LA LEZIONE DI DUNBAR: SCENDERE DI BLASONE PER SPICCARE IL VOLO

APPROFONDIMENTI | 25/05/2023 | 08:10
di Nicolò Vallone

Non ha mai alzato le braccia al cielo da professionista, nemmeno nei campionati nazionali irlandesi, ma ha due vittorie in carriera. Possibile in uno sport come il ciclismo, dove puoi conquistare classifiche generali senza vincere nessuna tappa. L'ha fatto due volte l'anno scorso Eddie Dunbar: sia alla Settimana Coppi & Bartali sia al Giro d'Ungheria, zero tappe ma successo generale. Due affermazioni da mettere nel palmarès, le prime e finora uniche, dopo quattro anni nel World Tour con la Sky-Ineos. I guizzi che hanno fatto scattare l'interruttore della vita ciclistica di questo scalatore 26enne, che all'improvviso si è trovato davanti la possibilità di emanciparsi dalla dimensione di gregarione.


Un salto che però sarebbe stato molto difficile rimanendo in una Ineos che, giustamente, può permettere a pochi eletti di fare i capitani nei grandi giri. Un corridore come Dunbar, che si scopre vincente senza rientrare nel gotha dei fenomeni, si trova davanti un classico bivio: continuare in Ineos e far parte di un top team assoluto, condividendo soddisfazioni di squadra e vittorie dei leader da comprimario, o trasferirsi in un contesto leggermente meno blasonato ma che può permettere di ritagliarsi più spazi per sé e andare in cerca di gloria personale?


La risposta è arrivata con la firma su un contratto triennale con la Jayco AlUla, venuta al Giro d'Italia 2023 soprattutto per assaltare la maglia ciclamino con Michael Matthews e ritrovatasi nella top-5 di classifica con Eddie Dunbar, che l'altroieri sul monte Bondone ha avuto poco da invidiare ai migliori che si spartiranno il podio. Un'opportunità di mettere in mostra tutto il proprio valore in una corsa prestigiosa come il Giro, che sarebbe stata impensabile in Ineos.

Vada come vada in questi tre durissimi giorni decisivi della corsa rosa tra Zoldo, Tre Cime e Lussari, il messaggio che ricaviamo da storie ciclistiche come quelle di Dunbar è che a volte il vero coraggio è saper fare un piccolissimo "passo indietro" per misurarsi con le responsabilità di poter essere il capitano di te stesso.

Copyright © TBW
COMMENTI
Ben fatto
25 maggio 2023 08:54 Osoistrac!
Scelta che condivido completamente.
Al di là dei risultati e delle vittorie che riuscirà eventualmente ad ottenere resterà almeno la soddisfazione di essersi messo alla prova.
La carriera non dura a lungo ed eventualmente il gregario di lusso potrà farlo negli ultimi anni prima di abbandonare le competizioni.
Spero che Ganna prenda spunto, fino a che è in tempo e rifletta per esempio sulla opportunità di firmare per una squadra più votata alle classiche (Soudal?)

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Uno scatto a 25 km dal traguardo dopo aver chiesto a Gaia Realini di aumentare l'andatura e il quinto titolo italiano della corsa in linea per Elisa Longo Borghini è diventato realtà. La campionessa piemontese della Lidl Trek ha imposto...


Una tappa combattuta e bellissima da Casciana Terme a Chianni in un Giro della Valdera che rimane aperto ed incerto prima della frazione finale di oggi domenica, da La Rosa a Terricciola di 111 km e mezzo con partenza alle...


Giornata, quella di oggi, che in tanti Paesi viene dedicata al campionato nazionale in linea delle donne élite. Ecco una carrellata dei risultati: SPAGNA. Usoa Ostolaza Zabala conferma il suo grande stato di forma: la portacolori della Laboral Kutxa -...


L'Union Cycliste Internationale ha preso atto della dichiarazione rilasciata dal team EF Education–EasyPost, in cui annuncia la risoluzione immediata del contratto da parte della squadra con il corridore italiano Andrea Piccolo a causa del sospetto di traffico di ormone umano...


Una maglia gialla per Papa Francesco, una benedizione per il Tour de France e per tutto il mondo del ciclismo. È stato davvero un incontro speciale, quello che si è svolto questa mattina in Vaticano: il Santo Padre ha ricevuto...


Non ha mai corso, ma corre come un forsennato. Non sta mai fermo: è perennemente fuori comune e per uno che è vicepresidente vicario dell’ANCI (dal 2018, ndr), l’associazione dei Comuni d’Italia, è un bel paradosso. Roberto Pella è il...


Sarà il direttore di corsa delle tappe italiane del Tour, dopo che lo è da quasi venticinque anni al Giro d’Italia. Stefano Allocchio sorride e non gonfia il petto «non cambia nulla, è solo una piccola cosa in più…», minimizza...


Si chiude il caso di Michel Hessman, il corridore tedesco della Visma | Lease a Bike sospeso dalla squadra dopo che una minima quantità di clortalidone era stata trovata nelle sue urine durante un controllo fuori gara il 14 giugno...


È il Team Corratec - Vini Fantini a dare notizia dell'ennesimo incidente stradale occorso ad un ciclista. Un breve comunicato per dire che «Un brutto incidente stradale, causato da una manovra azzardata di un camion, mette KO il nostro Alessandro...


Lato corse a tappe, la Spagna sembra essere già ben coperta con Juan Ayuso e Carlos Rodriguez, due corridori che hanno tutte le carte in regola per puntare anche al podio nei Grandi Giri. Ma non sono i soli, perché...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi