AIRACE. ARGENTIN E LA CORSA CHE LANCIA I GIOVANI TALENTI

PROFESSIONISTI | 29/07/2019 | 07:42
di Giulia De Maio

Moreno Argentin, professionista dal 1980 al 1994, campione del mondo nel 1986 a Colorado Springs, quattro volte vincitore della Liegi-Bastogne-Liegi, re di un Lombardia, un Giro delle Fiandre, tre Freccia Vallone, 13 tappe al Giro d'Italia, due al Tour de France e ora presidente del comitato organizzatore della Adriatica Ionica Race, tira le somme insieme a noi della corsa sulle strade della Serenissima, che si è conclusa ieri a Trieste.


Soddisfatto del risultato?


«Decisamente. Abbiamo raggiunto l'obiettivo di organizzare una gara a tappe adatta a corridori completi, più impegnativa rispetto all'edizione dell'anno passato. Abbiamo disegnato tappe adatte a tutti, dopo un criterium veloce e pimpante, abbiamo vissuto quattro tappe diverse: una caratterizzata dagli sterrati, quella dolomitica, quella sui muri del Collio goriziano e la passerella finale a Trieste. Tutto è filato liscio, a parte la caduta nella quarta tappa di Mathias De Witte (Roompot Charles), che finendo su un gardrail ha colpito il malleolo peronale. Il ragazzo è stato operato d'urgenza ed è ben assitito, questo mi fa stare tranquillo. Siamo solo all'inizio di un percorso molto ambizioso. La corsa si chiama così perchè l'idea è di farla arrivare ad Atene in 4-5 anni. Il progetto consiste nell'organizzare una tappa per ogni regione o stato di questo ampio territorio che merita visibilità e interesse turistico. Siamo consapevoli che è di difficile realizzazione, ma l'impegno non ci manca».

Il ciclismo è un poderoso veicolo di promozione territoriale.

«Veneto e Friuli sono state fondamentali per lanciare questo evento, per il prossimo anno stiamo già lavorando per attraversare il confine, andando in Slovenia e Croazia. Siamo condizionati dal calendario internazionale che deve mettere d'accordo le esigenze di 5 continenti, noi rappresentando una corsa giovane dobbiamo avere pazienza. Per il 2020 confidiamo di ritornare a fine giugno per avere più chance di far tappa in località turistiche. Intanto l'etichetta di corsa che lancia i giovani ce la teniamo stretta. Dopo il trionfo di Ivan Sosa, abbiamo fatto emergere altri corridori di spessore internazionale. Padun è un atleta di qualità e molto determinato, la maglia azzurra gli dona».

Che impressione le ha fatto Remco Evenepoel?

«Indubbiamente è un gran fenomeno, appena passato dalla categoria juniores a quella dei professionisti ha già fatto vedere numeri stratosferici. Di atleti forti ne ho visti tanti, ma nessuno esploso così giovane. Nella tappa di Cormons quando è partito nessuno è stato in grado di stargli dietro. Ha anche un senso tattico molto elevato, ha “imbrigliato” Gilbert, costringendolo a correre di rimessa. Non ha solo talento ma anche intuizione. Sembra gli venga tutto facile. È nella squadra giusta per crescere senza consumarsi. Se riuscirà a reggere la pressione mediatica e non verrà schiacciato dalle alte aspettative (paragonarlo a Merckx è esagerato in questo momento), in futuro farà grandi cose nelle corse a tappe».

Quando le conquisterà, potrà dire di averlo visto alzare le braccia al cielo per la prima volta in Italia all'Airace.

«Ne sono felicissimo. Secondo il mio modesto parere deve fare esperienza nelle corse minori, come sta facendo, perchè nessuno diventa professore partendo dall'università. Dovrebbe puntare prima alle corse di un giorno, poi alle brevi corse a tappe, quindi ai grandi giri. Altrimenti rischierebbe di compromettere una carriera davvero promettente».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Oggi Rigoberto Uran ha fatto qualcosa di veramente incredibile: nei 23 km di cronometro da Sedrun a Andermatt è stato decisamente una spanna sopra a tutti gli altri rifilando ben 40” a Julian Alaphilippe e ben 54” al leader Carapaz....


Mattia Cattaneo si sta ritagliando un bel ruolo da protagonista in questo Tour de Suisse, dimostrando che i lunghi mesi di preparazione stanno dando i loro frutti. Nella crono inaugurale aveva dato spettacolo conquistando un bellissimo terzo posto a soli...


Non c'era modo migliore per salutare la Colpack Ballan. Juan Ayuso chiude in modo trionfale l'esperienza con la formazione italiana, dopo aver vinto nel giro di due mesi Trofeo Piva, Giro del Belvedere, Giro di Romagna e, dulcis in fundo,...


Rigoberto Uran ha vinto la crono valida come settima tappa del Giro di Svizzera e ora si è portato al secondo posto della generale a soli 17 secondi da Richard Carapaz. Prova, difficile, quella odierna, che prevedeva la salita all'OberalpPass...


È lo spagnolo Antonio Pedrero che fa festa sul traguardo della terza tappa della Route d'Occitaine, la Pierrefitte-Nestalas - Le Mourtis (Haute-Garonne). Il portacolore della Movistar ha piazzato il suo attacco vincente nel finale di una tappa davvero esplosiva, resistendo...


L'irlandese Ben Healy mette a segno la stoccata vincente sull'ultimo traguardo del Giro d'Italia Under 23 2021, quello di Castelfranco Veneto. Dopo una tappa velocissima e molto combattuta, con numerosi tentativi di attacco, l'azione decisiva parte dopo 80 km per...


Dominio assoluto della UAE Emirates sulle strade del Giro di Slovenia. La quarta tappa ha visto il successo di Diego Ulissi, che così cancella definitivamente il brutto periodo vissuto quest’inverno a causa di problemi cardiaci, davanti a Tadej Pogacar, all’ottimo...


Caleb Ewan non perdona e dopo 24 ore torna a tagliare per primo il traguardo: decisivo il lavoro di tutti i suoi compagni di squadra della Lotto Soudal che lo hanno "salvato" quando è andato in difficoltà sull'ultima ascesa e...


Samuele Bonetto conferma una volta di più la sua predisposizione per le prove contro il tempo vincendo il Trofeo Giancarlo Ceruti a Reggio Emilia prova di Campionato dell'Emilia Romagna a cronometro per juniores. Il veneto di Montebelluna, 18 anni dell'Uc...


Scalatori in scena stamane nella Lugo-Cerro in provincia di Verona per la cronoscalata valida come Gran Premio Val di Pan-Memorial Maurizio Bombieri, che ha visto in gara quattro categoria. La prova degli juniores ha fatto registrare la vittoria di Manuel Oioli,...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155