PETACCHI. «Ora mi godo la famiglia e la mia Onlus»

PROFESSIONISTI | 27/10/2015 | 13:28
Per la prima volta nella sua vita ha trascorso un’intera vacanza al mare, con il suo bimbo, Alessandro e sua moglie, Anna Chiara. Alessandro Petacchi la spiaggia non l’ha mai amata troppo, ma per la famiglia ha fatto un’eccezione. «Ho fatto il papà a tempo pieno e fino in fondo: bagno, piscina e pattino – dice a tuttobiciweb uno dei più grandi velocisti della storia del ciclismo -. Per quattro mesi non ho in pratica toccato la bicicletta, ma mi sono dedicato ad Ale. Ora, da questo mese, sono tornato anche a pedalare un pochino, perché mi è tornata voglia, ma prima di uscire con il mio amico Michele (Bartoli, ndr) che mi reclama, voglio avere almeno una condizione accettabile».

Nostalgia del ciclismo?
«Guarda, no. Ho smesso al momento giusto. Un paio di mesi fa mi ha telefonato “Ferron” (Gian Carlo Ferretti, ndr) per sapere come stavo. Mi chiedeva, mi faceva domande, ad un certo punto ho capito dove voleva andare a parare e gli ho detto: “tranquillo Ferron, sono sereno, ho fatto la scelta giusta al momento giusto. Non sono né depresso né in balia di me stesso”. Però quella telefonata mi ha fatto enormemente piacere, perché “Ferron” è il tecnico che più di ogni altro ho apprezzato e più ho nel cuore. Lui sa il bene che gli voglio, proprio perché lui è quello che meglio di ogni altro ha saputo capirmi e prendermi per il verso giusto. Ha compreso la mia sensibilità e non l’ha mai aggredita. Sergente di Ferro? Ma quando? Io posso solo dire che Giancarlo è un condensato di sapere e buonsenso, unita ad una sensibilità senza eguali».

Hai capito cosa vuoi fare da grande?
«Intanto faccio quello che per tanto tempo non ho fatto. Mi godo mia moglie Anna Chiara e il mio Alessandro, che ha sette anni e mezzo e per la prima volta posso portarmelo a scuola tutte le mattine. Poi lo vado a riprendere, gli faccio da mangiare e trascorro con lui il tempo libero. Poi con Anna Chiara mi occupo della nostra associazione onlus, A.R.A. - associazione rispetto animali (CLICCA QUI) - di cui sono il presidente e della quale Anna Chiara è il vero motore unitamente ad un veterinario. Salviamo tantissimi cani e gatti, soprattutto del sud Italia e una volta salvati agevoliamo le adozioni. Per il resto sto pensando a cosa fare in futuro. A me piacerebbe fare il corso di secondo livello a gennaio, per diventare diesse e preparatore. Ecco, nel ciclismo mi vedrei bene nel ruolo che si è costruito con intelligenza, passione e competenza Michele. Io sono un tipo tranquillo, che nonostante abbia passato una vita ad andare veloce, ama fare le cose con i suoi tempi. In tutta tranquillità. Con la calma si fa tutto e sono certo che arriverò a fare quello che mi piace. Ora però la mia priorità è recuperare il mio tempo, lo spazio per la mia famiglia: questo è quello che mi mancava e oggi me lo godo a pieni polmoni».

Pier Augusto Stagi
Copyright © TBW
COMMENTI
Un Campione
27 ottobre 2015 20:45 warrior
Un Campione a cui non hanno fatto disputare un mondiale che avrebbe potuto vincere. Ringraziamo Di Rocco.

27 ottobre 2015 21:14 giardi
Cari auguri per un luminoso futuro al grande corridore, grande uomo e alla sua famiglia.
Davide Giolitto - Rimini -

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Inizia l’ultima settimana del Giro d’Italia 2024 dopo la giornata di riposo della carovana a Livigno, con il suo abitato che si sviluppa in lunghezza parallelo all’andamento delle cime che lo contornano. il “piccolo Tibet”, così detto per l’elevata quota...


Seconda vittoria italiana al Tour of Japan 2024 e bis per il JCL Team UKYO: dopo il successo di Malucelli, oggi è arrivata l’affermazione di Giovanni Carboni. Nella tappa con partenza ed arrivo ad Inabe, il 28enne ciclista marchigiano ha...


Dopo lo straordinario spettacolo che ci ha regalato Tadej Pogacar nella tappa di domenica e dopo il secondo giorno di riposo, il Giro d'Italia parte per affrontare la sua ultima settimana. Se la vittoria finale appare saldamente nelle mani del...


Una nuova realtà che unisce scienza e conoscenza, tecnologia ed esperienza, capacità e innovazione e mette tutto al servizio del ciclista, tanto dei campioni quanto dei cicloamatori e di coloro che in bicicletta semplicemente amano pedalare alla scoperta del mondo....


  Il primo ad apparire è Felice Gimondi: maglia Bianchi, mani strette al manubrio, il simbolo della volontà. Dopo di lui – dopo di lui!, dopo! – c’è Eddy Merckx: maglia iridata, braccia al cielo, il gesto del trionfo. Ecco...


Un poco alla volta le notizie su Jonas Vingegaard iniziano ad arrivare. Il due volte vincitore del Tour de France, dopo aver lasciato l’ospedale in Spagna, era tornato in Danimarca a Glyngøre e nelle scorse settimane aveva postato una foto...


In questi giorni le tinte rosa del Giro dominano l’Italia ma Piacenza sta cominciando a colorarsi di giallo Tour. La cittadina emiliana, sede di partenza della terza tappa della Grande Boucle 2024, si sta preparando allo storico evento del prossimo...


“Un giro nel Giro”, il circuito di pedalate amatoriali, dedicato a clienti e appassionati ciclisti, sul percorso del Giro d’Italia organizzato da Banca Mediolanum, da ventidue anni sponsor ufficiale della Maglia Azzurra del Gran Premio della Montagna, è pronto a...


Ci sono novità ai vertici di Specialized: Armin Landgraf è il nuovo CEO in sostituzione di Scott Maguire, che guiderà la nuova divisione di innovazione e tecnologia del marchio. per proseguire nella lettura vai su tuttobicitech.it  


Il Monumento ai Bersaglieri Ciclisti, donato al Comune di Parma dalla sezione Bersaglieri di Parma, è stato inaugurato domenica 19 maggio nel quadrante di verde pubblico attiguo al Parco Ducale recentemente riqualificato a cura del Comune di Parma e ricompreso...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi