ETIXX. Trentin: «Darò il massimo, a partire dalle classiche»

PROFESSIONISTI | 09/01/2016 | 08:07
Alla presentazione alla stampa della Etixx Quick Step abbiamo incontrato Matteo Trentin, il più "fiammingo" degli italiani in forza al team belga. Il trentino classe '89, nella massima categoria dal 2011 e con all'attivo tra l'altro 2 vittorie di tappa al Tour de France e la Parigi Tours 2015, si racconta così al via di una nuova stagione.

Matteo, come hai trascorso l'inverno? «Molto bene. Sono stato tranquillo a casa, in famiglia. Il bel tempo mi ha aiutato, mi ha permesso di allenarmi al meglio senza dovermi spostare alla ricerca del caldo. Questa volta le temperature miti hanno graziato noi ciclisti».

Che impressione ti hanno fatto i nuovi compagni?

«Si sono integrati bene tutti fin dal primo ritiro. Sia i più giovani che i più esperti come Marcel Kittel, già in forma, e Daniel Martin, si sono dimostrati alla mano e con grande voglia di fare. Anche per il 2016 sono convinto siamo una bella squadra che potrà essere competitiva su più terreni».

Quale sarà il tuo ruolo?

«Boh (ride, ndr). Partirò da Maiorca, poi correrò il Dubai Tour, quindi per la prima volta salterò l'apertura delle classiche in Belgio e andrò in altura da solo sull'Etna. Allenarmi in quota, per esperienza personale, mi ha sempre fatto bene perciò spero mi darà quel qualcosina in più che mi è mancato finora nelle classiche, a cui sapete quanto tengo. Adoro Fiandre e Roubaix».

Il tuo motto per questa stagione?

«Dare il massimo, raccogliere il meglio possibile. La prima parte della stagione sarà improntata sulle classiche. Voglio essere più consistente. L'anno scorso a parte il terzo posto ad Harelbeke, vuoi per colpa della sfortuna, degli infortuni, della condizione non al top non sono andato ai livelli a cui mi aspettavo, in alcune delle mie corse preferite sono stato addirittura anonimo, non deve più succedere».

Dopo le classiche dove ti vedremo?

«Non lo so ancora. Mi piacerebbe disputare il Giro, ma lo valuteremo a tempo debito. Se conclusa la campagna del nord sarò finito come un pero sarà meglio staccare e presentarsi in forma alla seconda parte di stagione».

Alla fine dell'anno sarai soddisfatto se...?

«Se sarò migliorato. Ogni anno sono cresciuto un po'. La prima parte del 2015 è stata da dimenticare ma per il resto anche nella stagione passata sono convinto di aver superato un ulteriore step. Non voglio indicare degli obiettivi precisi, vedremo dove sarò in grado di arrivare. Certo è che bisogna puntare sempre più in alto». 

da Calpe, Giulia De Maio

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Alla data 30 giugno l'UCI ha interrotto il suo rapporto con Jean Christophe Pèraud. Negli anni non sono mai stati trovati casi di frode nel mondo dei professionisti (sono stati scoperti solo una giovane Junior e un cicloamatore).  Peraud si...


«Si rende noto che, a seguito di segnalazioni pervenute, la Procura Federale della Federciclismo ha aperto, in data 30.06.2020, un fascicolo di indagine riguardante la partecipazione di tesserati FCI a gare svoltesi durante il periodo di emergenza sanitaria e di,...


«Il lancio di Egan Bernal e il salvataggio del team (dopo la vicenda Venezuela ndr) sono state tra le soddisfazioni più significative della mia carriera», Gianni Savio si è espresso così durante la diretta di Lello Ferrara 3.0 parlando della...


Una caduta con lo scooter e purtroppo per Matteo Lapo Bozicevich la diagnosi non è delle più belle: frattura di due vertebre e lo schiacciamento di una terza. E' successo lunedì pomeriggio verso le 18.30 quando, a seguito di una...


La e-bike è il futuro ed è l’emblema della nuova mobilità, per intenderci, quella sostenibile che promette di cambiare il volto delle nostre città. La e-Road, la sua versione sportiva, è lil modo migliore per riportare in sella chi non...


La domanda che nel corso della sua santa esistenza Bartali si è sentito porre con più frequenza è questa: “Chi ha passato la borraccia?”. Se avesse avuto davanti un coppiano, il buon Gino rispondeva che gliela aveva data Fausto, viceversa...


Come se non bastasse la mazzata della pandemia, altre situazioni negative stanno penalizzando il ciclismo. Ne parliamo con Fabio Sabatini, figlio d'arte - anche papà Loretto è stato un ottimo ciclista - 35enne originario di Monsummano ma che risiede a...


Ancora nulla da fare per gli sport di squadra in Emilia Romagna. «Stiamo monitorando quotidianamente la curva dei contagi - afferma Gianmaria Manghi, responsabile delle segreteria politica della Giunta regionale - ancora non abbiamo deciso un giorno per la riapertura...


Massimo Ghirotto è stato uno di quei logotenenti che avevano doti e capacità per cogliere vittorie importanti e da oltre dieci anni racconta il Giro d'Italia dal cuore della corsa per RadioRai. E ha accettato il nostro invito per partecipare...


Da ormai un trentennio Alberto Brambilla si dedica allo studio del rapporto fra sport e scrittura: in questa ricerca affondano le radici di questa antologia critica dedicata al luinese Vittorio Sereni - sfegatato tifoso interista e fervente ammiratore del campionissimo...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155