Scripta manent
Ernzer e il ciclismo antiquario

di Pier Paolo Porreca

Ne eravamo in qualche modo consapevoli, di vivere in un altro mondo. Ma la certezza franca, senza violenza alcuna, ce l’avrebbe sentenziata il telecronista della Rai, domenica 22 aprile nel commentare la Liegi vinta da Bob Jungels. «È la seconda vittoria per il Lussemburgo, nella storia del­la Liegi-Bastogne-Liegi, dopo quella di Andy Schleck ottenuta nel 2009. Per restare ovviamente nel ciclismo mo­­derno, e non risalire a quella lontana di Ernzer, nel 1954». O giù di lì, con esattezza dei dati statistici.

Noi al riguardo perseveriamo nel nostro errore - tenaci - e ad un ciclismo moderno che sia subentrato alternativo ad un ciclismo antico, spartiacque intorno al 1960 o giù di lì, con il dubbio di dove collocare Anquetil e Merckx, a si­nistra o a destra della linea di cut-off, storia o preistoria, continuiamo a resistere.

E Marcel Ernzer, tre volte campione di Lus­semburgo, il prediletto scudiero di Charly Gaul, il suo luogotenente in­nanzitutto nei Giri d’Italia vinti e in quelli persi, fra il ’56 e il ’62, maglie Faema, Gazzola, EMI, un congedo insieme dalla corsa rosa nella tormenta del Passo Rolle, la tappa di Vincenzo Meco, lo sentiamo certamente più pre­­sente nel nostro cuore, lui scomparso nel 2003, di tanti corridori effimeri del ciclismo di oggi o della annata scorsa. Ci è più vicino. Nessun risentimento specifico, ad ogni modo, in nome del nostro sentimento che non cede, con la sua declinazione al passato e ad un sen­so del ciclismo che non è mi­ca banalmente dell’antiquario.

Ma custodisce sola invece al comando la suggestione ro­mantica che i Ciclisti per noi e quelli come noi - non moderni?, o nati incolpevoli nel ’50? - continueranno a restare sulla bici sempre, da Impanis a Delberghe, da Bui a Tognaccini, da Fornara a De Meyer, quale De Meyer?, sui sentieri intimi del cuore di ciascuno.

Quei Ciclisti, già, che restano per noi assoluti come i lirici gre­ci. Quei ciclisti che non vivono più, semmai, in una accezione comune dell’esistenza, ma fuggono ancora dietro la curva del ricordo. E aspettano solo la strada giusta, poniamo, per incontrarsi. E ci viene da pensare al Giro che sta per partire, ad esempio, ed alle sue ricorrenze, ai suoi ritorni.

E a quel traguardo di Montevergine, dove un ciclista belga vittorioso nel 1962, Armand De­smet, fu il primo ad applaudire il successo del connazionale Bart De Clerq, di un soffio dinanzi a Michele Scarponi, nel 2011. O forse, scusateci, non è mica ciclismo moderno, ma lo riconoscemmo fra la folla Desmet soltanto noi, dall’altro versante del tempo.
Copyright © TBW

Ivan Menchov correrà per l'Ausonia Csi Pescantina. Il sedicenne figlio d'arte - papà Denis è stato professionista per molti anni vincendo la Vuelta 2007 e il Giro d'Italia del Centenario nel 2009, e tra i dilettanti ha conquistato il Tour...


La Vuelta a San Juan perde una delle sue stelle: Julian Alaphilippe, infatti, non prenderà il via stasera nella terza tappa, la crono di 15 km da Ullum a Punta Negra. Il francese della Deceuninck Quick Step è stato colpito...


«Lasciatemi ancora qualche giorno per sistemare tutto, poi parlo io. Poi spiego davvero come stanno le cose e come sono andate». Tony Monti si dice «costernato» dalle parole di Patrick Lefevere. Si dice addolorato e lo ripete all’infinito. «Se fossi...


Il Gruppo Sportivo Alto Garda, organizzatore del Tour of the Alps, e PMG Sport hanno raggiunto un accordo di collaborazione triennale che prevede la concessione dei diritti media e dei diritti marketing dell’evento euroregionale a partire dall’edizione 2020. L’accordo è...


In attesa della presentazione ufficiale che si terrà lunedì 9 marzo (ore 19, 30) presso il Grand Hotel Leonardo da Vinci di Cesenatico (via G. Carducci 7) la Settimana Internazionale Coppi e Bartali (25/29 marzo) ha definito le tappe che...


Tutto pronto per la 4 giorni di gare del Playa de Palma Challenge che segnerà il debutto europeo del team nella stagione 2020. 4 competizioni, con percorsi differenti che permetteranno ad atleti con differenti caratteristiche di mettersi in luce.Dal 30...


«Grande incertezza per il vivaio della Deceuninck Quick Step»: titola così il sito Wieleflits l'intervista realizzata con il manager del team WorldTour Patrick Lefevere. «Non so bene cosa stia accadendo, ma non voglio correre altri rischi e quindi ho fermato...


Spesso si è utilizzato a sproposito il termine di ciclista intellettuale. Laurent Fignon, per esempio, era definito così solo perché portava gli occhiali... Altri corridori sono stati definiti tali per i loro studi, ma un ciclista filosofo, un intellettuale tout...


Si tratta sicuramente dell'attacco manubrio più lungo che abbia mai visto e ad utilizzarlo è un atleta australiano, si chiama Leigh Phillips e corre nella formazione Nero Continental.  Il ragazzone, è altro 195 cm, pedala su una Bianchi Oltre XR3,...


Quello che le donne non dicono, lo fanno capire. Era chiaro che Alessia Piccolo avrebbe fatto qualcosa di importante. Chiaro perché la crescita del suo team femminile era lì sotto davanti gli occhi di tutti. Mancava solo il grande salto,...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155