TRE CORRIDORI DENUNCIANO IL GRUPPO: RUOTE SOSPETTE, RUMORI STRANI E QUELLE BEVANDE

TOUR DE FRANCE | 17/07/2021 | 09:14
di Guido La Marca

Altro che insinuazioni giornalistiche, qui siamo alla delazione, a gole profonde e lingue biforcute, corridori (tre, assicurano francesi) che hanno denunciato alcuni fatti, dopo averli vissuti sulla propria pelle e in mezzo al gruppo. Corridori che hanno detto basta, così non va e hanno denunciato rumori strani che provengono dalle ruote di quattro team, i più vincenti di questo Tour. Accuse pesanti, che la dicono lunga sul clima che si è venuto a creare. Adesso le autorità compententi stanno cercando di capire l’origine di questi rumori sospetti, ma hanno posto le attenzioni anche su alcune bevande.


Anonimamente, uno di loro ha segnalato - racconta il quotidiano svizzero “Le Temps” - "strani rumori metallici" provenire dalle ruote posteriori di quattro squadre, tra queste il Baharain che ha ricevuto mercoledì scorso la visita dei gendarmi. «È un rumore metallico, come una catena mal regolata. Non si tratta più di un motore nelle bielle o di un sistema elettromagnetico nei cerchioni, ma di un dispositivo nascosto nel mozzo. Potenza attraverso i freni. L'inerzia è memorizzata come in F1», spiega al quotidiano elvetico uno delle tre gole profonde


Sotto la lente delle autorità competenti, sono finite anche alcune bevande. Alcune lattine che diversi ciclisti ricevono nelle fasi conclusive delle tappe. «Chi l'ha fatto ci ha detto che non sapeva cosa stava bevendo», spiegano. I sospetti cadono sui già famosi chetoni (bruciano i grassi per produrre energia) e gli idrogel di Maurten (permettono una maggiore conduzione degli zuccheri): è da tempo che sono sulla bocca di tutti.

 

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Se
17 luglio 2021 09:41 noel
fosse, sarebbe il colpo di grazia...

KEERS
17 luglio 2021 09:53 Hal3Al
si chiama.eco perchè fanno i 50 di media...ma anche basta gettare letame,questa cultura del sospetto fa solo male al nostro sport.
I controlli ci sono su mezzi e atleti e non pochi.
Se parlate supportate anche con delle prove.

errata corrige
17 luglio 2021 10:06 Hal3Al
Kers e "ecco",scusate gli errori.

le prove
17 luglio 2021 10:31 alerossi
ho solo letto gente parlare a caso, senza mai portare prove certe. quindi se non hai le prove, stai zitto.

ma io dico
17 luglio 2021 10:35 Line
allora perché subito dopo la gara , non vanno con la polizia e prendono le bici di quelli che si sentono i rumori ? ma facciamola finita come quando si diceva che usavano i motorini ...chi ne ha guadagnato di più da quella storia ... come sempre chi li fa e chi li vende ...

Verbo volant........
17 luglio 2021 11:18 Carmelino53
Come al solito chiacchiere a vuoto.........

aspettiamo
17 luglio 2021 11:30 mandcu
il doping meccanico c'è stato nella storia del ciclismo, ma ritengo che sia molto difficile da attuare... se sentite questi rumori chiamate la polizia a fine tappa...
sicuramente è solo questione di tempo e scoppierà un nuovo scandalo, le vittorie slovene, le medie altissime, il volare in salita, la polizia....

files
17 luglio 2021 12:05 limatore
il sequestro dei files penso che vada in questa direzione. Performance eccessive e pochi watt darebbero di che sospettare. Certo se poi si dice troppi watt = doping non se ne esce più. mettiamo il limitatore e giaochiamoci le vittorie a briscola.

imbarazzanti
17 luglio 2021 12:18 VERGOGNA
w gli omertosi e quelli che credono alle favole

Chiacchiere.....
17 luglio 2021 12:31 GianEnri
E' dai tempi di Cancellara, Hesjedal e da ultimo Roglic che si parla di aiuti elettronici e non mi pare si sia mai dimostrato nulla. I signori "aspettiamo" continuino ad aspettare ma nel frattempo si dedichino a guardare altri sport anche perché il ciclismo non ha bisogno di invidiosi e sospettosi.

come diceva Mina
17 luglio 2021 13:43 fransoli
parole, parole, parole... e poi come hanno già scritto altri utenti sopra, sarebbe la cosa più facile da scoprire... fai una denuncia all'autorità competente che a fine tappa sequestra il mezzo sospetto e lo smonta pezzo per pezzo.... ma nessuno lo fa... si preferisce mandare 50 agenti a perquisire un hotel sperando di trovare chissà che cosa.... tutto molto surreale

QUALCUNO DEVE SPIEGARE L'IMPOSSIBILE
17 luglio 2021 14:25 soichan41
Dobbiamo constatare che ormai i campioni nascono solo in Slovenia e mica campioni ma campioni irresistibili.....ed instancabili!!!!!
Il ciclismo ( ma forse dello sport in genere) è pulito?...alle medie attuali non resisterebbe neanche una moto di piccola cilindrata e le medie tendono addirittura a salire.
Jai Hindley e Tao Geoghegan Hart che hanno spopolato al Giro del 2020 che fine hanno fatto? Il primo al Giro di quest'anno sparito e mai in gara il secondo all'attuale Tour è 60° in classifica ad oltre 2 ore e trenta!!!!!
Come mai campioni irresistibili all'improvviso e schiappe incredibile sempre all'improvviso?
Tutti i creduloni mi potrebbero dare una risposta in merito?

ASPETTIAMO
17 luglio 2021 14:55 libero pensatore
Come si dice,non c'è fumo senza arrosto,se c'è qualcosa di losco verrà fuori,che ci siano cose strane mi sembra lampante.

La semplice verità
17 luglio 2021 15:24 pickett
Vent'anni fa si sosteneva che il doping fosse sempre un passo avanti all'antidoping.Oggi non é più un passo avanti,é un km avanti.Ai corridori di squadre con 100 miliardi di budget, i controlli antidoping fanno un baffo.Immagino le loro risate dopo ogni controllo.Infatti non beccano + nessuno,a parte qualche povero ragazzo delle squadrette continental,che ricorre a sostanze ormai preistoriche come EPO e cortisone.E non c'é nulla da fare;quarant'anni fa l'esimio Prof. Conconi ha aperto una porta che,lo si sapeva fin da allora,non si sarebbe mai più potuta chiudere.

Aspettiamo sempre
17 luglio 2021 15:25 GianEnri
Signor Aspettiamo, ci indichi cortesemente le cose strane che Lei ha visto

Quelli che sanno tutto
17 luglio 2021 15:39 GianEnri
Caro Pickett, volevo commentare il tuo assurdo post su Mohric ma era troppo complicato spiegarti il ciclismo e pertanto ci rinuncio. Tu sai tutto

GianEnri
17 luglio 2021 16:30 Finisseur
Mi sa che spieghi poco tu. Mi sa che dentro il ciclismo ci sei poco o se ci sei hai interesse ad essere omertoso come molti. Ciò che ha scritto qui picket è il segreto di pulcinella

Watts e Record Salite
17 luglio 2021 16:49 Stefazio
Non so se c'è qualcuno che fa il furbo, ma mi sembra che le prestazioni degli ultimi 10 anni siano molto in linea con quello che i fisiologi indicano come il confine tra una prestazione pulita ed una dopata. Cioé, all'incirca 6,2/6,3 watt-kg per una prestazione di 45 minuti a fine tappa. E quindi 400/420 watt per ciclisti di 65 kg circa. Carapaz sul Col de Portet ha fatto segnare 364 watt per 50 minuti. 6,03 watt/kg. Vingegaard sul Ventoux con 48'24", pur staccando Pogacar, ha preso quasi 3 minuti da quelli del Tour 1994 che correvano con bici in acciaio e non si preparavano sul Teide ...

Lence
17 luglio 2021 19:27 mcipo
Come ha detto un campionissimo cancellato dagli albi del ciclismo:
Finché ci sarà aria sui copertoni ci sarà doping...... Come contraddirlo tanto meno biasimarlo

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Continua più appassionante che mai la lotta in vetta alla classifica dell'Oscar tuttoBICI Gran Premio Aude Kitchen riservato agli juniores. Al giro di boa di metà settembre al comando si è portato Alessandro Pinarello della Borgo Molino Rinascita Ormelle che...


Si preannunciano settimane di fuoco, le ultime per la stagione degli Allievi: la classifica dell'Oscar tuttoBICI Gran Premio Nove Colli è infatti ancora aperta e c'è spazio per andare all'assalto della leadership detenuta in questo momento da Juan David Sierra...


Pescara farà da palcoscenico per la 74a volta al Trofeo Matteotti. Un traguardo, questo, che è il frutto di tanta dedizione e della professionalità da parte dell’Unione Ciclistica Fernando Perna con la regia del patron Daniele Sebastiani, coaudivato dal direttore...


Linda Sanarini viaggia verso il trionfo nell'Oscar tuttoBICI Gran Premio Androni Giocattoli: il vantaggio della ragazza della Scuola Ciclismo Vo' sembra ormai rassicurante anche se le avversarie, naturalmente, non hanno intenzione di demordere. Le ultime settimane di corsa per la...


l Piccolo Principe oggi raggiunge quota 40. Damiano Cunego è nato il 19 settembre 1981 (una grande leva per il ciclismo) e abita a Cerro Veronese, tra i monti scaligeri. E’ il paese in cui ha vissuto anche la popolare...


Dal ciclismo, suo amore da sempre e per sempre, Fabrizio Iseni ha imparato a guardare avanti, a pensare sempre al prossimo traguardo, ad una nuova sfida. Con questa filosofia Fabrizio ha impostato la sua attività imprenditoriale e si appunta oggi...


Nonostante le incerte condizioni atmosferiche ha riscosso grande successo la 28^ edizione della Pedalata dell'Amicizia che ha visto impegnati giornalisti e ciclisti professionisti svoltasi in provincia di Verona e partenza dal capoluogo scaligero. A dare il via all'attesissimo e immancabile...


  Si disputa oggi la la 71^ Targa Crocifisso, classico appuntamento per dilettanti in quel di Polignano a Mare, provincia di Bari. Sono 138 gli atleti iscritti alla gara nazionale - riservata a elite e under 23 - organizzata dalla...


Due juniores toscani che non avevano ancora vinto in categoria, il pisano di Migliarino, Federico Savino ed il mugellano di Borgo San Lorenzo Jacopo Militello, i due protagonisti finali del Gp Città di Lajatico-Memorial Mario Rifiuti, una corsa viva e...


Era in Belgio per raccontare i campionati del mondo come opinionista di Tv2: Chris Anker Sørensen è morto oggi dopo essere stato investito da un furgoncino mentre si concedeva un giro in bicicletta. Ex professionista di lungo corso, aveva 37...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI