KOMETA CYCLING, ARRIVANO DUE STAGISTI UNGHERESI E PRESTO...

CONTINENTAL | 02/07/2019 | 07:43
di Bibi Ajraghi

Tra la Kometa Cycling Team e il ciclismo ungherese il filo diretto si fa sempre più intrecciato e forte. Alberto Contador e Ivan Basso sono stati avvistati più volte negli ultimi giorni nella capitale Budapest e presto potrebbero arrivare notizie e sviluppi molto interessanti per l'ulteriore crescita del progetto.

Nel frattempo, l'impegno della struttura continentale della Fondazione Alberto Contador per lo sviluppo del ciclismo ungherese fa un nuovo passo avanti con la conferma dei nuovi corridori Magyar che si uniranno alla Kometa Cycling Team come stagisti. Karl Adam e Vas Balazs sbarcheranno nella squadra diretta da Jesus Hernandez dal prossimo 1 agosto, raggiungendo il suo connazionale Márton Dina. Adam e Balazs seguiranno le orme di Alejandro Ropero e Stefano Oldani, stagiaires nel 2018.



Karl Adam (9 settembre 1999) è un ciclista che si distingue per avere un buon passo di media montagna, che insieme ad una buona velocità massima lo rende un ciclista con molte corse in piccoli gruppi. Nel recente Giro d'Ungheria, Adam ha concluso sesto in una delle tappe. "Sono davvero felice di avere l'opportunità di unirmi alla squadra di ciclismo Kometa. Non vedo l'ora di svilupparmi con la squadra, dove farò del mio meglio nelle prossime gare", ha detto Adam.

Vas Balazs (17 luglio 2000) è l'attuale campione ungherese di ciclocross, disciplina in cui ha ottenuto successi nazionali fin dalla categoria junior. Nella sua prima stagione più focalizzata sul percorso si è distinto come un buon cronometro su brevi distanze. E' un ciclista con una buona tecnica in bicicletta. "Sono molto, molto felice per questa opportunità e voglio solo fare del mio meglio. E' una grande notizia per me, soprattutto perché ho solo 18 anni. Il mio obiettivo principale in questo momento è far parte della squadra", dice Balazs. "In un ciclista con un grande margine di crescita", sottolinea la federazione ungherese il tecnico nazionale Der Zsolt.



Ivan Basso, direttore sportivo della Kometa Cycling Team: "Stiamo ancora facendo passi avanti nel processo di coinvolgimento del ciclismo ungherese. Sia Karl che Vas sono due piloti che abbiamo monitorato recentemente e pensiamo che siano pronti per un'esperienza di apprendimento come questa. Siamo molto orgogliosi di questo lavoro a fianco dei responsabili tecnici della Federazione Ciclistica Ungherese, con Dér Zsolt in testa. Continuiamo ad analizzare tutte le categorie e non escludiamo la possibilità che nel prossimo futuro, perché no, saremo in grado di incorporare altri piloti in altre strutture".

Prinzinger Peter, Presidente dell'Associazione Ciclistica Ungherese, a sua volta aggiunge: "Questo annuncio è un buon esempio della sana performance del ciclismo ungherese; sempre più corridori nazionali hanno opportunità su grandi squadre internazionali. E' anche una buona prospettiva per la prossima generazione, in quanto è la concrezione e il risultato di tutto il lavoro che è stato fatto negli ultimi tempi.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Fabio Jakobsen ha trascorso una notte tranquilla e si prepara ad affrontare un'altra tappa importante: non sarà in corsa con la maglia di leader del Giro di Polonia, ma lotterà nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale Santa Babara di Sosnowiec....


Uno dei corridori che ha riportato le maggiori conseguenze nella caduta al Giro di Polonia è Eduard Prades. Il trentaduenne spagnolo della Movistar ha riportato la frattura di una vertebra cervicale, colpito da una transenna volata in aria dopo essere...


Nairo Quintana torna oggi alle corse misurandosi nella sfida del Mont Ventoux e a seguire disputerà il Tour de l’Ain, nuova tappa di avvicinamento per lui al Tour de France. «Mi sento molto bene e sono pronto per la sfida...


Il presidente della Federciclismo Renato di Rocco tira le prime somme e fa un bilancio sul ciclismo italiano e la situazione politica del nostro Paese.Presidente finalmente si è tornati a correre, si sente soddisfatto di questa ripartenza?“A luglio avevamo ricominciato...


Se ne è andato dunque, in quest' anno 2020 che non ha conosciuto la bella stagione del ciclismo, Sergio Zavoli, il suo ciclismo per amore. Se ne è andato, ed useremmo soltanto le sue parole, lui che ad ogni maggio aspettava ancora...


Come una maledizione, la cattiva sorte si scaglia nuovamente sul Giro di Polonia. Esattamente a distanza di un anno dalla tragica morte di Bjorg Lambrecht,  ancora una volta un drammatico incidente ha sconvolto la gara. Era il 5 agosto del 2019...


Era un gigante del giornalismo. Anche il Premio internazionale Emilio e Aldo De Martino ricorda Sergio Zavoli, un gigante del giornalismo, cui nel 1990 era stato assegnato il Memorial Barendson nella stessa circostanza in cui erano stati insigniti anche Sandro...


Il “bike-boom” scoppiato dopo il lockdown ha impresso un’accelerata vigorosa al settore del ciclismo, che già da alcune stagioni era in continua espansione. Una crescita che si prevede continuerà anche nel prossimo futuro e che per essere gestita nel migliore...


Se stai cercando una scarpa da gara o una calzatura tuttofare, le nuove SHIMANO ME7 e ME5 sono quello che fa per te. La ME7 è la scarpa da competizione élite di Shimano, quindi, come ci si può aspettare è...


La Zalf Euromobil Désirée Fior cala il poker della ripartenza. Dopo la ripresa dal lockdown avvenuta con le prove di ExtraGiro è il momento di tornare nel pieno dell'attività agonistica e i tecnici del team trevigiano hanno messo in programma per i...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155