Non ha il campanello e lo specchietto, Lorenzetto fermato

| 06/03/2011 | 13:35
Fermato dai carabinieri, Mirco Lorenzetto ha rischiato una multa salata: «Deve correre sulla pista ciclabile. La bici è senza campanello e fanale».
È questa la sintesi di quanto accaduto lunedì scorso a San Michele di Piave, frazione di Cimadolmo (Tv), durante un allenamento come tanti al corridore dell’Astana, che ha avuto a che fare con una pattuglia di carabinieri particolarmente puntigliosa.
Al velocista di Vazzola, codice della strada alla mano, sono state riscontrate diverse irregolarità. «Non stavo correndo sulla pista ciclabile, ma sulla strada - racconta Lorenzetto -. Io ci correrei volentieri sulle piste ciclabili, se solo fossero sicure. Com'è possibile utilizzarle se le macchine sbucano all'improvviso dai cancelli delle case? A questo punto la pista ciclabile rischia di diventare più pericolosa della strada. Insomma, meglio correre lungo strade poco trafficate, dove non transitano automobili, piuttosto che rischiare di venire travolti da un'automobile in manovra».
Ma non è finita qui. Al corridore trevigiano è stato contestato anche di non avere i catarifrangenti. «Sono vestito come un arlecchino. La mia tuta ha tanti colori sgargianti. Se non mi si vede così…» spiega Lorenzetto. Mancavano anche gli specchietti: «Gli specchietti? Cerchiamo in ogni modo di essere il più possibile aereodinamici, per guadagnare in velocità». Infine, la sua bici non era dotata neanche di campanello: «Fischio forte - scherza Mirco - in caso di bisogno posso sempre risolvere così».
Insomma, dopo una breve discussione, la situazione si è presto risolta. Dopo la pausa forzata, Lorenzetto ha potuto riprendere il suo allenamento, con in tasca un nuovo aneddoto da raccontare e nessuna multa.

Copyright © TBW
COMMENTI
...
6 marzo 2011 13:48 alexuno
Incredibile...

INCREDIBILE...
6 marzo 2011 14:35 ale63
CHE DIRE, NON CI SONO COMMENTI DA FARE... POVERA ITALIA... ALE

6 marzo 2011 14:55 santo
La realta' e'questa. Codice alla mano art 68/1 lett b e 6 prevede campanello sempre luci mezz'ora prima del tramonto mezz'ora dopo l'alba
La bici da corsa cosi'come e' puo' essere utilizzata solo in gare dove e' preceduta da macchina inizio gara e fine gara altrimenti vige il cod. della strada.Quello che e' strano e' che la maggior parte dei ciclisti e sopratutto societa' ciclistiche giovanili non ne sono a conoscenza o fanno finta di non saperlo perche' fino ad ora non se ne sente discutere in nessuna sede

Dubbio
6 marzo 2011 15:41 Legend
Altrove ho letto la notizia riferita a Gasparotto e non a Lorenzetto.. ???

Tanto casino e non ha nemmeno preso la multa!!!!!
6 marzo 2011 17:13 trentiguido
Io ci sono già passato nel 2004 e dopo essere stato investito da una macchina che non mi ha dato la precedenza causandomi 8 fratture, mi sono visto recapitare a casa, mentre ero ancora immobile nel letto, la multa per il campanello!!!! Penso proprio Angelo Costa diede per primo la notizia e nessuno disse nulla. Come dice bene Santo è che la legge prevede questi dispositivi, ma la cosa se dal 2004 non è cambiata non deve venire discussa nelle società o chissà dove. Il costruttore a passibile di denuncia è lui che ti deve vendere la bici a norma di legge!!!!! Comunque alle volte basta un pò di buon senso nell'interpretare la legge.....Io ho pagato multa e mi devono ancora dare i soldi dei danni fisici?! E' normale?......No siamo in ITALIA!!!!! guidotrenti.it

carabbinieri......
6 marzo 2011 18:26 apostolo
e poi.....si lamentano per le barzellette!!!!!! c

anche in base al codice della strada ci vuole solo buon senso......semlicemente ridicoli

I PROBLEMA SONO I CICLISTI
6 marzo 2011 20:00 ewiwa
A me è capitato che mentre ero in bici a Roma sulla Via Olimpica, ( unica strada per imboccare la Salaria ed andare fuori città) mentre le macchine sfrecciavano a cento all’ora laddove dovevano rispettare il limite dei cinquanta, un carabiniere con un pulmino addirittura ha rallentato accostandosi per dirmi che dovevo andare sulla pista ciclabile che in quel punto scorre sul marciapiedi ed è lunga un trecento metri!!!!!! Il problema ero io e non le macchine ….quelle si per lui potevano andare a velocità folli!!!!!Ora io capisco le norme del codice ma vorrei che si applicasse oltre al buon senso anche le priorità:in poche parole tra un ciclista che va a venti all’ora e al massimo occupa venti centimetri della sede stradale ( per di più buono buono da una parte) ed un bolide che va a cento e quasi sempre oltre le regole qual è il pericolo più grave?Quale dovrebbe essere la priorità? E’ che tutti sono bravi a prendersela con i più deboli ed allora fanno “i belloni” e credono così di applicare la legge della quale vorrei un po’ discuterne.Ultima domanda :quando un ciclista esce per un allenamento mica sa se ritorna vivo a casa ed allora il problema sono i ciclisti?Che pena e che vergogna!!!!!!!ma questa è l’Italia!!!!!!

Niente di nuovo
6 marzo 2011 22:44 gipi66
La stessa identica cosa successe a me circa 30 anni fa, per cui non scandalizziamoci, è normale e accettabile...finchè il tutto si risolve a tarallucci e vino!!

X TRENTI GUIDO
7 marzo 2011 15:38 santo
La cosa che dici e' accaduta ad una persona da me conosciutissima a seguito di incidente (fratture alle vertebre). dopo l'incidente gli e'stato recapitato a casa verbale con sanzione.riguardo alle societa' io intendo esordiente allievi che durante un allenamento investono un pedone distratto le assicurazioni rispoederebbero ....ma se era dototo di segnale acustico il pedone si sarebbe accorto!! I costruttori vendono il mezzo per attivita'agonistica (gare con strade interdette al traffico durante la gara precedute da macchina inizio gara e macchina fine gara)

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Dries DE BONDT. 10 e lode. Il 30enne passistone belga fa filotto e si porta a casa di tutto e di più: traguardi volanti e quello finale. Prende di tutto, perché lui dopo la beffa di Reggio Emilia (è stato...


Ancora un secondo posto al Giro per Edoardo Affini, il corridore della Jumbo-Visma che dallo scorso ann, sta inseguendo una vittoria di tappa alla corsa rosa. Affini oggi aveva deciso di provare a vincere, con la consapevolezza che le uniche...


Come già accaduto nella prima tappa, Remco Evenepoel impone la sua legge nella terza frazione del Tour of Norway, la Gol - Stavsro di 175 km. Il belga della Quick Step Alpha Vynil a staccato tutti per andare a cogliere...


Non sono su Twitter (per incassare insulti mi basta Facebook, almeno non sono anonimi), non sono su Twitter eppure alla partenza mi mostrano un tweet di Jacopo Guarnieri: “C'è qualcosa di peggio dei giornalisti che si lamentano di una corsa...


Ha vinto un miracolato. Lo sa, lo dice, lo racconta: «Sul traguardo ho lanciato un urlo di incredulità! Ho sempre cercato di inseguire i miei sogni, sono diventato sempre più forte e oggi ho realizzato quel sogno. Siccome più è...


Dopo tante corse al servizio di Girmay e Kristoff, Andrea Pasqualon si ritaglia un giorno da protagonista e vince il Circuit de Wallonie. Nel classico appuntamento belga, il veneto della Intermarché ha preceduto l francese Zingle della Cofidis con Phikippe...


Quarto posto di Davide Gabburo nella diciottesima tappa del Giro d’Italia, con arrivo a Treviso. Tappa che avrebbe dovuto essere l’ultimo arrivo per velocisti della Corsa Rosa, ma i 4 attaccanti impongono un ritmo forsennato e sorprendono tutti. Tra loro...


Velocisti beffati, De Bondt in festa, Affini con il sogno infranto. E la maglia bianca di Lopez finita lontano lontano. Sono questi i verdetti della diciottesima tappa del Giro d'Italia, la Borgo Valsugana-Treviso che tutto è stato tranne che una...


Il francese Jason Tesson ha vinto allo sprint la prima tappa della Boucles de la Mayenne. Il portacolori della St Michel Auber ha preceduto sul traguardo di Andouillé l'olandese Bram Weletn e il francese Thomas Boudat. Per Tesson si tratta...


Grande serenità da parte dei primi tre in classifica dopo il ritiro di Joao Almeida, contagiato dal covid: «Nessun pericolo, sulle salite si è sempre mantenuto a distanza da noi». Imbarazzo di Carapaz e Hindley per le critiche che...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach