REVERBERI. «GIULIO IN GIALLO, CHE GIOIA! MA ANCHE CHE RABBIA...».

TOUR DE FRANCE | 12/07/2019 | 10:00
di Pier Augusto Stagi

Per certi versi è anche lui un po’ Giulio Ciccone: affranto ed ebbro di gioia. Due sentimenti che si scontrano per poi allontanarsi, fare un giro immenso e ritornare.

Ieri pomeriggio Ciccone è stato una sorta di Giano bifronte: la maschera della sofferenza e della sconfitta per la vittoria sfuggita proprio sul traguardo, e poco dopo, la gioia immensa e incontenibile per una maglia gialla che è il premio consolatorio più bello e insperato.

Lo stesso Bruno Reverberi, manager di lungo corso con la sua Bardiani CSF Inox, che questo ragazzo ha lanciato al professionismo, vive un contradditorio stato d’animo. Lo zio è felice come un bimbo, ed è  deluso come pochi.

«Sono felice. Voglio dirlo subito e sinceramente, sono felice davvero come non lo ero da tempo – ci dice Bruno -. È un premio che si merita questo ragazzo, la Trek Segafredo che l’ha ingaggiato quest’anno, la Colpack e tutte le società di base, ma è un importante riconoscimento anche per i miei sponsor, che ci consentono di svolgere un’attività estremamente importante senza pressione. La Bardiani e la Csf Inox non ci chiedono la luna, ma una bella attività, volta alla crescita di ragazzi di talento come Ciccone o Colbrelli per citarne solo un altro. Sonny, un altro ragazzo che mi piacerebbe tanto che riuscisse a vincere una bella tappa, perché se lo meriterebbe davvero…».

Bruno è tutto zucchero e miele, ma lo conoscete bene anche voi che seguite le vicende del ciclismo: sa anche essere molto duro. «Ho pianto. Te lo dico sinceramente, guardando Giulio in maglia gialla ho pianto: sia per l’emozione di un traguardo incredibile, sia per quello che noi società Professional abbiamo fatto in questi anni e continueremo a fare. Ho pianto di rabbia per una politica che non capisce. È giusto innalzare l’asticella. È giusto chiederci sempre qualcosa di più per migliorare, ma a fronte di cosa? Dateci almeno un’attività chiara da vendere sul mercato. Solo questo chiediamo. Ma lasciamo perdere, adesso voglio godermi questo momento. Giulio ha fatto un regalo a me, al ciclismo italiano, ai tanti appassionati, ai suoi e ai nostri sponsor: a tutti. Mi spiace solo che gonfino il petto anche alcuni dirigenti che dovrebbero solo allargare le asole della giacca».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Sudore più sacrificio uguale successo. È questo il motto di Andrea Vendrame, che si appresta a fare il grande salto nel World Tour e a vivere una nuova pagina della sua promettente carriera. Il 25enne trevigiano, passato professionista nel 2017...


  "La grande cultura del ciclismo è quella di far ritrovare tanti amici che hanno come obiettivo la crescita dei ragazzi" e "questa stagione, ricca di risultati, è stata caratterizzata, fino ad ora, da 78 medaglie proprio nell'anno che precede...


  Tra le belle sorprese che ci ha regalato il 2019 c'è Nicola Venchiarutti. Ventuno anni, friulano di Osoppo, 30 chilometri a nord di Udine, Nicola è passista veloce che si difende bene anche in salita. Quest'anno con il Cycling...


La macchina organizzativa del Memorial Efisio Melis è già all’opera per realizzare una manifestazione che possa replicare il successo delle edizioni precedenti in ricordo di un grande dirigente della Polisportiva Capoterra che ha guidato una delle più gloriose società ciclistiche...


Il Velo Club Sovico ha iniziato il cammino verso la nuova stagione. Sabato i sei atleti che il prossimo anno formeranno la squadra Esordienti hanno passato alcune ore assieme ai tecnici Gabriele Buttini e Mattia Redaelli per gettare le basi...


I prodotti utilizzati dai team professionistici di ciclismo fanno sempre gola agli appassionati. Succede così che quando i team decidono di mettere in vendita il materiale utilizzato durante l'anno, ci sia sempre molto interesse da parte dei fan. La regola...


  Partì da Boston il 27 giugno 1894: aveva 24 anni, una bicicletta-cancello (Columbia) di una ventina di chili, la gonna lunga e una pistola. Arrivò a Chicago il 12 settembre 1895: aveva 25 anni, una bicicletta da uomo (Sterling)...


  Per diciotto anni è stato uno dei fari, dei punti di riferimento del gruppo. Uno dei più apprezzati e riconosciuti corridori in gruppo. Per il suo talento, la sua correttezza, per una storia fatta di vittorie raccolte per sé...


La sua positività - ovviamente anonima, visto che M.C. ha solo 15 anni - riscontrata al termine di una corsa aveva creato naturalmente scalpore. Anche perché l’asettico cominicato di NadoItalia parlava genericamente di steroide anabolizzante. La sua assoluzione, decretata oggi...


Giornata importante, quella di oggi, per la famiglia Bonifazio: la Total Direct Energie ha infatti annunciato il prolungmaneo del contratto di Niccolò, che in questa stagione ha colto sette vittorie con la maglia del team francese, e l'ingaggio di suo...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy