Cassani: «Europei e Mondiali per chiudere una storia magica»

di Giulia De Maio

Del suo ritorno da Tokyo2020 è stato detto di tutto e di più, del suo futuro parleremo più avanti visto che è caratterizzato da proposte interessanti, tra cui la direzione del Giro d’Italia. Quel che è certo è che ad oggi Davide Cassani è il CT della Na­zionale Italiana di ciclismo e sta lavorando con la consueta professionalità e passione per preparare i prossimi ap­puntamenti.
L’ammiraglio azzurro, tornato a casa dai Giochi Olimpici con il 14° posto di Alberto Bettiol nella prova in linea e il 5° di Filippo Ganna in quella a cronometro, è concentrato anima e corpo sul Campionato d’Europa che andrà in scena a Trento e sul Mondiale delle Fian­dre di fine mese. Il 30 settembre scadrà il suo incarico e, a prescindere dai ri­sultati che otterrà, da ottobre cambierà ruolo, come pattuito con il nuo­vo presidente federale Cordiano Da­gnoni. Non si può fare a meno dell’esperienza e influenza del tecnico ro­magnolo, di fatto già sostituito da Ro­berto Amadio nel ruolo di team manager delle Na­zionali e per questo mandato a casa nel mezzo delle gare olimpiche caratterizzate da pass contingentati e rigide nor­mative anti-Covid.
Era il 2014 quan­do fu nominato da Renato Di Roc­co CT dei professionisti e coordinatore delle squadre azzurre. Con le sue relazioni personali e la sua visibilità televisiva da allora ha portato alla Federciclismo la maggior parte dei grandi sponsor attuali e nei prossimi tre anni sarà l’ambasciatore dell’Ital­bici, lui che è un volto popolarissimo del mondo della bicicletta. Indipenden­temente da chi sarà il suo successore sull’ammiraglia azzurra.
Davide, quanto ti hanno infastidito le polemiche post Giochi?
«Quello che è stato è stato, l’importante adesso è pensare al presente. L’unica cosa che posso dire guardandomi in­dietro è che come tutti ho commesso qualche errore e potevo forse fare di più, ma in fondo l’unico modo per non sbagliare è non fare nulla. Sul piano dei risultati nelle ultime tre stagioni, tra Mondiali ed Europei in linea e a cronometro, abbiamo vinto quattro volte e ci siamo andati vicinissimi con Trentin due anni fa. L’unione tra varie specialità a partire da strada e pista è risultata vincente. I trionfi dell’ultimo quinquennio ottenuti nei velodromi sono frutto di un la­voro di squadra svolto con i ct Villa e Salvoldi e con l’appoggio incondizionato della FCI. La pista in Italia era mor­ta, poi nelle ultime due Olimpiadi ab­biamo conquistato due ori e un bronzo. Ganna e Viviani han­no aperto le porte alla possibilità di es­sere competitivi sia su strada che come pistard. Per il nostro movimento è qualcosa di in­novativo. Si parla troppo spesso e su­perficialmente di crisi, ma restiamo un riferimento».
Con che spirito ti approcci alle tue ultime sfide da CT?
«Mi sento pronto. È dall’inizio dell’anno che ci sto lavorando, quindi sono sereno e fiducioso. Sono contento di ciò che ho fatto, del rapporto in­staurato con la Fe­de­ra­zio­ne e dell’appoggio ricevuto per le mie idee. La cosa che mi rende più orgoglioso sono i passi avanti intrapresi con la multidisciplina. D’ora in poi spero venga portato avanti il la­voro iniziato con Al­fredo Mar­ti­ni e che io ho cercato di non disperdere nel tempo. Una soddisfazione che mi ten­go stretta è l’aver vi­sto sempre i miei ragazzi correre da squadra per mettere in campo le strategie concordate. È chiaro che poi sono i successi a fare la differenza. Abbiamo un campione del mondo a cronometro, spe­cialità dove ormai non esistevamo da anni, e siamo tornati a vincere ai Mondiali Under 23, dove eravamo a secco da un ventennio. Ci metto anche l’ultima tripletta all’Europeo, rassegna che per qualcuno non conta nulla, ma poi quando perderemo di colpo diventerà importante...».
Analizziamo i percorsi che decreteranno il finale della tua avventura sull’ammiraglia azzurra.
«Per quanto riguarda l’Europeo di Trento il circuito finale presenta una salita abbastanza facile che però esclude dai giochi i velocisti puri, nel tratto in linea c’è da affrontare mezzo Bon­done, bisognerà vedere come si arriverà in cima, ma nonostante le difficoltà della prima parte resta un percorso adatto a corridori come i nostri Matteo Trentin e Sonny Colbrel­li, uomini veloci che tengono in salita. Il successore del nostro Giacomo Niz­zolo sarà senz’altro un finisseur esplosivo. Il mondiale, invece, dopo il tratto in linea, è suddiviso in due circuiti: il primo a Lovanio molto tecnico che sarà anche l’ultimo, e quello denominato fiammingo, più ampio e con due muri in pavè che lo rendono impegnativo. È il classico percorso alla belga, molto tecnico, non durissimo, ma di­venterà impegnativo e complicato da gestire perché è un continuo susseguirsi di strappi, strade strette, curve e con­trocurve. Un piccolo Fiandre, mol­to simile al tracciato di Glasgow 2018 quando Trentin vinse il titolo continentale. Ci presenteremo al via di en­trambe le prove per giocarcela fino in fondo, con i ragazzi ci pensiamo da mesi».
I favoriti?
«Chi andrà forte a Trento può andare forte in Belgio, anche perché tra le due prove ci saranno solo 15 giorni di in­tervallo. Su tutti mi aspetto protagonisti i belgi Wout Van Aert e Remco Eve­nepoel con l’olandese Mathieu Van der Poel. Ufficializzerò i nostri otto uomini per l’Europeo dopo la Bretagne Classic e a seguire gli otto per il Mondiale ma è chiaro che hanno il po­sto garantito atleti del calibro di Niz­zolo, Trentin, Col­brelli, Diego Ulissi, Davide Ballerini. L’unico inserto olimpico sarà Gianni Moscon, oltre ovviamente a Ganna che schiererò in tutte le prove possibili. All’Europeo oltre alla crono che correrà insieme ad Edoardo Af­fini, Pippo disputerà il team relay (con lui oltre ad Affini a quanto ci risulta ci sarà Alessandro De Mar­chi e tre donne élite su cui il CT Salvoldi non si è ancora espresso, ndr) e la prova in linea (per la quale sul taccuino del commissario tecnico ci sono anche Davide Cimolai, Giovanni Aleot­ti, Vin­cenzo Albanese, mentre Andrea Ba­gioli volerà in Belgio, ndr). Al mondiale nella prova contro il tempo, po­tendo schierare il campione uscente, avremo un posto in più e così vestirà la maglia azzurra il campione italiano di specialità Matteo Sobrero. Ganna di­sputerà anche la prova su strada perché ha di­mostrato di essere un uomo squadra fondamentale. Essendo giovane, è un corridore ancora in evoluzione, ma per quanto ha dimostrato negli ultimi due anni diventerà competitivo anche nelle prove in linea di un certo tipo. Per la Nazionale è già una garanzia».
Cosa chiederai agli azzurri?
«Per l’Europeo di chiuderlo come nelle ultime quattro edizioni, in cui abbiamo portato a casa tre vittorie (Trentin 2018, Viviani 2019, Nizzolo 2020) e un secondo posto (Viviani 2017 alle spalle del norvegese Alexander Kristoff). Al Mondiale cercheremo di capire come si evolverà la corsa, anche se non ci si può inventare nulla, avendo 7-8 nazionali che possono tenerla cucita. Il Bel­gio corre in casa ed è fortissimo, noi comportandoci da squadra cercheremo di guastare loro la festa. Sia a Trento che a Lovanio vi assicuro avremo un ottimo gruppo. Ripartiamo da Tokyo e da quel rimpianto che ancora oggi mi porto dentro, vale a dire i crampi di Bettiol sul più bello. Tra una prova e l’altra correremo Giro di Toscana, Coppa Sabatini, Memorial Pantani e Trofeo Matteotti. Svolgeremo quindi un ultimo raduno di rifinitura in Ro­magna prima di volare da Bologna in Belgio il 22 settembre».
Al di là dei risultati, che emozione vivrai?
«Voglio godermi appieno gli ultimi momenti da CT, queste due spedizioni saranno ancora più emozionanti delle precedenti perché chiuderanno un ciclo. Per il futuro sono contento di contribuire alla crescita del mondo della bicicletta in una nuova veste. Di cosa mi occuperò in concreto ci penseremo una volta terminato l’incarico attuale. Di certo voglio rendere migliore questo ciclismo, compiere qualcosa di utile: di cose da fare, allo stato attuale, ne abbiamo tante. Il livello dei giovani va alzato ancora di più e poi ci vorrebbe una squadra World Tour per compiere un salto ulteriore. Abbiamo già un patrimonio da non disperdere, penso ai vari Bagioli, Dai­nese, Covi, Fortunato e Aleot­ti. Con una menzione speciale per Jonathan Milan, destinato entro tre anni a diventare uno dei più forti velocisti in circolazione. Dopo 18 anni da ciclista professionista, 15 in televisione e 8 da commissario tecnico, era giusto cambiare. In queste tre vite ho ottenuto soddisfazioni che mi tengo strette, sono ben contento di rappresentare l’Italia in questi ultimi due appuntamenti ed entusiasta per quanto verrà a seguire. Amo le sfide. La vita continua e sono sicuro che altre avventure stupende mi attendono».
Fare il CT è sempre stato il tuo lavoro dei sogni: cosa ti rimane di questi 8 anni?
«Oltre ai tre titoli europei vinti, alla maglia iridata di Gan­na, alle vittorie degli juniores e under 23, l’affetto e la stima che i corridori mi hanno sempre dimostrato. Ho ancora davanti agli occhi Vincenzo Nibali sdraiato a terra nella discesa di Rio, il volto impietrito di Matteo Trentin sul podio di Harrogate dopo aver sfiorato la maglia iridata. Di mo­menti belli e meno belli ne abbiamo vissuti tanti, tutti indimenticabili. Devo dire grazie alla FCI per avermi dato questa opportunità, sono stati otto an­ni magnifici, durante i quali ho provato sensazioni indescrivibili, più forti che da corridore. Per questo mi ritengo una persona fortunata».
Alla vigilia di due corse così importanti, cosa pensi ti direbbe il maestro e indimenticato CT Alfredo Martini?
«Probabilmente mi abbraccerebbe e mi guarderebbe con quel suo sguardo in grado di dire più di qualsiasi parola. La stretta di mano che ci siamo scambiati a casa sua a Sesto Fiorentino quando Nibali vinse il Tour de France e lui sta­va già così così la porterò con me per sempre».

Copyright © TBW
TBRADIO

00:00
00:00
Da giorni la notizia era nell'aria, i segnali inequivocabili erano arrivati sia da parte di RCS Sport che dalla Regione Sicilia: il Giro di Sicilia 2024 non si correrà. La gara era in programma dal 9 al 12 aprile prossimi,...


Nel weekend atleti, addetti ai lavori e appassionati hanno cominciato ad assaporare l’atmosfera delle classiche del nord: la Visma | Lease a Bike si è presa la ribalta in Belgio grazie a Wout van Aert, vincitore nella Kuurne-Brussel-Kuurne, Jan Tratnik,...


Da quando è entrato a far parte di Lidl-Trek nell'agosto 2020 come stagière, Mattias Skjelmose ha avuto una corsia preferenziale verso il successo. Il danese è stato subito preso sotto l'ala protettrice di Mads Pedersen, che ha svolto il ruolo...


L'UCI annuncia che la sua Commissione Disciplinare ha emesso la sua decisione nel procedimento disciplinare avviato contro l'UCI Women's Continental Team Cynisca Cycling. L'UCI aveva deferito il caso alla sua Commissione Disciplinare a seguito di potenziali azioni fraudolente da parte...


Con la vittoria ottenuta negli Emirati Arabi Uniti, Lennert Van Eetvelt ha dimostrato di avere un futuro importante davanti a sé e a 22 anni è considerato una delle giovani promesse del ciclismo in Belgio. Nel 2020 è entrato nel...


Due latitudini diverse, due facce forse opposte della medaglia quando si tratta di disciplina stradale. Due tragedie. Nella stessa mattina, quella di ieri, sono avvenuti due incidenti mortali "macchina contro bici" uno nel Lazio e uno nelle Fiandre. Mentre si...


Coast to coast. Da costa a costa. Il più celebre è negli Stati Uniti, dalla costa est a quella ovest, da New York a San Francisco, oppure, con un abbuono in miglia, da Chicago a Los Angeles sulla Route 66....


Marta Cavalli sta continuano a lavorare anche se è ancora presto per stabilire la data del suo rientro alle corse. La cremasca della Fdj Suez e del Gruppo Sportivo Fiamme Oro, capace nel 2022 di vincere Amstel Gold Race, Flèche...


Uno dei volti più attesi della categoria Juniores in questo 2024 è quello del parmense Edoardo Raschi che nei quattro anni trascorsi tra Esordienti e Allievi è andato in doppia cifra esultando 10 volte. Corridore dotato di uno spunto veloce...


Il Club Ciclistico Canturino 1902, nel solco di una tradizione largamente ultracentenaria ma sempre aggiornata da continua, rinverdita, attualizzata, consapevole e competente passione per le due ruote, ha presentato la parata delle sue forze in campo per l’imminente inizio agonistico...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi