jumbo Visma l'ennesimo trionfo...


C'è la firma del britannico Fred Wright sulla quarta tappa del Tour de l'Avenir, la Mauriac - Espalion di 158, 2 km. Secondo posto di giornata per lo svizzero Joël Suter e terzo per il norvegese Soren Waerenskjold  con l'azzurro...


Successo del veronese Federico Zorzan nel 17simo Gran Premio Dmt-7^ Gran Premio Alè per Juniores che si è disputato a Castel Dario nel Mantovano. Il giovane corridore della Autozai Contri Omap ha preceduto Luca Cretti del Massì Supermercati e Alessio...


Un centinaio di juniores compresa la Nazionale della Slovenia, hanno preso parte alla 58^ Coppa Pietro Linari, svoltasi a Borgo a Buggiano su di un tracciato che prevedeva dopo 5 giri in pianura, per tre volte la scalata di Buggiano...


Sono tante 103 edizioni di una gara ciclistica. E’ il numero raggiunto quest’anno dal Giro del Casentino vinto da grandi campioni del pedale come Fausto Coppi che si aggiudicò la gara 80 anni or sono. Proprio ricordando l’impresa del “Campionissimo”...


Di rientro dai mondiali in pista di Francoforte, dove si è classificato al quinto posto nell'Inseguimento individuale, Andrea Piccolo ha subito lasciato il segno con una grande impresa. Il corridore del Team Lvf ha conquistato per distacco la corsa in...


Dominio assoluto della Mitchelton Scott sulle strade della Repubblica Ceca. Lucas hamilton ha infatti vinto la quarta e ultima tappa della corsa davanti al compagno di squadra Daryl Impey. E nella classifica finale, parti invertite con Impey primo e Hamilton...


Un altro successo di prestigio per Marta Bastianelli. La campionessa italiana e vincitrice del Giro delle Fiandre, si è imposta nella Postnord Vargarda West Sweden gara di World Tour donne elite che si è disputata in Svezia sulla distanza di...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy