CHE FINE HA FATTO COSO?

TUTTOBICI | 23/07/2019 | 07:47
di Cristiano Gatti

Qualcuno ha notizie di Carapaz? Dice niente questo nome? Per chi faticasse a ricordare, confermo che si tratta dell’ultimo vincitore a casa nostra, al Gi­ro d’Italia. È passato un me­se, poco più, ma sembra già di parlare dei Gutemberg e dei Galilei. Con una differenza sostanziale: di quelli nessuno si scorderà mai, di Carapaz si può fare molto in fretta a rimuovere.


Le ultime notizie e le ul­time immagini me lo danno in processione nel suo paese impazzito, questo Ecuador che mai e poi mai avrebbe pensato di vincere un mitico giro in Europa. Erano i primi di giugno, subito dopo il trionfo veronese. Da allora, fuori dai radar. E adesso che si parla di Tour, no­r­male tor­ni la curiosità: dove diavolo è finito Cara­paz?


Sulla corsa francese, nessuna possibilità di equivoci: già a poche ore dal trionfo italiano, ancora in maglia rosa, il prodigioso Richard si era affrettato a dire no grazie, proprio non ce la faccio. Comprensibile: vincere il Giro a quel modo, sopportando le pressioni a mille atmosfere che toccano agli outsider poco abituati, oggettivamente non è una serenata. Normale che di tutto gli si potesse parlare, di pesca sportiva e persino di burraco, ma non di risalire in bicicletta un mese dopo per fare bella figura al Tour. Ci sono momenti della vita in cui anche della passione più sfrenata faremmo tutti piccoli pezzi, con una potente motosega. Chia­mia­mo­la saturazione. E non c’è altro da dire.

Resta però aperta una questione molto im­portante, che supera il caso personale di Carapaz. Purtroppo, una questione per niente nuova, che ciclicamente (in tutti i sensi) si ripresenta lasciandoci un po’ così. Questa: saranno pure i tempi moderni, sarà che il mondo è cambiato completamente, ma davvero possiamo abituarci all’idea che per tre settimane ci gustiamo un idolo e poi que­sto idolo sparisce disperso nel cosmo, chissà fino a quando?

Ci sono ovviamente pre­cise ragioni tecniche alla radice del fe­no­meno sparizioni. La prima si chiama riposo. Però c’è an­che e innegabilmente una spiccata tendenza moderna a esasperare questa nuova regola, per cui succede il più delle volte che non appena si fa co­noscenza di un talento questo sparisce dalla circolazione. Ma­gari adesso Carapaz ricompare vincendo San Sebastian, la Vuelta e chiude dominando il Mondiale, il che non mi farebbe per niente rabbia, an­zi mi riempirebbe di gioia, persino della gioia di ammettere che nella vita si dicono un sacco di asinate. Però lo voglio vedere. Però deve succedere.

E se invece succede, com’è successo altre volte, che il trionfo di maggio resterà la perla luccicante del 2019, ma unica e intoccabile fino all’anno prossimo? Come la mettiamo con la popolazione dei tifosi, da troppo tempo chiamati alla passione sincopata? Al mordi e fuggi? Al ritrovarsi ogni tanto prede di domande inevitabili, ma che fine ha fatto coso, ma sì, dai, quello che ha vinto il Giro, quel sudamericano forte in salita, o era cu­bano?

Se sarà così anche stavolta, so già io come finirà. Riprenderemo ad aprire convegni cercando di capire come mai la gente si appassioni tanto a Valentino Rossi, ma anche a Marquez e a Dovizioso, mentre delle star del ciclismo nemmeno sa il nome. Riprenderemo con i pia­gnistei e i vittimismi, come ca­limeri irrecuperabili, im­bron­ciati con la cattiveria di questo sporco mondo. E in tutto questo, magari, qualcuno continuerà pure a storcere il naso sulla statura del campione Nibali, mettendone in dubbio il peso specifico nella storia, trascurando il particolare che come un salmone controcorrente si ostina a correre, a correre, a correre, sempre, ovunque, da gennaio a ottobre. Chissà come mai, pe­rò, in nessun angolo del mon­do, proprio nessuno si chiede che fine ha fatto coso, quello forte in salita e forte in discesa, quello siculo, o era friulano? 

da tuttoBICI di luglio

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Alcune zone d’Italia cambiano nuovamente colore, quindi può essere utile ricapitolare la situazione e soprattutto ribadire come si può dar seguito alla propria passione per la bicicletta. GIALLO. Restano gialle 4 regioni più la Provincia autonoma di Trento in base...


Ci sorprende, ma non più di tanto. E da almeno un anno e mezzo che Tom Dumoulin (nella foto di @BettiniPhoto) non è più lo stesso, che è tormentato e su di lui circolano da tempo voci di stanchezza. Ora...


La campionessa del mondo Ceylin Del Carmen Alvarado (Alpecin Fenix) ha vinto il classico appuntamento con il Flandriescross di Hamme, in Belgio, prova valida per il Trofeo X20 Badkamers per la categoria donne elite. L'iridata, apparsa in ottime condizioni di...


La Colombia è delusa: uno dei suoi idoli, Egan Bernal, inizierà la sua stagione dalla Vuelta a la Comunidad Valenciana e non dai Campionati Nazionali. La notizia è arrivata ieri, quando gli organizzatori della corsa spagnola hanno ufficializzato i nomi...


Richie Porte ha vinto la terza tappa del Santos Festival Cycling, trionfando sulla salita di Willunga Hill davanti al compagno di fuga Luke Plapp. Il corridore australiano della Ineos Grenadier, che in questa occasione gareggia per il Team Garmin, è...


Questa domenica 24 gennaio sulle strade della provincia di Valencia ci sarà l’atteso debutto in maglia ciclamino di Giovanni Visconti, in occasione del debutto europeo del team. Il team, che si allena sulle strade di Benidorm, tra Valencia ed Alicante,...


Aaron Gate e Olivia Ray sono i vincitori della Gravel and Tar che si è disputata in Nuova Zelanda. In campo maschile il navigato Gate (Black Spoke Pro Cycling) allo sprint ha regolato il compagno di fuga, e di club,...


La campionessa italiana Alice Arzuffi rientrerà nel weekend per la quinta e ultima prova della Coppa del Mondo di ciclocross. Dopo la conquista della maglia tricolore delle Elite a Lecce e il collegiale con la Nazionale Italiana ad Ardea, nella...


Wout Van Aert in Spagna si sta godendo la bella stagione con la sua Jumbo-Visma, prima di tornare in Belgio e affrontare il Mondiale ad Ostenda. Il 2020 si è concluso con tanti successi per lui, ma il nuovo anno...


Ancora un podio, ancora un secondo posto. È il bilancio della sesta tappa di ieri alla Vuelta al Tachira in Venezuela per l’Androni Giocattoli Sidermec. Sul traguardo in salita della Casa del Padre piazza d’onore per lo svizzero Simon Pellaud...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155