LE STORIE DEL FIGIO. ROSSI, COPPI E...

STORIA | 02/03/2017 | 07:31
La professione di Gianni Rossi è quella del commercialista con un avviato studio a Tortona e tutti i giorni, nonostante i settant’anni suonati, è sempre in pista nel caratteristico centro dell’antica città, la Derthona dei Romani, alle prese con bilanci, 740, contabilità varie e consimili, tutte cose e argomenti seri, importanti anche se non proprio divertenti e coinvolgenti.
Vive in una bella dimora a Villaromagnano, piccolo centro sulle colline del Tortonese, a sud-est della città, terra di vigneti, e, dove lo sguardo, ad ampio raggio, può spaziare in quelle che sono definite “Le terre di Coppi”. Castellania, luogo di nascita del Campionissimo, e altre località del circondario disposte sulle strade familiari di Coppi, sono comprese nel raggio di una decina di chilometri.

A proposito di Coppi, Gianni Rossi è molto amico della famiglia di Marina e anche di Faustino, i figli del Campionissimo. E’ naturalmente cresciuto nel mito del Campionissimo e ha sempre sostenuto, con passione, convinzione e concretezza – propria della sua professione - le diverse iniziative, sia in campo editoriale, sia con eventi nel territorio e altro ancora, che rinnovano il ricordo di Fausto Coppi – un sentimento mai sopito, sempre vivo e attuale – nelle terre della sua, purtroppo breve, vita.

Quasi a suffragare il titolo di un film, una commedia di Maurizio Ponzi interpretata da Enrico Montesano, Renato Pozzetto e Sabrina Ferilli del 1994 “Anche i commercialisti hanno un’anima”, Gianni Rossi si prospetta e definisce, dalla parte dell’anima, anche come “scrittore per caso” e “affabulatore per indole”.

Per la sua intensa attività collaterale alla professione è inquadrabile nella categoria che si suole definire quella del “mediatore culturale”. Ne può essere un esempio, la pubblicazione che ha curato dell’Ediciclo “Quel Giro d’Italia del Novecento” che narra di un’immaginaria corsa a tappe dove i grandi protagonisti del ciclismo, appunto del Novecento, sono visti gareggiare su percorsi veri, reali, impegnati in questa gara “onirica”, rapportati al rispettivo periodo agonistico. Sono campioni e pure qualche gregario che rispondono ai nomi di Binda, Indurain (rispettivamente Alfredo e Miguel, non i loro fratelli), Pantani, Bahamontes, Coppi, Merckx, Petit Breton, Bugno, Gaul, Anquetil, Francesco Moser e Luigi “Luisin” Malabrocca, storica “maglia nera” del Giro, nato proprio a Tortona nel 1920. I testi di questa, letteralmente, “fantastica corsa”, sono firmati da penne di prestigio come Gianpaolo Ormezzano, Marco Pastonesi, Claudio Gregori, Giuseppe Castelnovi, Beppe Conti, Paolo Broggi, Gianpaolo Porreca, Paolo Facchinetti, Giancarlo Pauletto, Carlo Delfino, Benito Mazzi e altri ancora e del cantante Gian Pieretti. In tema di cantanti è da riferire l’amicizia che lega Gianni Rossi al concittadino e coetaneo Giuliano Illiani, in arte il cantante Donatello, coinvolto sovente in argomenti ciclistici come gli affettuosi filmati che ricordano le figure di Andrea “Sandrino” Carrea, storico gregario e amico di Coppi con Ettore Milano e vero personaggio con tratti umani distintivi, così come il milanese Renzo Zanazzi, sempre affettuosamente collegati a Gianni Rossi, sia in vita, sia ora nel ricordo.

Nella vastissima cerchia degli amici di Gianni Rossi sono compresi Sante “Gianni” Gaiardoni con la moglie, la signora Elsa Quarta, l’oro dell’inseguimento a squadre delle Olimpiadi di Roma 1960 Marino Vigna, Gino Bartalena, già dirigente in importanti aziende del settore ciclo e calda, appassionata, voce narrante dei vari eventi promossi da Rossi nella piacevolissima ambientazione del Circolo di Lettura di Tortona e in altri luoghi.

Le pubblicazioni della carriera parallela di Gianni Rossi, iniziata nel 1986 con la direzione de “L’Ossona”,  periodico di cronaca locale che riprende il nome del torrente che attraversa i colli tortonesi e sfocia nello Scrivia, sono “Leone per mille giorni” del 1986, “Viale degli Olmi” (1997), “Gran Bar Italia) 2001, “Leoni indomabili” 2004, “Breviarie” 2006, “Fausto Coppi: gli anni e le strade” 2009, “Nebbie e tabarri” 2011, “Sbocci e gusci” 2014, con argomenti che variano dallo sport, alla storia locale  e altri vicini alla sua sensibilità.

E’ amico di Andrea Maietti, fine scrittore, biografo di Gianni Brera, di Daniele Dallera, attuale responsabile delle pagine sportive del Corriere della Sera e con radici nel tortonese, dell’ “editor” Gino Cervi e varie altre persone.
E’ il promotore del “Libro dei Libri” curato dal trevigliese Ezio Zanenga, un censimento ragionato delle pubblicazioni e delle immagini con soggetto Fausto Coppi ed è sempre a fianco del giovane Giovanni Ferrari Cuniolo il cui bisnonno era Giovanni Cuniolo, il famoso “Manina”, tortonese D.O.C., primo campione italiano su strada nel 1906, titolo replicato pure nel 1907 e 1908, del Lombardia 1909, grande protagonista del ciclismo pionieristico. E’ l’attuale presidente del “Veloce Club Tortonese 1887-Serse Coppi”, blasonata società organizzatrice della gloriosa Milano-Tortona, ora disputata in circuito.

Con l’amico Amilcare Fossati del Comune di Tortona è sempre alla ricerca di documentazione storica che valorizzi, con il passato, anche il presente dello sport, di tutte le discipline che, nel territorio, hanno avuto molteplici motivi di gloria.
E se è ciclismo ancora meglio, ammette Gianni Rossi, che s’appresta a celebrare e condividere due centenari: quello del Giro d’Italia che quest’anno propone un arrivo a Tortona con la successiva partenza dalla vicina Castellania e, nel 2019, quello della nascita di Fausto Coppi.

Giuseppe Figini

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il campione del Sudarica Ryan Gibbons ha vinto la prima tappa del Tour de France virtuale precedendo il canadese Pier-André Coté della rally Cycling e l'australiano Nick Schultz della Mitchelton-Scott, mentre Mathieu van der Poelè rimasto ai piedi del podio....


La neoprofessionista britannica April Tacey, portacolori della Drops, ha vinto la prima tappa del Tour de France virtuale precedendo in una ppassionante testa a testa la statunitense Kristen Faulkner (Tibco-SVB) e l'olandese Chantal van den Broek-Blaak (Boels-Dolmans). Tra le grandi...


Un filo di voce, ferma. Come una vita spezzata. «Sono a pezzi, non ho parole - spiega a tuttobiciweb Marco Velo -. Eravamo in mezzo alla campagna, dove il traffico in pratica non c'è. Avevamo proprio scelto la campagna per...


E' una di quelle decisioni che un organizzatore non vorrebbe mai trovarsi costretto ad assumere. Una scelta che diventa ancor più difficile e triste quando quell'organizzatore risponde al nome dell'appassionatissimo Giampietro Bonin e la corsa in questione è il 45° Gp Sportivi...


Il giovane talento belga Mauri Vansevenant ha firmato ufficialmente un contratto con la Deceuninck Quick Step fino alla fine del 2023 e dal 15 luglio sarà a tutti gli effetti un professionista. «Volevo concludere la scuola prima di questo salto,...


"Abbiamo appreso con sorpresa da fonti parlamentari del ritiro dell'emendamento al Decreto rilancio, depositato dall'On. Nobili in fase di conversione e finalizzato a introdurre alcune importanti modifiche al codice della strada: è una decisione che prende in contropiede il mondo delle...


Una tragedia, l'ennesima, che scuote il mondo del ciclismo tutto e va a toccare una delle figure più conosciute del nostro movimento, Marco Velo, braccio destro di Davide Cassani. Questa mattina ha perso la vita la compagna dell'ex professionista bresciano,...


Per il protocollo sicurezza varato dall’Uci e dal Direttore sanitario dell’organizzazione mondiale del ciclismo il Professor Xavier Bigard ai primi di maggio vale solo un punto: «il protocollo rimane dipendente dalle leggi e dalle misure locali e nazionali in vigore...


Nairo Quintana dovrà osservare due settimane di riposo assoluto dopo l'incidente di cui è stato vittima ieri, quando è stato investito da una vettura mentre si allenava insieme al fratello Dayer e a Cayetano Sarmiento. Colpito dallo specchietto retrovisore di...


Il motore FSA System HM 1.0 era stata una delle più belle sorprese di Eurobike e oggi la stessa FSA ne annuncia con entusiasmo l’avvio per la produzione di massa. Questo vuol dire che i produttori di telai e-road potranno...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155