QUEL CHE MI CONFA'. NON VEDO L'ORA DELLA PROSSIMA ROUBAIX

DONNE | 14/10/2021 | 08:00
di Maria Giulia Confalonieri

Ciao a tutti,


come state? Io sto ricaricando le pile al termine della stagione agonistica. Il mio 2021 si è concluso con la prima Paris-Roubaix femminile della storia, un'esperienza per me poco fortunata ma bellissima e che non vedo l'ora di ripetere. Da seguire dal divano di casa sono sicura sia stata una gara appassionante e spettacolare, per noi che ne siamo state protagoniste è stata una prova durissima, di cui essere orgogliose.  


Dopo due anni di rimandi avevamo una grande voglia di correrla, come team Ceratizit-WNT Pro Cycling avevamo buone aspettative, dopo il campionato del mondo sapevo di avere buone gambe e anche Lisa Brennauer eravamo fiduciosi sarebbe stata della partita. L'Inferno del Nord, reso ancora più imprevedibile dal maltempo, si è dimostrato un terno al lotto. Fin dai primi 5-6 settori c'è stata una grande selezione in gruppo tra chi forava, chi cadeva, chi non riusciva a tenere il passo. 

Eravamo rimaste in una quindicina all'inseguimento di Lizzie Deignan, alla fine vincitrice di questa edizione che resterà nella storia, quando una delle prime atlete è finita a terra e io con altre quattro non siamo riuscite a evitarla. A causa delle botte rimediate e della difficoltà a recuperare la bici ci ho messo troppo a rimontare in sella e non sono più riuscita a rientrare nel drappello delle migliori. Lisa è riuscita a chiudere quarta, io mi sono dovuta accontentare della 22a piazza nonostante le mie gambe sono convinta valessero di più. Ad ogni modo, non vedo l'ora di disputare di nuovo la Roubaix ad aprile. 

Spero in un pizzico in più di fortuna, elemento fondamentale in questa gara, e di provarla in versione asciutta. A causa della pioggia gli ultimi settori erano così scivolosi che non si poteva nemmeno spingere. La priorità era riuscire a stare in bicicletta. Lo si è visto il giorno dopo anche con i ragazzi, sul pavè bagnato era come andare sul ghiaccio.

L'esperienza maturata nel ciclocross nelle categorie giovanili con il GS Fiorin sicuramente mi è servita e mi servirà tra 6 mesi: saper guidare la bici e capire al volo dove conviene mettere le ruote fa la differenza. Per le prossime volte mi auguro gli organizzatori aumentino il chilometraggio, 115 km sono pochini anche se c'è tanto pavè. Per evitare una lotta per le posizioni esagerata e ridurre i rischi sarebbe opportuno allungare il tratto che precede il primo settore di pavè (questa volta è stato di soli 30 km, vissuti come una lunga volata visto che tutte volevamo prenderlo in testa) e portare la corsa a 140-150 km come le altre classiche.

A proposito di “prime volte” memorabili, sono felice che oggi verrà presentato il Tour de Femmes, il Tour de France per noi donne che finalmente torna ad affiancare il Giro d'Italia Donne, finora l'unica grande corsa a tappe in cui potevamo cimentarci. È un altro passo importante per lo sport al femminile e per tutto il ciclismo come movimento in generale.

Siamo sulla strada giusta, proprio come Machining meets Cycling by CERATIZIT che procede a passi spediti per la crescita di giovani ciclisti lavoratori.

A presto,

MG

Copyright © TBW
COMMENTI
Sara'
14 ottobre 2021 09:42 Forza81
Di questo ciclismo improvvisato, sara' felice El Miguelon e il suo socio. Ossessionati da dover aver ragione, salvo non sapere indicare nessuna soluzione.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La stagione agonistica si è appena conclusa e ancora una volta chiediamo ai lettori di esprimere il proprio voto per eleggere il miglior tecnico italiano della stagione. Insieme ad alcuni grandi saggi, abbiamo selezionato una rosa di sette tecnici per...


Si chiama Tomas Van Den Spiegel ed è il CEO di Flanders Classics. Arriva dal basket e con i suoi 214 cm di altezza vuole riscrivere le leggi del ciclocross. Presidente della Lega Europea del Basket, nel suo passato ci...


I mondiali di Roubaix hanno entusiasmato l’Italia del pedale che ha applaudito i risultati migliori sempre - 10 medaglie complessive - al termine di una settimana eccezionale.Un’emozione che ha coinvolto anche chi le imprese azzurre ha raccontato come Marco Cannone,...


Tra iscrizione al World Tour 2022 ancora mancante, svincolamento dei corridori e ricerca di sponsor last minute, le ultime due settimane hanno fatto sorgere una fatidica domanda tra gli appassionati di ciclismo: che ne sarà della Qhubeka? L'abbiamo chiesto direttamente...


Conclusione in volata per l'Oscar tuttoBICI Gran Premio Eolo riservato agli Esordienti di secondo anno (nati nel 2007): dopo una lotta serratissima il successo è andato al trentino Alessio Magagnotti, portacolori della CC Forti e Liberi. Novantanove i punti conquistati...


Tempo di festeggiamenti in casa della Scuola Ciclismo Mincio Chiese. A pedali fermi e stagione agonistica portata a termine, il sodalizio mantovano si è dato appuntamento a Ceresara per chiudere il 2021. Con i saluti del consigliere comunale con delega...


Nasce a Napoli la prima scuola di ciclismo riconosciuta dalla Federazione Ciclistica Italiana. La Bike School Napoli è gestita dall’associazione sportiva dilettantistica Emmevi con Mario Fontana come direttore tecnico che opera sul territorio metropolitano da dieci anni...


Una bella novità in Toscana a sostegno dell’attività del paraciclismo, frutto di un accordo raggiunto tra Publiacqua e Comitato Regionale Toscana che sarà presentato domenica mattina 24 ottobre a Campi Bisenzio in occasione della gara nazionale di Handbike “Gastone Nencini...


Non si è interrotta neanche nel 2021 la tradizione positiva che lega il Bici Club Spoleto “Castellani Impianti” al Circuito dei Due Mari, giunto al termine domenica 24 ottobre con la Gran Fondo Città di Fara in Sabina. La compagine...


«Non vedo l'ora di sistemare la situazione del mio cuore che in questa fase è stato ballerino. Si sono verificati un paio di piccoli episodi in corsa in cui la frequenza era salita ed ora abbiamo deciso di risolvere il...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO
SONDAGGIO
OSCAR TUTTOBICI 2021. SCEGLIETE IL MIGLIOR TECNICO ITALIANO DELL'ANNO
I voti dei lettori saranno conteggiati insieme a quelli di una giuria di addetti ai lavori e giornalisti specializzati





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI