ETIXX. Daniel Martin e il sogno dell'oro olimpico

PROFESSIONISTI | 11/01/2016 | 07:22
Uno dei volti nuovi della Etixx Quick Step 2016 è quello dell'irlandese Daniel Martin. 63 kg per 176 cm, nato a Birmingham il 20 agosto 1986, è pronto e motivato come non mai per la sua nona stagione da professionista. 
Vincitore della Liegi–Bastogne–Liegi 2013 e de Il Lombardia 2014 è un attaccante nato, parla fluentemente francese, spagnolo e tedesco, e quando non è impegnato con la bici ama scoprire la cucina internazionale. I suoi piatti preferiti appartengono alla cultura culinaria giapponese e messicana.

Cosa ti aspetti dal cambio di squadra? 

«Aspettativa è una strana parola, diciamo che sto cercando di svolgere il mio lavoro come ho sempre fatto. Dopo l'esperienza alla Cannondale Garmin, sono davvero felice per questa opportunità e non vedo l'ora che la stagione inizi. Mi aspetto un ulteriore salto di qualità in questa squadra grandiosa, che ha le carte in regola per vincere tutte le classiche. Il livello è davvero altissimo, sono fiducioso di poter crescere ulteriormente».

Le tue ambizioni per il 2016? 

«Come sempre mi concentrerò sulle Classiche delle Ardenne, conquistare una vittoria lassù con un team belga sarebbe favoloso. Vincere la Freccia Vallone, dopo esserci arrivato davvero vicino in passato, sarebbe il top ma non voglio focalizzarmi su una corsa sola. Il mio piano è essere ad alti livelli dalla prima all'ultima gara della stagione. Sono abituato a dimenticare in fredda, dopo il traguardo bisogna azzerare tutto. Al via della prossima Liegi, non importa se l'anno prima hai fatto primo o ultimo, certo vale a livello mediatico e commerciale, ma per la gara di quest'anno non conta nulla. Si riparte tutti alla pari».

Un sogno per la stagione che sta per iniziare? 

«L'oro olimpico. Non so quanto sia realistico ma se devo puntare in alto dico quello. Il percorso dovrebbe essere adatto alle mie caratteristiche, ma si tratta di una corsa di difficile lettura, con mille variabili, che può trasformarsi in un incubo. Ad ogni modo ci penserò più avanti, dopo il Tour de France. Al di là delle corse nel mirino il mio obiettivo sarà migliorare ulteriormente, se sarò in grado di farlo vorrà dire che vincerò parecchie corse. Voglio correre in modo aggressivo come facevo nelle categorie minori e godere di questo lavoro, durissimo e bellissimo al tempo stesso. Non potevo scegliere squadra migliore della Etixx Quick Step, sono certo ci divertiremo un mondo in questo 2016».

Giulia De Maio 

Copyright © TBW
COMMENTI
11 gennaio 2016 19:34 IngZanatta
Anche se ha già vinto corse importanti, Daniel Martin mi sembra un corridore che non ha ancora espresso tutto il suo potenziale.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Cambiano le protagoniste, ma non il risultato. Vittoria per la Valcar e secondo posto per la Alé Cipollini nella seconda tappa del Giro delle Marche in Rosa. Ad alzare le braccia in quel di Loreto grazie ad una bella volata...


È di Arnaud Demare la ruota più veloce sul traguardo di Hlohovec dove si è conclusa la terza tappa del Giro di Slovacchia. Dopo 200, 6 km il portacolori della Groupama FDJ ha avuto la meglio su Riabushenko e Kristoff,...


Ci sarà anche il vincitore dell’edizione 2019 del Tour de France, il colombiano Egan Bernal, tra i 172  partecipanti al Memorial Marco Pantani – Gran Premio Sidermec che si correrà domani, sabato 21 settembre, con partenza da Castrocaro e Terra...


Alé Cycling, il noto brand di abbigliamento dedicato al ciclismo, ha il piacere di annunciare l’importante partnership con la slovena BTC Plc. (Centri commerciali e Logistica), che diventerà secondo sponsor del team professionistico femminile Alé Cipollini. Nasce, così, la Alé...


La Nuova Ciclistica Placci 2013 presieduta da Marco Selleri, alla luce dei risultati degli ultimi anni, è stata incaricata dalla Federazione Ciclistica Italiana per l’organizzazione del Giro d’Italia Giovani Under 23 anche per il triennio 2020-2022. Prosegue così il percorso di sviluppo e...


Un documento segretissimo, degno delle attenzioni di James Bond. E non si capisce perché. Parliamo della classifica di rendimento delle formazioni che aspirano ad una licenza WorldTour per il triennio 2020-2022, una classifica evolutiva basata semplicemente sui punti conquistati da...


Splende un pallido sole stamane su Harrogate mentre gli operai stanno allestendo tribune e transenne sul viale che ospiterà l'arrivo di tutte le prove del campionato mondiale che scatterà domenica con l'inedita (a livello iridato) Team Trial Mixed Relay, ovvero...


Patrick Lefevere, CEO della Deceuninck-Quick Step, non è solito lesinare critiche ai vertici dell’UCI e sferra un altro attacco pesante alla vigilia della prima cronosquadre a staffetta mondiale. In una intervista concessa a Het Nieuwsblad il manager belga attacca: «Se...


Finalmente a casa! Rigoberto Urán ha postato sui social la notizia del rientro nella sua casa di Montecarlo dopo ben tre settimane di ricovero all’ospedale Universitario Dexeus di Barcellona. Il colombiano della EF Education First era caduto durate la sesta...


Dopo il Mondiale MTB in Canada Eva Lechner si è concessa qualche giorno di riposo per ricaricarsi in vista della stagione di ciclocross che ha preso già il via con la prima prova di Coppa del Mondo disputata negli Stati...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy