BERTOLINI. «Peccato per quel salto di catena...»

CICLOCROSS | 08/12/2015 | 17:03
Oggi la squadra Selle Italia – Guerciotti – Elite ha partecipato alla competizione internazionale Gran Premio Sportivi del Ponte di ciclocross a Faè di Oderzo, in Veneto. Nella gara maschile open il team ha sfiorato la vittoria: Gioele Bertolini, 20 anni, è giunto secondo, preceduto dal tedesco Marcel Meisen, 26. Si è classificato terzo l’eccellente francese Francis Mourey, 35.
Le streghe hanno messo lo zampino nella prestazione di Bertolini: “A 700 metri dall’arrivo – ha spiegato Gioele, 20 anni, alfiere del team di Casa Guerciotti fin dall’appartenenza alla categoria juniores – Meisen è scattato con perfetta scelta di tempo. Io ho tentato di replicare, però mi è saltata la catena e così ho perso secondi preziosi. Ho anche cercato invano di riprendere Meisen. Rendendomi conto che superare il tedesco era impossibile dato il bel margine di vantaggio che ha acquisito anche grazie al mio incidente ho badato a salvare la seconda posizione: non dimentichiamoci che ho preceduto un corridore dello spessore di Mourey, molto noto a livello internazionale. Meisen ha attaccato esattamente dove l’avrei avrei fatto io senza la sfortuna”.

Bertolini si è presentato al via dell’internazionale di Oderzo reduce dal successo ottenuto per distacco nel Gran Premio Selle Italia ad Asolo valido per il Giro d’Italia. “Asolo e Faè di Oderzo – ha aggiunto Bertolini, che domenica prossima andrà a correre in Svizzera con tutto il team Selle Italia Guerciotti Elite – sono due gare completamente diverse, soprattutto per il modo con cui le ho impostate. Al Gran Premio Selle Italia ho attaccato subito per distanziare Franzoi e controllare la situazione, e ci sono riuscito vincendo per distacco. Qui a Faè sapevo che sarebbe stato pericoloso adottare la stessa tattica per cui ho preferito correre molto sulle ruote di Meisen, Mourey e Franzoi. Ritengo di essere andato bene, peccato per il salto di catena nel finale. Senza l’incidente avrei potuto giocare meglio le mie chances. E’ una seconda posizione che mi lascia l’amaro in bocca. Ordine d’arrivo a parte, sono molto contento del mio rendimento atletico ad Asolo e qui a Oderzo e mi fanno piacere gli elogi del mio presidente Paolo Guerciotti”.
Grazie al secondo posto Bertolini è leader del Master Ciclocross SMP, challenge di cui la gara di Oderzo fa parte.

La squadra Selle Italia – Guerciotti – Elite del direttore sportivo Vito Di Tano a Faè ha altresì ottenuto il podio con Alice Arzuffi, 21 anni, terza nella corsa donne open; ha trionfato Chiara Teocchi, 19, davanti a Eva Lechner, 30. “Alice – precisa Alessandro Guerciotti , team manager – è stata molto brava:
non dimentichiamoci che un virus intestinale a fine novembre le ha impedito di allenarsi in modo efficace, in pratica è ancora convalescente. Nei primi giri è stata distanziata da Teocchi e Lechner, però da metà gara in avanti Alice ha fatto registrare gli stessi tempi sul giro delle due quotate atlete che aveva
davanti”.
Quella di Oderzo è stata una bella giornata per Allegra Arzuffi, la minore delle sorelle di Seregno. Esattamente come ad Asolo la minore delle “Arzuffi sisters” sull’ordine d’arrivo è stata la migliore delle juniores. Allegra, 17 anni, ha preceduto per la seconda volta nell’arco di 3 giorni la forte friulana Sara Casasola. Il regolamento UCI del ciclocross prevede per le donne nate entro il 31 dicembre 1999 una classifica open, per cui la giuria a Faè ha stilato per le ciclogirls un unico ordine d’arrivo con la Teocchi in prima posizione. Però va sottolineata la bravura di Allegra che sta raggiungendo il top della condizione proprio mentre la stagione del cross entra nella fase principale.
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Festival della Arvedi Cycling al tredicesimo Gran Premio d'Autunno trofeo Comune di Acquanegra sul Chiese. Sul traguardo mantovano che ha chiuso la lunga stagione degli Elite ed Under 23 Stefano Moro ha preceduto il compagno di squadra Attilio Viviani in...


Il ligure Francesco Canepa, classe 1997 della Garlaschese ha vinto il 53esimo Trofeo Comune di Ferrera Erbognone ultima gara della stagione su strada dilettanti. Il vincitore allo sprint ha superato il compagno di fuga Davide De Robertis (UC Pregnana). Completa il...


Mario Cipollini è ricoverato in ospedale ad Ancona per problemi cardiaci ed è stato sottoposto ad un doppio intervento di ablazione al cuore per correggere una malformazione congenita: una prima operazione è stata effettuata ieri sera ed una seconda questa...


Un cuore ciclistico, quello del Veneto, che guarda oltre confine e si prepara a conquistare l'Europa ospitando uno degli eventi più attesi dell'intera stagione, vale a dire il campionato europeo di ciclocross che si svolgerà a Silvelle il 9 e...


Il 5 ° Gala di ciclismo UCI si è svolto oggi a Guilin, in Cina, riunendo numerose star del ciclismo su strada professionistico maschile e femminile, tra cui il Campione del mondo Mads Pedersene tanti campioni iridati del paraciclismo su...


  Dmitry Strakhov e Sergey Chernetskiy vestiranno nel 2020 la maglia della Gazprom - RusVelo. Il 24enne Dmitry Strakhov ha già ottenuto quattro vittorie professonistiche nella sua carriera ciclistica e in questa stagione ha gareggiato per il Team Katusha Alpecin,...


Ancora una bella prestazione per il cremasco Jalel Duranti del Team Colpack sulle strade del Giro della Nuova Caledonia, in Oceania. Dopo il successo di sabato scorso, oggi, nella quinta tappa corsa da Touho a Mine du Cap Bocage (Hauailou) di km 95, 5 il...


E' ufficiale: la Named Rocket ha rinnovato il proprio accordo con tutti gli sponsor in essere per la stagione 2020 che la vedrà ancora in gruppo con una formazione della categoria Elite e Under 23. A darne conferma è il...


Egan Bernal si sta rendendo conto di quanto la sua popolarità non abbia confini. Il giovanissimo talento colombiano che quest'anno ha vinto il Tour de France ieri sera è stato protagonista di un quesito di Caduta Libera, il preserale di...


Endurace è fantastica, Endurace è versatile, comoda e veloce. Endurace è una bici strepitosa, etc, …Questi sono alcuni dei commenti riportati da felici possessori di Endurace, ciclisti meno spinti verso agonismo sfrenato, ma atleti di livello che preferiscono pedalare comodi...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy