LTDL 2016. Mareczko «Condizionato dalle cadute in volata». AUDIO

PROFESSIONISTI | 26/02/2016 | 08:46
Sarà il giorno buono per Jakub Mareczko al Tour de Langkawi? Il velocista azzurro della Southeast-Venezuela ha conquistato un sesto posto ieri dopo un primo sprint sfortunato, visto che era stato chiuso.

Oggi il menu potrebbe stimolare la giusta acquolina visto che la frazione è la più breve della corsa, appena 107,2 km da Kulim a Kuala Kangsar. Certo, dovrà combattere contro i due già vincitori di tappa, Guardini e Palini. Lo abbiamo incontrato alla partenza, appena dopo il podio firma e gli ultimi accurati settaggi alla bici.

Come ti senti, come valuti la tua condizione?

«Ieri nella volata sono riuscito a ottenere un sesto posto, ma sono stato un po’ condizionato dalla caduta, anche ieri, che c’è stata ai 150 metri dal traguardo. Vedremo oggi di provare a fare una bella volata»

Nella prima volata eri rimasto chiuso?

«Sì, nell’ultima curva della prima tappa c’è stata una caduta e ho dovuto tirare i freni, così non ho potuto disputare lo sprint»

In questa corsa forse il principale pericolo è dovuto proprio dalla condotta di gara talvolta un po’ poco accorta di alcuni corridori?

«Sì, si può dire che non c’è una buona organizzazione, manca una squadra che prenda in mano la situazione negli ultimi chilometri più che altro, perché ci sono corridori che saltano da una parte all’altra del gruppo e questo causa davvero tante cadute»

E voi, come siete organizzati, quanti uomini lavorano per te?

«Nei passati giorni avevamo corridori come Gil (Tomas Aurelio Gil Martinez NDR) e altri che tiravano durante la corsa per mantenere la gara compatta per poter poi arrivare allo sprint dopodiché ho uomini come Conti, Fonzi, Amezqueta e Dal Col che cercano di darmi una mano nel finale»

I tuoi programmi dopo la Malesia?

«Disputerò la Settimana Internazionale di Coppi e Bartali, poi il Giro di Turchia e poi il successivo appuntamento sarà col Giro d’Italia»

Diego Barbera

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
«Si rende noto che, a seguito di segnalazioni pervenute, la Procura Federale della Federciclismo ha aperto, in data 30.06.2020, un fascicolo di indagine riguardante la partecipazione di tesserati FCI a gare svoltesi durante il periodo di emergenza sanitaria e di,...


«Il lancio di Egan Bernal e il salvataggio del team (dopo la vicenda Venezuela ndr) sono state tra le soddisfazioni più significative della mia carriera», Gianni Savio si è espresso così durante la diretta di Lello Ferrara 3.0 parlando della...


Una caduta con lo scooter e purtroppo per Matteo Lapo Bozicevich la diagnosi non è delle più belle: frattura di due vertebre e lo schiacciamento di una terza. E' successo lunedì pomeriggio verso le 18.30 quando, a seguito di una...


La e-bike è il futuro ed è l’emblema della nuova mobilità, per intenderci, quella sostenibile che promette di cambiare il volto delle nostre città. La e-Road, la sua versione sportiva, è lil modo migliore per riportare in sella chi non...


La domanda che nel corso della sua santa esistenza Bartali si è sentito porre con più frequenza è questa: “Chi ha passato la borraccia?”. Se avesse avuto davanti un coppiano, il buon Gino rispondeva che gliela aveva data Fausto, viceversa...


Come se non bastasse la mazzata della pandemia, altre situazioni negative stanno penalizzando il ciclismo. Ne parliamo con Fabio Sabatini, figlio d'arte - anche papà Loretto è stato un ottimo ciclista - 35enne originario di Monsummano ma che risiede a...


Ancora nulla da fare per gli sport di squadra in Emilia Romagna. «Stiamo monitorando quotidianamente la curva dei contagi - afferma Gianmaria Manghi, responsabile delle segreteria politica della Giunta regionale - ancora non abbiamo deciso un giorno per la riapertura...


Massimo Ghirotto è stato uno di quei logotenenti che avevano doti e capacità per cogliere vittorie importanti e da oltre dieci anni racconta il Giro d'Italia dal cuore della corsa per RadioRai. E ha accettato il nostro invito per partecipare...


Da ormai un trentennio Alberto Brambilla si dedica allo studio del rapporto fra sport e scrittura: in questa ricerca affondano le radici di questa antologia critica dedicata al luinese Vittorio Sereni - sfegatato tifoso interista e fervente ammiratore del campionissimo...


Non si pone obiettivi particolari, gli basta lottare con gli avversari più forti per la vittoria. Gabriele Arzilli è il figlio dell'ex professionista Fabrizio Arzilli, due stagioni alla Cantina Tollo, dal quale ovviamente ha erediato la passione per il ciclismo....


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155