EUROPEI 2021. REUSSER ORO NELLA CRONO DONNE. 8ª BUSSI

DONNE | 09/09/2021 | 11:48
di Diego Barbera

La svizzera Marlen Reusser si è imposta nella cronometro donne elite degli Europei 2021 in Trentino con una prova superlativa che le ha permesso di battere l'altra super favorita, l'olandese Ellen van Dijk, di 19 secondi. Completa il podio la tedesca Lisa Brennauer a 1'02'', che era stata ripresa nel finale dall'elvetica. Ottava posizione per la nostra Vittoria Bussi a 2'08'', mentre Elena Cecchini è stata molto sfortunata,dovendosi fermare per un problema meccanico e terminando 25esima a 3'30''. «Avevo delle ottime gambe, sono andata più forte che potessi dall'inizio alla fine e sono davvero contenta. Più che la prova in linea, il mio grande prossimo obiettivo è la cronometro dei campionati del mondo», ha commentato la vincitrice di oggi, al traguardo.


LA CORSA - 33 atlete si sono sfidate sul percorso ormai noto di questi Europei 2021 che già hanno sorriso all'Italia con la vittoria nel team relay e nella crono donne under 23 - con un'andata e ritorno a tutta velocità e senza particolari difficoltà altimetriche. Per quasi tutta la gara, il miglior tempo sia all'intermedio sia al traguardo era quello della tedesca Lisa Klein con 13'52'' e 28'35'' rispettivamente. Ma le specialiste più pericolose erano attese nel finale con l'azzurra Vittoria Bussi (detentrice del record dell'ora femminile) prima del terzetto delle super-favorite Lisa Brennauer, Marlen Reusser e Ellen van Dijk. E infatti sono state proprio loro a giocarsi le medaglie, con la tedesca che ha però subito il sorpasso da parte dell'elvetica che era partita un minuto prima: sfruttando l'efficace e potente passo della Reusser, la Brennauer ha così proseguito a pochi metri di distanza fino al traguardo per aggiudicarsi la medaglia di bronzo.


L'olandese van Dijk ha dato tutto ciò che aveva, ma si è dovuta accontentare del secondo posto, seppur ad appena 19". La Reusser andava così a condurre dal primo check (13'17'') fino all'ultimo metro, con una eccellente media finale di 49,38 km/h. Vittoria Bussi perdeva qualcosa nella seconda parte e terminava ottava a 2'08'', mentre la Cecchini aveva ormai detto addio a ogni pretesa di medaglia dopo lo sfortunato problema meccanico nella prima parte di gara e terminava 25esima a 3'30''. Da segnalare la settima posizione della campionessa olimpica (a sorpresa) su strada, l'austriaca Anna Keisenhofer a 2 minuti netti dalla vincitrice.

CLASSIFICA

1. REUSSER Marlen (SUI) SUISSE les 22,4 km en 27'12'' (moy. 49,38 km/h)
2. VAN DIJK Ellen (NED) PAYS-BAS 27:32 00:19
3. BRENNAUER Lisa (GER) ALLEMAGNE 28:15 01:02
4. KLEIN Lisa (GER) ALLEMAGNE 28:35 01:22
5. MARKUS Riejanne (NED) PAYS-BAS 28:56 01:43
6. KONONENKO Valeriya (UKR) UKRAINE 29:04 01:51
7. KIESENHOFER Anna (AUT) AUTRICHE 29:12 01:59
8. BUSSI Vittoria (ITA) ITALIE 29:21 02:08
9. VAN DE VEL Sara (BEL) BELGIQUE 29:25 02:13
10. JØRGENSEN Emma Cecilie (DEN) DANEMARK 29:30 02:17
11. EKLUND Nathalie (SWE) SUÈDE 29:38 02:25
12. AMIALIUSIK Alena (BLR) BIÉLORUSSIE 29:41 02:28
13. DUYCK Ann-Sophie (BEL) BELGIQUE 29:43 02:30
14. NERLO Aurela (POL) POLOGNE 29:44 02:31
15. CORDON-RAGOT Audrey (FRA) FRANCE 29:48 02:35
16. AALERUD Katrine (NOR) NORVÈGE 29:51 02:38
17. DRONOVA Tamara (RUS) RUSSIE 29:53 02:40
18. SHAPIRA Omer (ISR) ISRAËL 29:54 02:41
19. KARASIEWICZ Karolina (POL) POLOGNE 30:01 02:48
20. CHABBEY Elise (SUI) SUISSE 30:02 02:49
21. SOLOVEI Ganna (UKR) UKRAINE 30:13 03:00
22. ROZLAPA Dana (LAT) LETTONIE 30:15 03:02
23. BUJAK Eugenia (SLO) SLOVÉNIE 30:19 03:06
24. ERHARTER Gabriela (AUT) AUTRICHE 30:30 03:17
25. CECCHINI Elena (ITA) ITALIE 30:42 03:29
26. ANTOSHINA Tatiana (RUS) RUSSIE 30:50 03:37
27. GAFINOVITZ Rotem (ISR) ISRAËL 30:56 03:43
28. FABER Claire (LUX) LUXEMBOURG 31:00 03:47
29. OYARBIDE JIMENEZ Lourdes (ESP) ESPAGNE 31:22 04:09
30. SIGURÐARDÓTTIR Hafdís (ISL) ISLANDE 31:37 04:24
31. RODRIGUEZ SANCHEZ Gloria (ESP) ESPAGNE 32:04 04:51
32. SENKUTĖ Viktorija (LTU) LITUANIE 32:18 05:05
33. MEDVEDOVA Tereza (SVK) SLOVAQUIE 33:28 06:15

Copyright © TBW
COMMENTI
bussi
9 settembre 2021 11:59 alerossi
mi chiedo da anni con che meriti bussi è in nazionale. una che non corre su strada le prove in linea ma si concentra solo sulle crono dovrebbe avere uno stile impeccabile, invece è la più inguardabile di tutte. e i risultati non ci sono.

@alerossi
9 settembre 2021 13:12 #bikerone
evidentemente la Bussi dei meriti li ha, poi per lo stile parliamone, ho visto cronoman forti con stile pessimo , e per quanto riguarda i risultati nulla da dire, un 8° posto è pur sempre un buon risultato, non tutti possono arrivare primi, l'importante è sempre dare il massimo (e lei lo fa). altri commenti son solo chiacchiere da bar e da specialisti della birra sul divano, vorrei vedere tutti questi fenomeni su una bici a fare una gara di livello,,,,,poi i commenti sarebbero certamente diversi. Comunque brave alle nostre ragazze che danno sempre il massimo nelle gare ,tanto di cappello

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Quando un essere umano arriva a spingere un 64, corona che in serata può tornare buona per servire la pizza a centrotavola, significa che quell'essere umano ha dentro una potenza spaventosa. Ganna più di tutti. La crono di Desenzano, piana...


Filippo GANNA. 10 e lode. Lacrime dolci singhiozzate con pudore. Parole spezzate dall’emozione di tornare a vincere sulle strade del Giro dopo tre anni. L’ultima corsa contro il tempo vinta dal gigante di Vignone era alla Vuelta: 5 settembre dell’anno...


Lacrime e commozione per Filippo Ganna, che al termine della cronometro di Desenzano sul Garda ha finalmente potuto festeggiare la sua vittoria alla corsa rosa. Nella prima cronometro a Perugia, il piemontese era arrivato secondo alle spalle di Pogacar, una...


Tadej Pogacar è soddisfatto della sua prova a cronometro e sapeva perfettamente che Ganna, su un tracciato piatto come quello di Desenzano sul Garda, sarebbe stato il super favorito per la vittoria.  «Sono molto felice di questo risultato, ma la...


E Filippo Ganna finalmente fa festa! Il campione italiano ha vinto la cronometro da Castiglione delle Stiviere a Desenzano del Garda: 35'02" il tempo di Top Ganna sui 31, 2 km del percorso, volati alla media di 53, 435 kmh....


Il norvegese Tord Gudmestad della Uno-X Mobility ha vinto in volata la Veenendaal Classic, disputata in Olanda sulla distanza di 171.8 km. Gudmestad ha preceduto nell’ordine Simon Dehairs della Alpecin-Deceuninck e Dylan Groenewegen del Team Jayco-AlUla. Ai poiedi del podio...


Sam Bennett, irlandese della Decathlon AG2R La Mondiale Team, ha vinto la quinta tappa della 4 Giorni di Dunkerque, la Arques - Cassel di 179.1 km. Per l’iorlandese, che ha preceduto Penhoet e Berfckmoes, si tratat del terzo successo in questa...


Freccia brittannica nella quinta tappa del Tour of Hellas, la Spercheiada - Chalkida di 196, 9 km: ad imporsi è stato infatti Dylan Hicks del Team Saint Piran che ha preceduto in una volata serratissima il polacco Rudyk e il...


Fallito un altro tentativo dei dirigenti Uae di convincere Pogacar a evitare rischi: dopo il colloquio, lo sloveno è sceso a colazione facendo le scale con lo skateboard. La Bora chiarisce che correre con attenzione quando c’è il vento è...


La Team SD Worx-Protime continua a dominare sulle strade della Vuelta a Burgos. la terza tappa - la Duero - Melgar de Fernamental di 122 km - si è conclusa con una volata che ha visto imporsi Lorena Wiebes che...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi