Viviani, impresa tricolore

di Pier Augusto Stagi

È chiaramente il nostro uomo più veloce, non solo con le gambe, ma anche con il pensiero. Sì, perché Elia Viviani velocista principe di questo fantastico 2018, non solo va di volata, ma anche di fretta.
Ci sono tanti modi di vincere per conquistare un titolo italiano che poco gli si addice, il veronese oro di Rio ne sceglie uno per lui inedito: non aspetta la volata e va all’attacco. Si butta nella mi­schia, come in una corsa a punti, convinto che quello sia il momento giusto per non perdere la corsa e provare a vincerla.
Non doveva essere un percorso adatto a lui, perché troppo duro, con troppa salita (3000 metri di dislivello, ndr), soprattutto con quello strappo spaccagambe al 17% posto a poco più di due chilometri dal traguardo. Elia Viviani, l’uomo degli sprint anticipa tutti e si gode uno dei successi più belli in carriera.
«Di titoli italiani su pista ne ho vinti davvero una montagna - racconta lui soddisfatto come poche altre volte l’abbiamo visto -. Tanti, fin dalle categorie giovanili, fatico anche a dirvi quanti, ma questo di Darfo Boario Terme re-sterà per sempre nel mio cuore, perché ma­turato su un circuito molto duro, mol­to esigente e con una condotta di gara che considero davvero perfetta. Poche altre volte mi sono piaciuto così tanto, questa volta posso dirlo: mi so­no piaciuto un sacco».
I complimenti se li fa lui, ma glieli fan­no un po’ tutti, proprio tutti: da Da­vide Bramati, che Elia ha guidato in questa avventura tricolore, a Gio­van­ni Visconti e Domenico Poz­zo­vivo che si sono dovuti accontentare di fargli da paggetti sul podio, «ma quando uno è chiaramente più forte, c’è poco da dire», ammettono all’unisono i due Bahrain.
Sabato 30 giugno è una data che re­sterà nella storia di Elia Viviani e non solo. Una giornata aperta dall’aurora di un oro, conquistato nella crono ai Giochi del Mediterraneo dalla fidanzata Elena Cecchini, campionessa d’Italia due anni fa proprio sullo stesso traguardo di Darfo Boa­rio Terme. In mattinata me l’aveva detto, secco e sicuro: Elia, terrai su quello strappo finale? «Se tengo? Certo che tengo».
Vive la giornata perfetta, Elia. Non sbaglia nulla, correndo da manuale. Veloce, scaltro e lucido come pochi. Ac­celera quando deve, temporeggia quando può. Fa tutto giusto, fa tutto bene. Pronto a far lavorare i compagni per ricucire sul drappello che con Ni­bali, Ulissi e Moscon si muove a 55 chi­lometri dall’arrivo. Pronto a in­filarsi negli otto che riagganciano la fuga ai meno 25. Prontissimo ad al­lungare quando mancano al traguardo 9 chilometri con Oss e Pozzovivo. Su­perlativo nel re­si­stere sullo strappo finale - ai meno 4 - e a vincere facile su Visconti e Poz­zo­vi­vo.
«È bellissimo essere la bandiera d’I­ta­lia - ci ripete felice -: non avrei mai pensato di vincere in questo modo, con questa forza e autorità. Ci speravo, questo sì», dice questo ragazzo che sta migliorando anno dopo anno la propria statura di atleta, alzando costantemente l’asticella delle sue vittorie e del proprio talento.
Certo, gli manca la grande classica, quella con la “C” maiuscola, una vittoria che dia ulteriore senso a tutto quello che già un senso ce l’ha: lo sa anche lui e su questo sta lavorando. Elia è uo­mo che programma e mira a migliorar­si, gara dopo gara. Segnali ne aveva già mandati di recente, vincendo a Plouay e ad Amburgo, sfiorando un Eu­ro­peo e una Gand-Wevelgem.
«Questa maglia però mi ripaga di tante vittorie mancate per un niente, anche se so che c’è da migliorare e vincere: ma questo non mi fa paura, anzi, mi stimo­la».
«Ci speravo, di vincere - confessa il 29enne veronese della Quick-Step Floors -, ma farlo così... Vestirò la ma­glia tricolore per un anno intero. Un sim­bolo che mi rende fiero e orgoglioso. Mi emoziona, e la cosa mi mette i brividi».
Nessuno al mondo quest’anno ha vinto quanto questo ragazzo simbolo di professionalità e impegno: 14 successi tra cui quattro tappe al Giro più la maglia ciclamino.
«Quando ho cominciato a pensare al tricolore? Fin da questo inverno, anche se sapevo che non sarebbe stato facile, perché il percorso non era proprio adat­to a me. Però una volta finito il Gi­ro non mi sono adagiato, non mi sono accontentato, non mi sono sentito ap­pa­gato. Le cose buone fanno la boc­ca buona e io sono uno che alla vittoria ci fa la bocca come pochi. E così ho deciso di tirare dritto, di fare solo una settimana di scarico, ma poi di rimettermi in careggiata e correre la Adria­tica-Io­nica (3 vittorie più la cronosquadre, ndr). Fondamen­tale, come sempre, è stato poi venire a vedere con i propri occhi il percorso. Ho girato sul circuito con il d.s. Davide Bramati. Ho detto e ripetuto più volte che non era per me, che era troppo duro e selettivo, ma era pretattica. Ora lo posso dire».
S’immaginava però una corsa più chiusa, controllata e sigillata, nella quale avrebbe dovuto tenere duro sullo strappo finale prima di sprigionare i propri watt nella volata finale, invece Elia si è davvero superato, andando a cogliere l’attimo, da autentico campione.
«Ho capito che la corsa la stavo perdendo, mi stava sfuggendo, a circa 55 chilometri dalla fine. Fase delicata, con una fuga di 8 corridori e poi altri 8 contrattaccanti. Ho rischiato l’osso del col­lo facendo una discesa a tutta per ri­portarmi su di loro. Il Brama mi diceva che se non rientravo era un suicidio: ce l’ho fatta, grazie anche al lavoro e al sacrificio di Davide (Martinelli, ndr) e Fabio (Sabatini, ndr). Poi sono stato bravo e lucido a seguire Oss e Pozzovi­vo. Dovevo arrivare con loro ai piedi dello strappo, evitando in tutti i modi di far rientrare Visconti perché altrimenti sarei stato spacciato. Ho dovuto rischiare di perdere per centrare la vittoria, ma spesso è co­sì».
Lui parla e racconta, con lucidità e cal­ma olimpica. A proposito: più bello l’oro di Rio o questo tricolore?
«Forse questo tricolore è stato il più bello, tra le emozioni più grandi mai provate. Quando la vestirò per la prima volta? A Londra, domenica 29 luglio. Prima, farò una settimana di vacanza, e poi mi allenerò in altura a Livigno. All’inizio di agosto mi attendono gli Europei di Glasgow su strada dove cercherò di prendermi la rivincita dell’argento dello scorso anno. Se vincessi, avrei di diritto il pass per i mondiali di In­n­sbruck. Sarei il nono uomo azzurro. So­gni? Macché, potrei però animare i pri­mi chilometri di una sfida per me im­possibile».
Ma prima dei mondiali, c’è ancora da fare tanto altro. C’è da chiudere una stagione per il momento eccezionale.
«Vorrei correre la Vuelta, ma devo parlarne ancora con la squadra. In ogni ca­so tornerò anche in pista, per cominciare a guardare a Tokyo 2020. A proposito della pista, Montichiari è messo male, e non ci si può permettere che tutto vada in rovina. Se “cade” Mon­ti­chia­ri, cade tutto. Montichiari ha una decina d’anni, non può finire così questa storia. Non possiamo rischiare che tutto il lavoro fatto in questo decennio venga gettato al vento».

Copyright © TBW

A circa un mese dalla partenza della Milano Sanremo incontriamo Davide Formolo e con il campione italiano parliamo del suo debutto nella Classicissima e degli obiettivi di una stagione che potrebbero proiettarlo in una nuova dimensione.Nei primi anni tra i...


A soli 20 anni Andrea Bagioli sta vivendo le sue prime pedalate da professionista con la Deceuninck - Quick-Step e ci racconta i suoi pensieri.«Le prime settimane della nuova stagione sono andate molto bene. Ho fatto due camp di addestramento...


Luca Guercilena e la sua Trek Segafredo, la più ‘italiana’ fra le formazioni World Tour e Gianni Savio e la sua Androni, la più vincente fra le formazioni italiane. Saranno questi gli ospiti di Radiocorsa, in programma stasera alle...


Reduce da un'intervento all'acetabolo destro (la parte di bacino su cui articola la testa del femore) pochi giorni fa, Matteo Moschetti è già risalito su una bici, seppur indoor, per pianficare il suo rientro. Le immagini sono a dir poco...


È l'apertura tradizionale della stagione - la Coppa San Geo - e segna anche l'inizio della corsa verso l'Oscar tuttoBICI Under 23. Sabato avremo la prima corsa e la prima classifica della challenge che in questa edizione sarà promossa dalla...


  Nell’anno di ricorrenze particolari su Gastone Nencini, 90 anni dalla nascita (1 marzo 1930), 60 dalla vittoria al Tour de France (17 luglio 1960), 40 dalla morte (1 febbraio 19080), si è inserita la cerimonia svoltasi al “Nencini Bike”...


Volata serratissima sul traguardo di Lagos, dove si è conclusa la prima tappa della Volta ao Algarve e successo per il campione olandese Fabio Jakobsen che ci è ripetuto a distanza di un anno. È stato Viviani, che aveva battezzato...


Mentre in Andalusia e Algarve i grandi big del ciclismo mondiale cominciano a mettere chilometri sulle gambe in vista di una lunga stagione, alcuni pesci più piccoli, ma per questo non meno importanti, sono pronti a darsi battaglia sulle strade...


Subito spettacolo alla Vuelta a Andalucia: il Puerto de Palomas (13 km al 5, 9%), ultima salita di giornata, ha ispirato Jakob Fuglsang della Astana e Mikel Landa della Bahrain McLaren, che si sono involati a metà salita e non...


La Casillo Petroli Firenze Hopplà arriva ai primi appuntamenti della stagione con tranquillità e serenità. Le prime sfide motivano i ragazzi di Matteo Provini e Gianni Faresin che saliranno sul palcoscenico agonistico quattro volte nell’arco di quarantotto ore.Pronti dunque i...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155