LE STORIE DEL FIGIO. Rino l'autista

STORIA | 17/09/2016 | 07:34
All’anagrafe di Milano, dove è stato registrato ottantatré anni fa, è Salvatore Motta. Poi è entrato in uso il diminutivo e, per tutti, è Rino Motta. Non ha specifici trascorsi ciclistici in qualità di corridore in quanto, pur animato da viva passione, il suo passato di pedalatore l’ha visto impegnato nelle categorie giovanili, tesserato per la nota società Spallanzani di Milano dei tre fratelli Zanazzi, senza però ottenere risultati di particolari rilievo. Era il ciclismo un po’ rusticano degli anni 1950, un ciclismo diffuso e praticato da molti giovani dell’epoca che non avevano tante alternative – oltre che possibilità – per cimentarsi in altre discipline sportive.

Il ciclismo è sempre stato comunque - ed è - la passione più sentita della vita per Rino Motta. Una passione che ha potuto coltivare e alimentare anche nel lavoro, che l’ha visto essere, per lunghi anni, un autista di punta della sede Rai di Milano e, quando c’era il ciclismo, il tanto ciclismo di allora, Rino Motta era sempre disponibile, in modo entusiastico. Ha condotto le vetture di molti giornalisti della Rai – sia radio, sia tv - nelle varie competizioni del calendario nazionale e internazionale coperte dall’emittente nazionale. Era nel gruppo degli autisti, definiamoli “specialistici”, delle corse e ha condotto le vetture dei più noti commentatori, un nome per tutti, quello di Adriano Dezan. Il massimo, per la sua passione, era però condurre la vettura delle riprese in movimento, nel vivo della corsa, per documentarla quando la tecnologia delle riprese era quella del RVM (registrazione video mobile) per le parti della corsa riprese prima dell’arrivo che era documentato dalle telecamere fisse. La vettura del RVM, con botola sopra il tettuccio per ampliare il campo visivo dell’operatore della telecamera che registrava le vicende agonistiche su nastro, era sempre nel vivo della corsa e, non infrequentemente, era vivace (eufemismo) il confronto con la direzione corsa e la giuria per il rispetto delle distanze.

E’ stato, ed è, sempre difficile contemperare il regolamento e la regolarità della corsa con i mezzi di ripresa a disposizione per la migliore documentazione dei momenti agonistici. Poi, in prossimità dell’arrivo, la fuga a tutta velocità verso il traguardo per consegnare tempestivamente le bobine delle immagini girate, la “pizza” in gergo televisivo, che era proposta in onda e commentata dal telecronista. Talvolta c’era una propria e vera staffetta per proporre in anticipo sulla ripresa in diretta dell’arrivo le fasi registrate della corsa.
In tutto questo il ruolo, la capacità, l’esperienza e la conoscenza della corsa e delle abitudini e dei comportamenti dei corridori da parte dell’autista della vettura di ripresa erano comprensibilmente importanti, se non fondamentali.

Molti sono gli episodi e gli aneddoti che Rino Motta ricorda in argomento. Pure aldilà del lavoro specifico Motta s’interessava del ciclismo di tutte le categorie stabilendo rapporti d’amicizia con molti personaggi del mondo delle due ruote che ha conservato anche dopo il momento della pensione.
La continuità con la Rai è stata poi data dal figlio Paolo, entrato in azienda giovanissimo come operatore di ripresa anche nel ciclismo e che, purtroppo, cinque anni fa, a soli trentacinque, ha dovuto soccombere a un male crudele, senza scampo. E' stato ed è un comprensibile, grande, dolore per Rino Motta già provato dalla prematura scomparsa, qualche anno prima, della moglie Annamaria e del suo unico figlio.

Rino Motta però si dimentica della carta d’identità e continua nella sua frequentazione di vari amici del ciclismo e, fra questi, Brunello Fanini, l’organizzatore del Giro di Toscana donne che lo annovera fra i collaboratori del suo variato “entourage” e che talvolta lo deve disciplinare nel suo straripante entusiasmo. La Toscana, con base ai Violi di Cintolese di Monsummano Terme degli amici della famiglia Rosellini, è un po’ la seconda casa di Rino Motta. E’ molto legato anche al “premio Emilio e Aldo De Martino-amore per lo sport” con Carla Inzoli De Martino. Sempre un po’ nel segno della Rai. Si presenta sempre come Rino Motta - Rai Milano. Sono ottantatré le primavere, anzi quasi ottantaquattro, e non dimostrarle mettendo in campo un attivismo e un entusiasmo non comuni.

Giuseppe Figini
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Con qualche giorno di ritardo rispetto alle altre, è arrivata dall'Uci la licenza per entrambi i team Mitchelton Scott. Entrambe naturalmente per il WorldTour: quella maschile è la diciannovesima squadra della massima categori , quelal femminile completa il pacchetto di...


Vincenzo Nibali è felice della nuova avventura che inizia con la Trek Segafredo, ma nel ritiro siciliano del team scorgiamo un velo di malinconia nei suoi occhi. E lui non esita a spiegarcene il motivo: «Ieri Rosario Costa avrebbe compiuto...


La Movistar rafforza il suo il suo organico con l’inserimento dei due migliori pistar spagnoli: Albert Torres (classe 1990) e Sebastián Mora (classe 1988) vestiranno la maglia della formazione di Unzué e alterneranno il calendario su strada alla preparazione per il...


Ed eccoci all'ennesimo caso... L'Uci ha annunciato che al corridore portoghese Domingos Gonçalves è stata notificata una violazione del Regolamento Antidoping per uso di sostanze proibite sulla base di anomalie registrate nel periodo 2016-2018 nel suo passaporto biologico. Il...


È nella meravigliosa cornice della Terrazza 21 che si affaccia sul Duomo di Milano che inizia la grande avventura del Trinx Factory Team, azienda cinese produttrice di biciclette, e del Team Manager Luca Bramati. Quello che è uno degli organizzatori...


Presentata oggi nella cittadina marchigiana la 55^ edizione della Corsa dei due Mari, in programma dall’11 al 17 marzo 2020 e organizzata da RCS Sport/La Gazzetta dello Sport. Percorso che strizza l’occhio a corridori completi che senza la cronosquadre iniziale...


  Lutto per Renzo Maltinti, popolare e conosciuto presidente da 43 anni del gruppo ciclistico dilettanti Maltinti Lampadari-Banca Cambiano. All’età di 84 anni è scomparso a Empoli il fratello Emilio. I funerali si svolgeranno domani venerdì alle ore 14, 30...


Dopo l’esordio dell’anno scorso per presentare la variante legata alla tappa del giro d’Italia, il comitato organizzatore della Sportful Dolomiti Race è tornato in bicicletta vestito da Babbo Natale per presentare la novità del 2020: una variante al percorso Medio....


Radunata per il suo primo ritiro stagionale in Sicilia, la Trek Segafredo ha ufficializzato il calendario 2020 dei suoi campioni più attesi a cominciare dal campione del mondo Mads Pedersen che aprirà la sua stagione con la prima gara WorldTour...


Anche il Team Bahrain Mclaren ha deciso di utilizzare solo ruote con freno a disco nelle gare su strada nel 2020. Per fare questo ha scelto il brand Vision,  il marchio aero di FSA guidato da Claudio Marra e Maurizio Bellin....


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy