MOSCON: BRAVO MA SQUALIFICATO... AUDIO

PROFESSIONISTI | 24/09/2017 | 17:05
Gianni Moscon è stato brillantissimo protagonista del mondiale di Bergen e ha confermato di essere un corridore di caratura: «Ho dovuto compiere un grande sforzo per rientrare, ho cercato di recuperare al penultimo giro per giocarmi tutto nella tornata decisiva. Siamo andati via in due sulla salita, poi Alaphilippe mi ha staccato e non capisco perché, insieme potevamo andare al traguardo. Mi ha preso quache metro in curva, quando ho cercato di non correre rischi, poi ha fatto una volata sul pavé, mi ha preso cinque secondi ma alla fine ha pagato anche lui perché ci hanno preso poco prima dell'ultimo chilometro. Sapevamo di essere in forma, penso che abbiamo corso davvero bene, senza sprecare energie. Peccato per la sfortuna e per la mia caduta, ho picchiato il gomito sulle transenne e quelle energie spese nel recupero le ho pagate, ho fatto una cronometro di sei chilometri per chiudere sul gruppo. Nel finale il mio compito era quello di seguire eventuali attacchi, ho risposto ad Alaphilippe e me la sono giocata fino in fondo. Credo che questa squadra abbia corso davvero alla grande».

Un'ora dopo la conclusione della gara Moscon è stato squalificato per scie prolungate e per essersi palesemente attaccato all'ammiraglia ed è stato quindi escluso dall'ordine d'arrivo.

Nell'allegato potete ascoltare le parole di Gianni Moscon raccolte a Bergen da Danilo Viganò, prima della squalifica.

Copyright © TBW
COMMENTI
Nn mi piace e mai mi piacerà
24 settembre 2017 19:06 pantani83
Ha fatto il fenomeno attaccandosi all\'ammiraglia, altro che sei chilometri a tutta!!! Da dilettante l\'hanno esaltato per un mondiale quasi vinto ma è finito a terra, da Pro si è distinto per i simpatici complimenti a Reza, oggi ha preso in giro tutti...Si si proprio un bel corridore!!!

Nibali - Moscon
24 settembre 2017 20:05 froome
Quando alla Vuelta del 2015 l'ammiraglia dell'Astana tirò Nibali, i giornalai italiani hanno sparato a zero contro il D.S. Kazako, adesso per la par condicio dovrebbero sparare a zero con chi guidava l'ammiraglia della nazionale italiana. Vuoi scommettere che non lo fanno?

Pantani 83
24 settembre 2017 20:35 blardone
Sei ridicolo .stai parlando di un grosso atleta. La tua sarà solo gelosia . questo ragazzo ha dimostrato di aver fatto un gran numero oggi .grande Moscon

24 settembre 2017 20:44 limatore
vergogna .... si è visto benissimo durante la diretta . Sarebbe più giusto squalificare l'ammiraglia. In piena trans agonistica il commissario ti allunga la mano, che fai? non ti attacchi?
Cassani a casa vergogna

Siamo alle Solite
24 settembre 2017 20:44 thered
Solita "ITALIANATA", sicuramente Moscon avra' le sue colpe, e vedo e leggo che parlano solo di lui, Ma l'ammiraglia che lo tirava a 90kmh, non era dell'Italia? E allora dai da Bravi.........siamo alle solite.

squalifica...
24 settembre 2017 20:54 nikko
a mio modesto parere la squalifica dovrebbe essere allargata anche ai componenti dell'ammiraglia incriminata...

Pantani83
24 settembre 2017 21:50 Veloce
Se Moscon non ti piace a pelle non è una pensiero personale che ci sta\',ma pensare che non sia un corridore di spessore mi sembra una gran stupidaggine,se oltre ad essere un appassionato guardi le corse mi sembra che tu sia un po\' fuori strada.

Figuraccia
25 settembre 2017 00:02 9colli
hanno veramente fatto una Grandissima Figura di Ca@@a Sia Moscon che l'Ammiraglia e quindi Cassani compreso, anche se non guidava Lui.

Tante parole pochi fatti
25 settembre 2017 07:04 pantani83
Dite quello che volete, fino adesso, tante parole (anche troppe da chi lo circonda anche qui in provincia), qualche bella azione ma poco più. Sarà anche colpa di Cassani ma la mano bastava ritirarla...ha voluto fare il furbo e gli è andata male

Traino
25 settembre 2017 08:30 wtr61
Chi ha sbagliato è stato sicuramente Cassani, Gianni non è esente da colpe, secondo me rientrava lo stesso senza la trenata tipo Americana da pistard.
Sta di fatto che queste cose non dovrebbero mai accadere in nessuna competizione
a maggior ragione in un Mondiale dove hai gli occhi di tutti addosso.
Un consiglio a Gianni pondera bene le tue azione perchè sei un personaggio mondiale e quindi sempre osservato da tutti. ciao in bocca al lupo Walter da Caldonazzo

Soluzione semplice
25 settembre 2017 10:27 maicol
Basterebbe aggiungere 2 vetture cambio ruote e un box in più (3 invece di 2 )e non fare seguire le ammiraglie delle nazionali che servono solo per consumare gasolio in un circuito ai mondiale e nn sorgerebbero di questi problemi

peccato
25 settembre 2017 14:44 cimo
E' di sicuro un ottimo corridore....ma ieri e' stato pizzicato con le mani nella marmellata in mondivisione.............
P.s. Ennesima figura del buon Cassani....forse gli gioverebbe tornare ai microfoni Rai....

Moscon
25 settembre 2017 15:39 Calibano
Ha fatto degli errori? Certo. Ma ragazzi, ha solo 23 anni, non si può già metterlo in croce. C'é gente che attaccata all'ammiraglia ha vinto una Sanremo e nessuno ha detto niente. Questo è il più grande talento italiano degli ultimi vent'anni: vogliamo davvero solo giudicarlo perché ha fatto un minuto di traino e un'uscita razzista?

ma per favore
25 settembre 2017 18:56 bric
Noi italiani siamo bravissimi a farci del male da soli....Moscon ha fatto quello che ha fatto ma ieri ho visto l'ammiraglia olandese che aveva in scia un suo corridori e lo ha fatto rientrare...scia o aggrapparsi sono la stessa cosa...al Tour i telecronisti hanno spiegato che quando dei corridori si attardano per caduta c'è un mutuo accordo e l'ammiraglia offre la scia...e la giuria non interviene.....quindi....ieri c'era qualcuno che voleva fare il bravino e voleva distinguersi....ora tutti bravi a criticare ...ma qua nessuno è fesso e se fossi Cassani chiederei il filmato alla Rai.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Se n’è andato in punta di piedi, proprio come ha vissuto, senza manie di protagonismo, ma badando al sodo. Da bresciano di campagna, appassionato di ciclismo, Tarcizio Bregoli, 80 anni, terzo di una stirpe, i fratelli Bregoli (dieci fra maschi...


Stefan Kung ha conquistato per il quarto anno consecutivo il titolo nazionale svizzero a cronometro indidivuale riservato ai professionisti. Sul circuito di Belp, dopo 30 km di gara, il portacolori della Groupama FDJ ha fermato il cronometro in 37'36"precedendo i...


Lo avevamo già visto brillare al Giro di Svizzera e virtuale e lo ritroviamo protagonista al Tour de France: l'australiano Freddy Ovett, portacolori della Israel Start-Up Nation, ha vinto la quarta tappa della Grande Boucle precedendo il connazionale Nick Schultz...


Marlen Reusser, dell'Equipe Paule Ka, ha conquistato per il secondo anno di fila il titolo nazionale elvetico a cronometro individuale per donne elite, che oggi è stato assegnato a Belp. La 28enne di Jegenstorf, nei pressi di Berna, ha coperto...


April Tacey si conferma davvero come l'atleta più in forma e soprattutto più adatta alle velocità vertiginose e agli sforzi brucianti del Tour de France virtuale. La britannica, classe 2000, ha vinto infatti anche la quarta tappa della corsa francese,...


Ci sono gli organizzatori dei grani giri, e in particolare quelli del Tour de France, nel mirino di Patrick Lefevere e della sua rubrica settimanale su Het Nieuwsblad. «Il motto che ha scelto Aso quest'anno è: "ripido, ripido, ripido", ma...


È chiaro che mi devo dichiarare, senza se e senza ma: adoro da sempre Vasco Rossi. Sono tra quelli che ancora ragazzo, ancora corridore, lo incontra con “Non siamo mica gli americani”, nel 1979. Amore al primo ascolto. Un genio...


Tempo di ripartneza anche in terra svizzera e subito brillanti risultati per i ragazzi dell Vc Mendrisio diretti da Dario Nicolett. Nella corsa in salita Grono - Rossa, che ha difatto segnato la ripresa agonistica, infatti, si è imposto il...


E’ il 12 lugIio 1990, al Tour de France si corre la cronometro Fontaine-Villard de Lans, 33 chilometri con tratto finale in salita. La tappa se l’aggiudica lo specialista Erik Breukink, e Claudio Chiappucci, ventisettenne lombardo di Uboldo, diventa leader...


È un libro da sorseggiare, gustare e assaporare in tutte le sue declinazioni, che sono perlomeno tre, visto che Davide Cassani e Giacomo Pellizzari in sella alle loro biciclette ci indicano percorsi, ma ci suggeriscono anche cosa vedere o mangiare....


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155