TIRALONGO. «Che emozione... A Madrid non potevo mancare!»

PROFESSIONISTI | 14/09/2015 | 17:36
Dalla Vuelta Paolo Tiralongo è dovuto tornare a casa dopo soli tre giorni, ma al fianco di Fabio Aru c'è sempre stato. Da quando è stato costretto al ritiro, con oltre 30 punti di sutura al viso, è sempre stato in contatto con i suoi ragazzi, per far mancare un po' meno la sua mancanza alla squadra e al suo "figlioccio".

Come stai?

«Mi sono ripreso e tra due giorni ritornerò in corsa al Trittico Lombardo. Ieri non potevo mancare a Madrid, è stato bello ritrovarsi e festeggiare Fabio. Siamo stati a cena in un ristorante nel centro della capitale spagnola con tutta la squadra, gli sponsor, le famiglie e la maglia rossa in mezzo al tavolo».

Cosa hai pensato vedendo Fabio sul gradino più alto?

«Mi è scappata una lacrimuccia. Ci ha regalato una grande emozione, so i sacrifici che ha fatto e abbiamo fatto come gruppo per arrivare fin lì. Gli ripeto spesso che i sacrifici ripagano sempre nella vita, il suo risultato ne è una dimostrazione».

Quanto è stata dura seguire la corsa in tv?

«Non è stato facile nè ritirarmi nè stare a casa i giorni successivi. Non ho seguito la corsa live in televisione, non ci riuscivo, mi innervosivo, stavo male. Sai dopo mesi di sacrifici per arrivarci al top per me è svanito tutto in un attimo, lasciare i miei compagni sapendo che si poteva vincere è stata una grande delusione. Ho visto solo la tappa di Andorra e le ultime tre. Fabio l'ho sentito tutti i giorni, prima e dopo la tappa, ma telefonavo anche agli altri ragazzi e ai tecnici».

Hai rinnovato per altri due anni in Astana. 

«Sì, vivrò altre due stagioni accanto a Fabio. Il gruppo che ha ora l'abbiamo costruito nell'ultimo anno e mezzo, io e lui con Schefer e Martino, non voglio lasciarlo, ho dimostrato di essere ancora competitivo. Quest'anno ho raccolto due vittorie. Vinokourov mi aveva offerto anche altre possibilità ma io ho scelto l'opzione "pedalata" perché non c'è posto migliore per vedere la corsa che da dentro il gruppo».

Giulia De Maio

Copyright © TBW
COMMENTI
Paolo autentico uomo squadra
15 settembre 2015 15:34 canepari
Bravo Tiralongo...!

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Lo confessa candidamente: «Se me l'avessero detto un mese fa che avrei guidato la nazionale in un mondiale su queste strade, mi sarei messo a ridere...». Davide Cassani non nasconde le sue emozioni prima di presentarci il campionato mondiale, descrivercelo...


A Tour de France appena conclusio, è già tempo di guardare oltre perché in questa stagione animala gli altri grandi giri incombono. In casa Cofidis sonos tate prese decisioni importanti circa le formazioni per Giro e Vuelta: Elia Viviani sarà...


L'incontro delle vecchie glorie del Triveneto a Ca’ del Poggio ha riservato una curiosa e certamente gradita sorpresa per Mario Beccia. Autore, manco a dirlo, lo scatenato Dino Zandegù che è tornato a vestire per un attimo i panni del...


L’Emilia-Romagna ospita la 93ª edizione dei Mondiali di ciclismo sulle strade che, nel 1968, consegnarono a Vittorio Adorni la maglia iridata. Di ritorno a Imola sette anni dopo Firenze 2013, sarà il tredicesimo Mondiale in Italia e sarà Eurosport a...


DAZN e Discovery annunciano l'estensione del loro accordo di distribuzione per offrire agli utenti DAZN in cinque paesi la fruizione dei canali Eurosport 1 HD e Eurosport 2 HD. Con il rafforzamento di questa partnership, i contenuti di Eurosport saranno...


Sono stati rilasciati nella notte il medico e il massaggiatore fermati nei giorni scorsi su ordine della procura di Marsiglia nell'ambito di un'inchiesta su un sospetto uso di doping al Tour de France all'interno della Arkea-Samsic, team del campione colombiano...


Sono cinque le atlete di Alé BTC Ljubljana che, con le rispettive Nazionali si apprestano ad affrontare i Campionati del Mondo di ciclismo su strada assegnati in extremis ad Imola dopo la rinuncia della Svizzera. Domani, giovedì 24 settembre, con partenza...


La pioggia improvvisa, l’umidità che cresce e la nebbia che ci circonda sono i nemici dei ciclisti che pedalano in autunno. Per non farsi cogliere impreparati, è importante scegliere capi che proteggano dalla acqua e che mantengano il corpo asciutto....


Rohan Dennis è già al lavoro sulle strade imolesi per preparare la difesa del suo titolo mondiale. L'australiano, che alla prima stagione con la Ineos Grenadier non ha ottenuto finora grandi risultati, ha dimostrato in carriera di essere molto bravoa...


Alexander Vinokourov non ha esitato a comunicarlo: «Il budget del team non ci consente di continuare a lavorare insieme. Sono sicuro che López non avrà difficoltà a trovare una nuova squadra»;  «Probabilmente il Giro sarà l'ultima gara di López con l'Astana». E...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155