L'ABC DI COSTA. QUESTIONE DI SCIA

GIRO D'ITALIA | 29/05/2019 | 18:00
di Angelo Costa

A come allarme. Nel senso di segnale di pericolo. Da un paio di giorni è scattato anche al Giro per colpa di Andrea De Luca, il telecronista che quando vede i ciclisti mettersi un quotidiano sotto la maglia per affrontare le discese, si commuove e dice ‘I giornali servono sempre’: già che c’era, poteva ricordarne altri usi eleganti, tipo incartare il pesce. E che quando vede Antonio Nibali aiutare il fratello Vincenzo che corre nella sua stessa squadra, si commuove e dice ‘Pensate, sono compagni ma anche fratelli’: curiosamente, è vero anche il contrario. Nella tappa del Mortirolo, è stato De Luca dal palco Rai a strillare: ‘Rassicuriamo i telespettatori che fra un po’ esplode’. Dopo i controlli di rito di vigili del fuoco, artificieri e squadre anti attentato, sta affiorando un sospetto: che si riferisse alla pazienza di chi l’ascolta?

S come scia. Nel senso di fenomeno che riduce la resistenza all’aria. Nel ciclismo si genera  quando un corridore si trova alle spalle di un collega o di un altro veicolo: auto, moto o ciclisti che vanno come moto. Particolarmente ambite quelle della Rai (le scie e le moto, a scelta), almeno da ciò che si deduce dai bollettini della giuria: fin qui tre i provvedimenti disciplinari, un paio di multe e una squalifica per il prossimo gran premio. Diverso è il caso che si presenta quando sulla tappa nevica e il gruppo affronta una discesa: la frase ‘Il Signore scia con voi’ è soltanto un augurio e non indica la presenza del Divino in corsa. E’ un termine riferito a qualcosa di astratto, che si percepisce e non si tocca: negli alberghi come nelle sale stampa, quando c’è qualcosa di nuovo nell’aria si dice che qualcuno ha lasciato la scia. Ce ne sono di svariati tipi anche nel ciclismo: c’è quella del ciclista con l’ansia di non arrivare entro il tempo massimo (ango-scia), quella di chi si ferma a far pipì (pi-scia), quella dei ciclisti costretti a pedalare sotto il diluvio (scro-scia), quella di chi va sempre all’attacco (sgu-scia), quella di chi va in fuga quando c’è una caduta (scia-callo), quella di chi non indovina mai la tattica di corsa (rove-scia), quella di chi ha la corsa in mano e la butta via (scia-lacquatore), quella di chi fa un’impresa e non capisce come ci sia riuscito (incon-scia), quella di chi arriva stremato all’arrivo (acca-scia), quella di chi ogni volta che si muove fa scappare da ridere (scompi-scia), quella di chi va così piano da rendere inguardabile la tappa (ammo-scia). C’è anche quella di chi è disposto per soldi a cedere la vittoria (baga-scia) e di chi chiude ogni polemica sul nascere (scia-cquone). E quella di chi rientra in fretta in albergo per vedere il tg satirico (Stri-scia). In questo Giro ne sta affiorando una inedita, quella di chi si arrabbia perché i rivali ce l’hanno e lui no: la classica scena di gelo-scia.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Una festa per le cicliste in terra veneta, una serata speciale che porta la firma di Lino Bet. Classe 1938, pura razza Piave, grande sportivo e appassionato di ciclismo, Lino quest’anno si è superato organizzando una serata che ha avuto...


Caro Direttore, per chi abbia un'età che  ci riporti alla memoria, con simpatica e giovanile nostalgia, certi mitici film western, ricorderà bene che i pellerossa, sempre e comunque perdenti e i cattivi per antonomasia, annoveravano una frase che di questi tempi troverebbe ben...


Non c’è pace alla Sei Giorni di Gand e e le cadute continuano a costellare l’evento. Dopo che nella prima serata sono finiti a terra Cavendish e Thijssen, ieri sera il pubblico ha trepidato per lunghi minuti per le condizioni...


Dopo una prima serata difficile, a causa delle cadute di Cavendish e Thijssen (le cui condizioni sono in miglioramento, anche se il belga resta ricoverato in terapia intensiva per tenere sotto controllo tre piccole emorragie alla testa), la seconda notte...


Il 14 novembre è il giorno dei campioni. Festeggiano oggi il loro compleanno infatti Bernard Hinault (65 anni), Vittorio Adorni (8), Davide Boifava (73), Koichi Nakano (64) e naturalmente Vincenzo Nibali (35). In campo femminile la tedesca Petra Rossner (53)...


Due neoprofessionisti in arrivo per la Bahrain Merida: si tratta di Santiago Buitrago Sanchez e Fred Wright. «Siamo entusiasti che questi giovani entrino a far parte del team con Rod Ellingworth e la McLaren. Avranno un ruolo fondamentale nel costruire...


«È nata Virginia! Ieri sera alle 23.24 è arrivata con i suoi 3 kg e 80 grammi, distribuiti su 48 centimetri di amore. È una meraviglia!». Le parole del messaggio scritto da Matteo Cavazzuti, collega giornalista e pr di Fabio...


Andrea Piccolo sta diventando un habituè della Notte degli Oscar tuttoBICI. Dopo aver vinto tra gli Allievi nel 2017 e un anno fa, al primo anno di categoria, tra gli Juniores, quest'anno si è ripetuto conquistando l'Oscar tuttoBICI Gran Premio...


Le corse sono nel DNA di Canyon. E dal 1 ° gennaio 2020 Arkea-Samsic diventerà il prossimo team del gruppo a gareggiare su Canyon. Il team UCI Pro Continental proviene dalla Bretagna - un territorio ciclistico con un ricco patrimonio...


Gli Italiani scelgono sempre più spesso vacanze attive e, tra le opzioni disponibili, il cicloturismo è tra le attività preferite. Secondo uno studio di Unioncamere e Legambiente, il cicloturismo nel nostro paese rappresenta da solo, con 77, 6 milioni di...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy