SCRIPTA MANENT. NOI DUE, VICINI A PANTANI

TUTTOBICI | 27/11/2019 | 07:19
di Gian Paolo Porreca

Caro Direttore, mi permetto di utilizzare stavolta questo spazio per una storia di ciclismo - Pan­tani, al centro -,  ma di tanto altro amore, quello paterno e filiale, ancora.
L’altro giorno, non per posta ormai, chi scrive più messaggi a mano?, ma sulla mail, mi è arrivata inattesa questa lettera di mia figlia Chiara, 30 anni, a suo tempo - ora non più - innamorata del ciclismo, al mozzo del padre e di De Zan padre, ma innamorata ancora - allora come ora - di Marco Pantani e della sua epica.

Caro papà, non so se hai visto, ma immagino di sì, la trasmissione delle Iene dedicata ieri a Marco Pantani ed alla sua storia dram­matica, di campione e di uomo. Per me è solo stato tutto un complotto, assurdo, da Madonna di Campiglio in poi, e davvero non capisco il perché di tanto accanimento, quasi cinico, contro di lui, manco fosse stato un camorrista o un omicida, e non soltanto un campione del ciclismo, dal giorno in cui sarebbe stato espulso dal Giro del ’99, a causa di un ematocrito alto. (Con tutte le perplessità che vi seguirono).
E non capisco, papà, ricordando, ero piccola allora, tanti tuoi articoli e quella passione che mi hai  trasmesso in quelle estati felici insieme davanti alla TV ad aspettare il Giro, come tu possa credere a tutto quello che si è raccontato.

E come la giustizia, davanti a fatti concreti, a tante testimonianze e denunce postume, non voglia arrivare ai  nodi cruciali della storia. Di certo, Pantani si era messo in brutti giri e aveva fatto pessime conoscenze, ma non per questo allora è “giusto” arrivare ad una “verità non veritiera”, solo perché faceva smodato uso di cocaina, e scegliere, co­me tanto spesso in questo pae­se, la soluzione più semplice. A questo punto, viene da pensare che anche fra i po­teri alti, nelle diverse fasi di questa storia, ci sia stata tanta corruzione e veramente non è onesto che davanti alle evidenze, hai visto le foto del cor­po?, il caso sia stato archiviato così, chiudendo i fascicoli sotto una coltre di interrogativi. E solo per citare un elemento ricordato ieri, ma che fine hanno fatto i 20 mila euro che risultavano prelevati da Pantani? Perché non si è indagato su questo particolare? Troppe cose non tornano, per me….
tua figlia Chiara

Cara figlia, cosa dirti?, anche se un padre - co­me in quella bella canzone degli Stadio - dovrebbe sapere sempre cosa dire ad una figlia. Per giunta quando è “innamorata”.

Cosa dirti? Ho amato Panta­ni come e più di te, altrimenti non saremmo io e te qui, in quegli anni, fino al Giro del ’99. Non ho mai però condiviso - e questa resta, nel mio intimo, l’unica chiave di giudizio inossidabile - il suo ri­nun­ciare alla chance del ri­scatto IMMEDIATO, an­dan­do a correre il Tour di quell’anno, per dimostrare cosa per vero e di enorme lui fosse. Vedi, trent’anni prima, un signore di nome Eddy Merckx aveva vissuto una storia analoga, anche se in un ciclismo diverso, come diverse l’epoca e i valori e il mondo. Squalificato al Giro del ’69, ancora per un do­ping mai accettato, si era ri­messo subito in sella e il Tour di quella stagione lo avrebbe stravinto.

In quel suo diniego, orgoglioso Capricorno, come tuo padre…, o forse capriccioso, o forse altro, io persi il “mio” Pantani. Di tutto il re­sto, cara figlia, non ho obiettive sicurezze, punti di forza, ragioni scientifiche, al di là della difesa dell’operato in buona fede dei medici non di parte, come quelli dell’UCI.

Convivo a stento con una so­cietà che dà più importanza ai diritti che non ai doveri, e ha l’istituto del patteggiamento nel suo ordinamento. Anche se c’è una morte in giudicato, allora, come era quella di Pantani.

Chiara, non vado oltre. Di­fen­di sempre la tua fede in Marco Pantani, fallo fino in fondo, se c’è un fondo ulteriore, ed amalo ancora. Io non più, ho venti anni di trop­po, e sono stanco di qua­si tutti i miei amori.

Ti ricordo solo che in un giorno dell’inverno 2000, al rientro dopo la squalifica, in un incontro nel ritiro di Ter­racina, gli parlai di te e della tua passione per lui. E gli chiesi “ma cosa direbbe di Pantani, ad una ragazzina come mia figlia Chiara, che di lei è così incantata?” «Le dica solo di farsi spiegare la vita dal suo papà, che è così bravo, più bravo di me».

da tuttoBICI di novembre

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Siamo ad agosto e sullo Stelvio nella notte sono scesi 20 cm di neve. In questo momento, alle 12:00, sulla vetta ci sono zero gradi. Ciclisti, motociclisti e automobilisti hanno comunque già ripreso a scalare il versante valtellinese. Quello altoatesino...


Francesco Guerino, milanese di Rho, ha vinto la gara esordienti di secondo anno della "Giornata del Ciclismo Lombardo" che si sta svolgendo sulla pista dell'Autodromo Nazionale di Monza. Il giovane portacolori della Ciclistica Biringhello, che si è laureato anche Campione...


Si è aperta con il successo di Federico Giacomo Ogliari la "Giornata del Ciclismo Lombardo" sulla pista dell'Autodromo Nazionale di Monza. La prova degli esordienti di primo anno ha visto infatti il trionfo del cremonese Ogliari, 13enne di Credera Rubbiano...


Tirreno Adriatico, la novità della tappa tutta umbra: da Terni e Cascia. Il nuovo percorso che abbraccia gran parte della città„ RCS Sport è al lavoro per definire e rifinire tutte le sue organizzazioni alla luce di normative, ordinanze e...


Le ruote per Guidino, un bambino di 3 anni di Milano, affetto da SMA (atrofia muscolare spinale) sin dalla nascita, sono necessarie per conoscere il mondo. Per Filippo Richeri Vivaldi Pasqua, 38 anni, imprenditore, genovese di nascita e milanese d’adozione...


E’ stato un riuscito “incrocio”,   quasi un matrimonio “sui generis”, fra vino e ciclismo, con vari altri motivi gustosi collegati, quello piacevolmente celebrato fra enologia e ciclismo a Castellania Coppi nel pomeriggio di domenica 2 agosto 2020. Vino e...


Ed eccoci, finalmente, al grande giorno del Ciclismo Giovanile Lombardo. All'Autodromo Nazionale di Monza sarà festa grande: al via vedremo le categorie donne esordienti/allievi, uomini esordienti/allievi e uomini juniores. Per tutte le categorie, ad esclusione degli uomini allievi, ci sarà...


L’ora del Campionato si avvicina e il percorso attira sempre più ciclisti, curiosi di vederlo nel dettaglio e di mettere alla prova la propria resistenza davanti a un calendario molto fitto e stimolante. C’è chi è alla sua prima esperienza...


Un membro dello staff del Team Sunweb è risultato positivo al coronavirus., come segnala lo stesso team sul suo sito web. Il team sottolinea che l'interessato - che avrebbe dovuto seguire la squadra al Tour de l'Ain - non è...


Giovedì 6 agosto, con inizio alle ore 11.45, nella sala del Piano Nobile del prestigioso Palazzo Balbi, sede della Giunta Regionale del Veneto, a Venezia, sarà presentato ufficialmente il Campionato Italiano di Ciclismo riservato ai Professionisti in programma nel Veneto...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155