Fiandre, freddo e i consigli del dottor Guardascione

LAMPRE MERIDA | 30/03/2013 | 14:25
Freddo. Se si pensa ai recenti appuntamenti ciclistici del calendario mondiale, sono le basse temperature gli elementi caratterizzanti con i quali i corridori hanno dovuto fare i conti.
Anche domenica, nel Giro delle Fiandre, i termometri segneranno pochissimi gradi.
E’ il dottor Guardascione, responsabile sanitario del Team LAMPRE-MERIDA, a spiegare come affrontare al meglio questo ulteriore avversario.
“Gli interventi volti a garantire un’adeguata opposizione dal freddo sono riconducibili a tre tipologie: alimentare, medico-sanitaria e protezione termica preventiva.
Per quanto riguarda l’aspetto alimentare, consigliamo ai corridori di incrementare il consumo di alimenti che consentano di raggiungere una maggiore quota di grassi corporei: in particolare, si cercano alimenti ricchi di grassi acidi polinsaturi. Per esempio, la frutta secca non salata è molto adatta a questo scopo.
A livello medico-sanitario, un semplice accorgimento è quello di consumare un’adeguata quantità di sostanze vaso-dilatatorie, quali il comune acido acetilsalicilico.
Durante la corsa, la squadra appronta numerosi punti di ristoro dove i corridori possono ricevere borracce piene di the caldo dolcificato con fruttosio. I massaggiatori fanno un gran lavoro, sotto questo punto di vista: si spostano da un passaggio all’altro del percorso di gara per farsi trovare pronti a rifornire gli atleti e, con il freddo, le borracce di the diventano davvero un prezioso aiuto.
Al Team LAMPRE-MERIDA quest’anno, potendo anche contare sul supporto del nostro sponsor Named, abbiamo lavorato con attenzione anche sull’aspetto preventivo dei possibili problemi causati dal freddo e in generale legati alla stagione invernale: i nostri corridori hanno assunto regolarmente un immuno stimolante prodotto da Named, l’Immunage, con il risultato di avere registrato pochissimi casi di infezioni alle alte vie respiratorie.
Per concludere il programma di opposizione al freddo, va ricordato come prima della gara sia naturale ricorrere a protezioni termiche.
La base è quella di un adeguato abbigliamento: i fornitori tecnici di vestiario da corsa, nel nostro caso Champion System, sono in grado di offrire capi studiati appositamente per proteggere gli atleti dal freddo.
Inoltre, sono molto utili le creme riscaldanti. I ciclisti frizionano tutto il corpo, riuscendo a ridurre il disagio di correre anche con bassissime temperature”
Un’ultima curiosità: nella notte tra sabato e domenica entrerà in vigore l’ora legale, di conseguenza si dormirà un’ora di meno.
Questo elemento può influire sul fisico dei corridori, considerando anche che una gara come il Giro delle Fiandre, con partenza alle ore 10, comporta una sveglia attorno alle ore 7?
“No, perdere un’ora di sonno non condiziona più di tanto. Il corridore, dopo la cena della vigilia della corsa, va a letto solitamente presto, quindi riesce comunque ad accumulare le ore di sonno necessarie a riposare adeguatamente”.

Copyright © TBW
COMMENTI
Grandi consigli....
30 marzo 2013 17:01 vadoagile
... e grazie a tutto questo che riusciremo a piazzarne uno nei trenta, forse

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Se n’è andato con la stessa leggerezza con cui era venuto, con cui aveva corso, con cui aveva vissuto. Il comunicato stampa parla di un novantacinquenne deceduto al padiglione 12 dell’ospedale San Martino di Genova, ma non rivela la solitudine...


Giorni intensi in casa Uci, dove le riunioni in conference call si susseguono senza sosta. Al centro delle discussoni, per quanto riguarda il ciclismo su strada, ci sono naturalmente il calendario e la questione economiche, con la possibile riduzione degli...


Il diretto di Lodetto... alias Davide Martinelli è impegnato come volontario per la consegna di medicinali nella sua Lodetto, borgo bresciano nel Comune di Rovato. Zainetto, mascherina e via in sella al servizio dei più deboli...  "Tutto nasce grazie a...


Caro direttore,   mi permetto di indirizzarle queste poche righe visto che rappresenta uno dei siti e dei podcast più importanti del settore ciclo. Il perdurare di questa situazione sanitaria ci dà almeno la possibilità di guardarci intorno ed io...


Si è spento all’ospedale di Ciriè Bruno Milesi, 82 anni, che a cavallo degli anni Cinquanta e Sessanta si era rivelato uno dei talenti dell’allora fiorente ciclismo torinese. Con la casacca rossa del Cs Fiat, sotto la guida del mitico...


  Ai gesti di solidarietà che si ripetono in questo momento, segnaliamo con piacere quello della Ciclistica San Miniato-S.Croce sull’Arno, società che si occupa da anni dell’attività giovanile sotto la presidenza di Franco Biagini, con un numero elevato di tesserati...


Stasera alle ore 18:50, il team Bardiani CSF Faizanè pedalerà con tutti i propri fan e ai tanti appassionati di ciclismo che vorranno aggregarsi. Il tutto ovviamente virtualmente, ciascuno dal proprio salotto di casa, ma in sella alla...


I nostri occhi sono ormai lucidi da troppo tempo e il nostro cuore scosso dal dolore fatica a sopportare questo interminabile stillicidio. Anche oggi piangiamo un amico, un grande componente della famiglia del ciclismo, Paolo Colnago, fratello mite e schivo,...


È ancora ad Abu Dhabi, con Fernando Gaviria. Attendono che qualcuno li vada a riprendere, come del resto altri 250 italiani. Andrea Agostini la prende anche con filosofia, perché il peggio è alle spalle, ma sono pur sempre 43 giorni...


Il mondo del ciclismo si prepara a ripartire, studia un nuovo calendario, riflette e programma. Senza certezze, ovviamente, ma con la consapevolezza che il giorno tanto atteso si avvicina. Lo ha confermato il presidente federale Renato Di Rocco in una...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155