EVENEPOEL. «IERI HO PERSO TERRENO DOPO UN CONTATTO CON UN UOMO DELLA INEOS»

GIRO D'ITALIA | 17/05/2021 | 08:50
di Francesca Monzone

La maglia rosa è di Egan Bernal, ma Remco Evenepoel si ritiene soddisfatto ed è convinto che la battaglia vera debba ancora arrivare. Il belga sostiene che il suo ritardo sul traguardo sia stato causato da un momento in cui ci sarebbe stato quasi un contatto con un compagno del colombiano. Sostanzialmente il corridore della Ineos con la sua ruota, avrebbe quasi urtato Evenepoel e questo avrebbe costretto il belga a frenare e a perdere posizioni nel gruppo.


«Fortunatamente non ho perso molto, anche se ho perso un po’ di tempo sulla salita finale a causa di un compagno di squadra di Bernal. L'inizio della tappa è stato molto difficile, ma le ultime salite non sembravano particolarmente impegnative - ha detto Evenepoel a Sporza -. Solo l'ultimo chilometro e mezzo di sterrato è stato impenativo. Speravo in una gara leggermente più dura nel finale. Alla fine è andata bene e abbiamo mantenuto la nostra buona posizione in classifica».


Campo Felice è stata la prima tappa della verità: Bernal ha lanciato il suo attacco, Ciccone e Vlasov sono stati gli unici a inseguirlo. «Molti corridori hanno sofferto. Possiamo essere orgogliosi del nostro lavoro e di come il team ha condotto la corsa. Adesso arriviamo al giorno di riposo e poi con Montalcino tutto ripartirà».

Per Remco il ritardo va ricercato in quel contatto mancato, prima dell’ultima salita e che avrebbe rallentato la salita del belga nel tratto con la ghiaia. «Ero in una buona posizione fino a quando un compagno di squadra di Egan Bernal non ha quasi toccato la mia ruota. Di conseguenza, io e quel corridore abbiamo perso posizioni e sono dovuto partire indietro. Capita, ma sono riuscito a recuperare posizioni sul traguardo, dove comunque ho perso i secondi di bonus. Fortunatamente non ho concesso molto tempo ai miei avversari, questo è positivo in vista della prossima settimana. 15 secondi non sono quasi nulla in classifica generale se si considera che le montagne con le salite importanti devono ancora arrivare».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Trentanove anni fa. Non ciclismo, ma calcio. Non Europei, ma Mondiali. Sempre generoso, mai domo. Maglia azzurra, numero 19. Francesco Graziani. Ma per tutti, affettuosamente, Ciccio. Pronto e pimpante, pirotecnico e pelato, incrocio Graziani in uno di quegli incontri virtuali...


Il 19 giugno Francesco Moser compie 70 anni. All'evento è dedicato un libro curato dal giornalista sportivo Beppe Conti, che lo ha seguito in ogni gara durante la sua lunga carriera. Il volume, realizzato in collaborazione con Azzurra Music e...


Su un tracciato di 40 chilometri intorno a Losanna Stefan Küng si è riconfermato campione nazionale a cronometro, lasciandosi alle spalle Marc Hirschi e Thery Schir. «Il mio obiettivo era difendere il titolo, ma è stato anche un buon banco...


Il covid ridisegna gli spazi della 26. granfondo Sportful Dolomiti Race, la granfondo in programma a Feltre (BL) domenica 20 giugno con inizio delle operazioni preliminari venerdì e sabato. Abbiamo dovuto riorganizzare gli spazi dedicati all’evento creando delle zone GIALLE...


La svizzera Marlen Reusser non delude i pronostici e si conferma campionessa nazionale svizzera a cronometro. L’atleta del team Alé BTC Ljubljana, festeggia col titolo, la sua terza vittoria personale della stagione, conferma le sue grandi doti nelle prove contro...


È stato il padrone assoluto del Giro d'Italia Under 23 e tra pochi giorni Juan Ayuso farà il suo debutto tra i professionisti con la maglia della UAE Emirates. Lo spagnolo della Colpack Ballan ha accettato di raccontarsi al podcast...


Continua il momento magico di Lorenzo Fortunato. Il 16° posto finale al Giro d'Italia e il trionfo sullo Zoncolan non sono stati frutto del caso e sul Monte Grappa il giovane portacolori della Eolo-Kometa lo ha dimostrato ampiamente. Il bolognese...


È cominciata ufficialmente la settimana che assegna i titoli nazionali nella gran parte dei Paesi. E come sempre sono le cronometro ad aprire i giochi.Tornato alle corse la settimana scorsa dopo una pausa di riflessione, Tom Dumoulin ritrova in fretta ...


Quest'oggi si è alzato il sipario sul primo percorso regionale permanente in Italia dedicato alla bicicletta su strade asfaltate secondarie a basso traffico e su tratti “bianchi”. Via Romagna si accredita tra le ciclovie più interessanti a livello europeo con i suoi...


Si sta specializzando nella conquista delle cime più prestigiose: Lorenzo Fortunato ha vinto, con un finale incredibile, la seconda tappa dell'Adriatica Ionica Race 2021 che si è conclusa in vetta al Monte Grappa. La prima parte della tappa è stata caratterizzata...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155