Lance: nessuna generazione era pulita

ARMSTRONG | 30/01/2013 | 18:37
«Nessuna generazione nel ciclismo era pulita». Per Lance Armstrong, i corridori hanno sempre cercato «un aiuto». Sbaglia, quindi, chi considera il corridore texano la 'pecora nera' della bici.
«La mia generazione non era diversa dalle altre. L''aiuto' si è evoluto nel tempo», ha detto il texano in un'intervista a cyclingnews.com. «Cento anni fa ci si aggrappava ai treni, ora c'è l'Epo. Nessuna generazione è stata immune o 'pulita'. Nemmeno quella di Merckx, quella di Hinault, quella di LeMond. Nemmeno quella di Coppi o quella di Gimondi, quella di Indurain o quella di Anquetil, nemmeno quella di Bartali e nemmeno la mia''. (adnkronos)
Copyright © TBW
COMMENTI
con le molle?
31 gennaio 2013 07:05 AERRE56
prendo sempre con le molle certe affermazioni, spesso strumentalizzate ad uso e consumo dei lettori. fosse vero credo che lance continui a sbagliare: non è certo infangando altri atleti che si pulisce la propria coscienza. detto questo non scopre nulla di nuovo: coppi ammise in una intervista l'uso di sostanze particolari, altro non l'hanno fatto ma i dubbi che da alti livelli nessuno è mai andato a pane ed acqua sono tanti.

lance, mettiti zitto, più la rimescoli più puzza (un saggio con la dissenteria)

31 gennaio 2013 08:47 marcog
purtroppo concordo con Lance; ad ogni epoca corrisponde un doping che naturalmente si è evoluto e si evolverà con il tempo. QUESTO IN TUTTI GLI SPORT!!!
Per questo motivo io sono dell'idea, giusta o sbagliata che possa essere, di dare un colpo di spugna al passata, tenerci quello che è stato ma d'ora in poi chi sbaglia paga con la radiazione a vita. Solo con questo possiamo cercare di dare crdibilità alla lotta al doping.
Altra soluzione è il doping libero; gli atleti che consci di quanto fanno si possono esibire come cavie umane (al posto di innocenti animali da laboratorio) per testare i più disparati prodotti farmaceutici.....

Purtroppo
31 gennaio 2013 09:14 ciano90
il vecchio Lance ha ragione! Ed è per questo che trovo sbagliato togliergli i sette Tour - anche perchè anche altri precedentemente avevano confessato (vedi Riis) ma siccome erano passati più di otto anni il reato era prescritto. Certo, c'è da dire che Armstrong ha fatto di tutto per incentivare questo sistema, ma il paradosso dei due pesi e delle due misure resta più che mai attuale!
Quello che si sbaglia di fondo è che si guarda sempre al passato, cerchiamo invece di essere propositivi e guardare al futuro senza dover trovare per forza qualcuno da crocifiggere. Lance era dopato?
Bene, lo erano anche altri prima di lui e lo saranno anche altri dopo di lui, sappiamo che non potremo mai essere sicuri al 100% che un vincitore di un Tour possa essere pulito, ma nemmeno un nuotatore o un tennista. Quindi perché farci del male con le nostre stesse mani?
Piacerebbe a tutti che lo sport fosse pulito ma purtroppo le cose belle esistono solo nelle favole!

per marcog
31 gennaio 2013 14:23 AERRE56
scusi, ma cosa concorda con lance? è coinvolgendo il sistema che si risolve il tutto? quando mi sottoposero contributi rifiutai e andai a piegare lamiere. doping libero? ma è certo di sapere cosa ha affermato?

stia bene.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Capita, in una splendida mattinata di sole. Capita di salire in bicicletta nonostante il freddo e di fare un incontro speciale. Come quello che sui social racconta Paolo Viberti, il quale siamo sicuri ci perdonerà quel "vecchio" nel titolo... «Non...


Fenomeno Van Aert: alla sua prima gara ufficiale di Ciclocross il talento belga domina la quinta prova del Superprestige che si è disputata a Boom, in Belgio. Una maschera di fango Van Aert che subito prende la testa della corsa...


Presente e futuro. La Drone Hopper Androni Giocattoli guarda sempre più al domani, proseguendo sul solco di un progetto giovani vincente. In questo quadro si inserisce l’ingaggio per il 2023 di Riccardo Ciuccarelli. 21enne scalatore di talento e prospettiva, Ciuccarelli...


Sarà un sabato sera all’insegna del grande ciclocross, della suspense e delle immagini spettacolari quello che le frequenze di Rai Sport regaleranno oggi agli appassionati delle due ruote. La trasmissione della quinta tappa del Giro d’Italia Ciclocross, il Gran Premio...


Non molla un colpo Lucinda Brand (Baloise Trek Lions) e si aggiudica anche la quinta prova del Superprestige di Ciclocross che oggi si è svolta a Boom, in Belgio. Su un terreno proibitivo reso durissimo dal fango e della pioggia,...


La nostra anticipazione di due giorni fa su Luna Rossa che cerca ciclisti per la prossima Coppa America è finita oggi anche sulla Gazzetta, che è un po’ come ricevere un attestato di stima e di buon lavoro. Ne scrive...


Non è uno che ama galleggiare, anche perché Wolfango Poggi non ha mai avuto un buon rapporto con l’acqua, diciamo pure che fino a poco tempo fa non sapeva nemmeno nuotare. “Wolf” non è tipo da prendere le cose alla...


«Molteni, storia di una famiglia e di una squadra» è un libro che mancava e che va a colmare una lacuna, riportando in auge i fasti di una delle formazioni più importanti nella storia del ciclismo tutto. È il racconto...


E' la regione Friuli Venezia Giulia a brindare in Coppa Italia. La rappresentativa regionale si è infatti aggiudicata la seconda prova che si è svolta a Fanano, nel Modenese. I ragazzi friulani l'hanno spuntata per un solo punto sulla Lombardia...


Lo scorso settembre avevamo lasciato Patrick Lefevere dubbioso sul tema di una possibile squadra femminile con la sua Quick-Step - Alpha Vinyl: con parole pungenti, il dirigente belga aveva parlato di un cattivo investimento quello del ciclismo in rosa. Oggi...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI