SANTAROMITA. «FUTURO INCERTO, MA SOGNO UN GRANDE ITALIANO»

PROFESSIONISTI | 21/06/2015 | 12:47
Non è più il momento delle certezze, della programmazione, dei punti fermi: si vive molto alla giornata. Lo stesso vale per Ivan Santaromita, 31 anni nato a Clivio e residente a Varese dal 2013 con la moglie Chiara: nel suo futuro ci sono solo punti interrogativi.
«Correrò l’italiano domenica prossima, ma poi non sono bene cosa farò, navigo a vista», dice a tuttobiciweb.it il corridore che da due stagioni corre per il team australiano Orica GreenEdge con la quale è in scadenza di contratto. «Non so quale sarà il mio futuro, di questioni contrattuali se ne occupa il mio procuratore Giovanni Lombardi, a me interessa solo pensare a correre e a farlo nel migliore dei modi».

In materia di corse, quest’anno, ha corso molto poco. Venticinque giorni digara contro gli oltre cinquanta di un anno fa. Ora due punti di domanda, per la Vuelta e il Giro di Polonia. In entrambe le corse, per il momento, è riserva. «Io sono un corridore della Orica e come tale mi comporto. Io faccio quello che il team mi dice di fare ma non vi nascondo che è difficile poter raggiungere una buona condizione di forma se non si corre. Non dico nulla di trascendentale se sottolineo il fatto che le corse danno ritmo, fondo e brillantezza. Ho corso al Delfinato, dove ho faticato non poco, soprattutto nei primi due giorni dove speravo di andare molto meglio e probabilmente ho pagato anche il fatto di avere le gambe gonfie, forse anche a causa di un’eccessiva ritenzione idrica. Poi mi sono un po’ sbloccato e sono andato meglio, ma mai come avrei voluto. Ripeto, non è facile correre una settimana e poi stare fermo un mese».

Domenica, sul colle di Superga, la sfida tricolore…
«Ci vado senza punti di riferimento. Correrò da solo, e quindi farò corsa sugli altri. Spero di stare lì, nel vivo della corsa il più possibile, anche perché l’italiano mi è sempre piaciuto e la vittoria ottenuta nel 2013 ce l’ho ancora nel cuore».

I tuoi favoriti?
«Tre nomi su tutti: Nibali, Formolo e Ulissi. Se stanno bene e imbroccheranno la giornata giusta, questi tre mi sembrano superiori a tutti gli altri».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Ha tagliato per ultimo il traguardo di Toulouse, Giulio Ciccone: sofferente in visto, nella scia di Nizzolo e Langeveld ad oltre 12 minuti da Caleb Ewan. L'abruzzese della Trek Segafredo è rimasto coinvolto nella caduta verificatasi ad una ventina di...


Caleb EWAN. 10. Finalmente il folletto di Sydney. Ci voleva, se lo meritava perché in fin dei conti in più di un occasione era arrivato vicino alla linea del traguardo. Oggi il piccolo velocista australiano corona il sogno e centra...


È mancata ieri notte all'età di 85 anni dopo una lunga malattia la signora Bruna Cassone in Damiani, mamma di Roberto, attuale tecnico della Cofidis, tornato di fretta a casa dalle strade del Tour de France. Domani a Castellanza ore...


Ancora un piazzamento di prestigio per Elia Viviani che oggi, però, non è mai entrato nella sfida per la vittoria di tappa, finendo terzo nella scia di Ewan e Groenewegen. «Qualcosa non ha funzionato nell'impostare l'ultima rotonda, credevamo fosse più...


Decima tappa in linea e decimo vincitore diverso in un Tour de France equilibratissimo per quanto riguarda i velocisti. A Tolosa sorride Caleb Ewan che ha fulminato in un arrivo serratissimo Dylan Groenewegen mentre Elia Viviani ha chiuso al terzo...


Giro della Valle d’Aosta, prima tappa, interamente francese, atto primo. Succede al km 98 di corsa, quando ne mancano 28 all’arrivo, poco prima dell’ingresso in Praz-sur-Arly. A quell’incrocio sono già passati tre fuggitivi (il belga Vansevenant, il francese Chevalier e...


Piccole storie di ordinarie giornate di riposo al Tour. Accade ad Albi, a poche distanza dal Grand Hotel d'Orleans: i corridori chiudono la sgambata con il rituale caffé al bar. Li serve direttamente il proprietario, grande appassionato di ciclismo, che...


Andrea Bagioli, 20 anni, passerà professionista il prossimo anno con la Deceuninck Quick Step. Il valtellinese della Colpack ha dominato quest’anno la Ronde de l'Isard e il Trofeo Città di San Vendemiano.«Sono al settimo cielo, è un sogno che si...


Dopo l'Isola d'Elba, Marco Aurelio Fontana ha conquistato la Val di Pejo. In occasione della tappa della eEnduro, nella quale ha colto un buon 2° posto, il Prorider della Scuderia Fontana è andato alla scoperta di uno dei posti più belli dove girare in...


Un sondaggio da Aigle, un tweet da Copertino, un’inchiesta dalla Gran Bretagna. Sono i tre elementi della svolta tecnologica del ciclismo e del solco sempre più profondo che si va scavando tra le istituzioni e la realtà. Cominciamo dal tweet....


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy