MORTIROLO. Contador il più veloce, ma il record di Gotti tiene

GIRO D'ITALIA | 26/05/2015 | 19:01
Alberto Contador ha prodotto una performance eccezionale sul Mortirolo, coprendo gli 11,850km con pendenza media del 10.9% (massima del 18%) e dislivello 1289 metri in 45 minuti e 7 secondi. Un tempo notevole, soprattutto considerando che lo spagnolo doveva recuperare da una posizione di svantaggio, con 50 secondi di gap dal gruppetto Aru. Tuttavia, il primato di Ivan Gotti è rimasto intaccato.

In occasione del Giro d'Italia 1996, il bergamasco aveva fermato il tempo sui 42 minuti e 40 secondi, peraltro con a ruota il russo Pavel Tonkov. Dunque, El Pistolero ha impiegato 2'27'' in più. Gotti aveva inoltre prodotto un altro tempone l'anno seguente con un 43'10'' al Giro del 1997. Marco Pantani, nel 1994, aveva impiegato 43'55'' (ma non era l'ultima salita di giornata), mentre Franco Chioccioli, nel 1991, 46 minuti netti. Il gruppetto formato da Gotti, Heras e Simoni ripetè il 43’10” al Giro 1999, il record di Ivan Basso è stato di 44’44” nel 2006, mentre Contador scollinò con Riccò e Sella a 46’12” nel 2008.

Questi i tempi degli atleti più veloci al passaggio sul Mortirolo nella tappa odierna del Giro:

1. Alberto Contador - 45'07' media oraria 15.76km/h
2. Steven Kruijswijk - 45'56''
3. Mikel Leana Landa - 46'00''
4. Andre F. Cardoso - 46'35''
5. Ryder Hesjedal - 46'52''
6. Yury Trofimov - 46'54''
7. Andrey Amador - 47'42''
8. Fabio Aru - 47'50''
9. Damiano Caruso - 48'12''
10. Alexandre Geniez - 48'20''
11. Leopold Koenig - 48'23''
12. Carlos A. Betancur - 48'41''
13. Stefano Pirazzi - 48'53''
14. Darwin Hurtado Atapuma - 49'01''
15. Igor Anton - 49'10''
16. Tanel Kangert - 49'37''
17. Maxime Monfort - 49'53''
18. Jurgen Van Den Broeck - 49'56''
19. Mikel Nieve - 50'13''
20. Giovanni Visconti - 50'43''

Diego Barbera
Copyright © TBW
COMMENTI
Non voglio mettere il dito nella piaga...
26 maggio 2015 19:21 Cerbero
Però ragazzi, io più guardo i vecchi tempi e più mi chiedo se ci sia senso nel confrontarli con quelli di gente sicuramente più controllata, non dico più pulita (non ci metto la mano sul fuoco, ma sicuro qualche controllino in più e mirato c'è)

Confronti
26 maggio 2015 20:09 foxmulder
Dal punto di vista squisitamente tecnico è sbagliato fare confronti, anche sulla stessa salita, anche da un giorno all\'altro. Chi ha studiato vi dirà che tanti e tali sono i parametri che influiscono sui tempi di ascesa che ogni tentativo di comparazione è futile.
Tuttavia i due minuti e rotti che separano Gotti e il Contador di oggi rendono l\'idea di come, si spera, siano cambiati i tempi. Voglio credere che questo abisso sia un segnale positivo nonostante la difficile comparabilità delle situazioni di corsa e ambientali.

Quel Mortirolo fatto al "Medio"
26 maggio 2015 20:47 Bartoli64
Direttamente dagli ambienti della Saeco venni a sapere che Gotti era salito sul Mortirolo (ma non ricordo in quale occasione) ad una frequenza media di “Medio”.

Credo che ogni altro commento (e paragone con quei tempi) sia del tutto superfluo...

Bartoli64

@Cerbero
26 maggio 2015 20:47 simo
Scherzi?
Epolandia è stata l'era più infame della storia.
Quello di oggi è tornato a essere ciclismo...

Simone Basso

2004
26 maggio 2015 21:10 ciclismodelsud
Come mai non menzionate mai che nel 2004 ha scollinato per primo Raffaele illiano che poi ha vinto meritatamente la maglia azzurra in quel giro disputato sempre al attacco? Addirittura la Rai fece uno sdoppiamento del video in diretta con Pantani a sinistra e Raffaele a destra no per metterli a confronto ma poiché era l anno della morte di Marco per Raffaele fu un bell omaggio è un bel regalo da parte della Rai . Sarei curiosa di sapere il tempo di illiano e di Garzelli del 2004 che dichiaro \' di aver tentato di scollinare x primo ma invanamete

IVAN GOTTI
26 maggio 2015 23:45 FORCING
SAREBBE BELLO CHIAMARLO IN CAUSA VISTO CHE è STATO PIU FORTE DI CONTADOR ALMENO IN TERMINI DI VAM

su un'altro sito
27 maggio 2015 09:28 fedaia66
di solito affidabile, viene riportato che il vero record del Mortirolo, appartiene sempre ad i.Gotti(con Simoni ed Heras), ma nel 1990..41. 40.
Sicuramente, ho le registrazioni, ieri Contador e' andato piu piano di una 40ina di secondi rispetto a Nibali,Basso, Scarponi 2010...tappa altimetricamente paragonabile, tempo atmosferico(a parte il vento che non ho possibilita' di valutare) simile, kilometraggio appena un po' piu' lungo rispetto alla tappa di ieri..Secondo me Landa sarebbe potuto andare a quei ritmi(parlo di Basso,Scarponi,Nibali). A vederlo salire, dava l'impressione di avere ancora molta riserva da spendere

Doping che passione!
27 maggio 2015 11:40 spaccabici
Non capisco come mai ai tifosi di ciclismo piaccia così tanto parlare di doping. Non possiamo parlare di questa tappa? Contador sul Mortirolo ha dato un minuto a Landa e quasi tre ad Aru. Ha attaccato la salita in apnea, recuperato gli altri e subito attaccato. Certo Landa ha vinto la tappa, ma questi numeri dimostrano che il vero numero l'ha fatto Contador.
Chiudo la parentesi, così possiamo tornare a parlare di quanto forse si dopavano prima, che cosa sarebbe successo se, ecc. ecc.

Onore a GOTTI
27 maggio 2015 12:58 runner
Ma sentite un po': Gotti, per chi non lo ricordasse, è stato vincitore di ben 2 Giri d'Italia e 5° al Tour oltre ad essere stato sempre ai vertici in un epoca ciclistica che vedeva ai vertici corridori come Indurain, Pantani, Jalabert, Zulle, Bugno, Bartoli ecc., mica mammolette!
Ora perchè bisogna sempre maliziosamente sospettare solo su qualcuno? Era l'epoca dell'Epo? Ebbene TUTTI ne hanno usufruito. Ma comunque i migliori prevalevano. Perchè allora nessuno mette in discussione Indurain ? Anzi, mi sarei aspettato che almento qualche commentatore ieri si sarebbe ricordato di Gotti, vincitore proprio qui. Invece nulla. La memoria storica ed i meriti vanno salvaguardati.

@simo
27 maggio 2015 13:28 Cerbero
Hai capito ben poco di ciò che ho scritto...

scusate
27 maggio 2015 15:24 fedaia66
ho scritto 1990..era il maledetto 1999

X Runner
27 maggio 2015 16:32 Ruggero
Vero a metà ciò che dici, con il limite dell'ematocrito a 50, tu sei molto più forte di me ma hai l'ematocrito naturale a 47, io sono uno scarsone ma il mio ematocrito naturale è 40................trai tu le conclusioni !!!

Ora non è tutto oro signori....
27 maggio 2015 20:48 runner
x Ruggero e altri:
Non facciamo l'errore di demonizzare solo gli anni dell'era EPO credendo che, invece, oggi vadano tutti a pane ed acqua...Possiamo vivere di illusioni, ma se vogliamo essere onesti ed obiettivi, cambiano gli attori e le modalità, ma non la sostanza. E ricordiamoci che Contador è stato squalificato mica tanto tempo fa. Gli hanno "soltanto" tolto un Giro...Ma nessuno ne parla mai. Strano....

Si sono risparmiati
27 maggio 2015 23:05 Gliso
Contador e Landa si sono risparmiati perciò non c'è paragone col passato.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Tutti schierati a destra e a sinistra per formare un corridoio sulla linea d'arrivo, un corridoio ercorso a piedi dal grande protagonista di quest'ulima giornata di gara alla Vuelta a San Juan: Maximiliano Richeze. Applaudono i corridori, applaude la folla,...


Aveva chiuso la stagione 2022 vincendo la Japan Cup, ha aperto il 2023 imponendosi nel Gp La Marseillaise: lo statunitense Neilson Powless ha messo a segno il colpaccio nel Gp La Marseillaise, classica di apertura della stagione francese. Secondo Valentin...


Immediata risposta di Mathieu Van Der Poel al rivale Van Aert, ieri vincitore ad Hamme e oggi assente nell'ultima prova della Coppa del Mondo di Ciclocross elite. L'olandese replica con la vittoria a Besancon dando ulteriore prova della sua forza...


Saranno celebrati martedì 31 gennaio alle ore 11, nel Duomo di Udine, i funerali di Enzo Cainero, l'organizzatore friulano - il "papà dello Zoncolan" - scomparso ieri a 78 anni.


Il danese Alexander Salby mette la sua firma sull'ultima tappa de La Tropicale Amissa Bongo e regala un altro successo alla Bingoal WB. Al termone della Cap Esterias Libreville di 133 km, Salby ha preceduto l'eritreo Henok Mulubrhan (portacolori della...


Prova di forza di Puck Pieterse in Coppa del Mondo. L'olandese della Alpecin Deceuninck, oggi con la maglia di campionessa nazionale, trionfa da padrona a Besancon, in Francia, nella gara riservata alla categoria donne elite. Attardata a causa di un...


Il perugino Mattia Proietti Gagliardoni è il nuovo Campione Italiano di Ciclocross allievi secondo anno. Il forte corridore dell'Unione Ciclistica Foligno, 15 anni di Santa Maria degli Angeli in provincia di Perugia, ha conquistato l'ultimo titolo in palio dei tricolori...


Filippo Grigolini regala al Friuli la seconda medaglia e conquista il titolo italiano di Ciclocross allievi di primo anno. Classe 2008 di Udine, portacolori della società Jam's Bike Team Buja, Grigolini ha colto il succesos più importante della sua ancor...


Esulta Arianna Fidanza nella Women Cycling Pro Costa De Almería 2023. La 28enne bergamasca, che da questa stagione difende i colori della CERATIZIT-WNT Pro Cycling, si è imposta in volata davanti alla danese Emma Norsgaard in maglia Movistar Team e alla campionessa francese  Audrey...


Ethan Vernon completa nel migliore dei modi il lavoro di squadra  dalla Soudal - Quick Step e in volata vince il Trofeo Palma, ultimo atto della Challenge Mallorca. Il 22enne britannico, perfettamente pilotato dai compagni di squadra nei chilometri finali, ha...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach