Rebellin doppio colpo: non sarà né "argentino" né "italiano"

| 30/08/2004 | 00:00
A questo punto c'è da chidersi chi l'abbia consigliato, chi sia dietro alle scelte discusse e discutibili di Davide Rebellin? Possiabilità che il governo argentino dia la cittadinanza a Rebellin per “meriti sportivi" molte, che l'Uci accetti questo escamotage, praticamente nessuna. Il regolamento parla chiaro: se un atleta inzia la stagione come italiano, da italiano deve finirla, non può cambiare in corsa. Ad ogni modo, con questa sortita, Davide Rebellin ha già ottenuto una garanzia: il Mondiale di Verona non lo correrà con la maglia dell'Italia. Franco Ballerini, incontrato al Giro del Fiuli, è stato chiaro. «Io l'avevo nella mia lista e l'avevo in debita considerazione, ma uno che ragiona in questo modo è giusto che vada per la sua strada. Vuole vincere e sentire l'inno argentino? Faccia come crede. Se ci riesce, lo faccia pure, io non l'avrei mai fatto. Sono italiano e italiano resto». Più chiaro di così. Ballerini, quindi guarda oltre. Ribadisce che le scelte operate per vararare il quintetto base per la sfida olimpica erano solo e soltanto dettate da scelte tecniche: quattro uomini di fiducia al servizio incondizionato di Paolo Bettini, che alla fine è stato il grande mattatore di Atene. Per il Mondiale, invece, Rebellin avrebbe potuto giocare le proprie chances, ma visto che non si fida, e ritiene che dietro alla scelte del tecnico azzurro ci siano anche delle ragioni legate al suo processo (indagato nel filone padovano dell'inchiesta antidoping legata al blitz di Sanremo del Giro 2001 e atteso il 9 novembre alla prima udienza del processo a Este) ecco perché è arrivato a pensare di chiedere l'«ospitalità» ad un altra nazione. Intanto, però, l'oparzione Verona 2004 è ufficialmente partita, e la squadra per il 3 ottobre sta prendendo man mano forma. E' chiaro che sorherà su una certezza indiscussa e indiscutibile: Paolo Bettini, campione olimpico ad Atlanta. Assieme a lui, come seconda punta, Damiano Cunego, che cercherà alla Vuelta di trovare la condizione migliore, quella del Giro per intenderci. Si tornerà a numeri azzurri consueti, sul circuito delle Torricelle (18 giri, 265 chilometri): 12 i posti a disposizione, più due riserve, quando per la prova olimpica solo in cinque hanno rappresentato l'Italia nella prova in linea. E per un verso proprio da loro si riparte: difficile infatti che Bettini, Paolini, Nardello e Moreni non bissino la convocazione, mentre qualche dubbio può esserci per Pozzato, poco brillante ad Atene e costretto anche dall'influenza a rinunciare alla cronometro. Le ultime corse hanno promosso invece Leonardo Bertagnolli (compagno di Cunego allo Saeco), Emanuele Sella, Luca Mazzanti, mentre anche Gilberto Simoni, recente vincitore al Veneto, si è fatto avanti ("Voglio fare un settembre a tutta e meritarmi la Nazionale"). In prima fila anche Franco Pellizotti e Pietro Caucchioli, con quest'ultimo che tiene da matti al Mondiale in casa. Di questi tempi le tonalità dei desideri sfumano sull'azzurro. E poi? Poi potrebbe entrare nel discorso anche Matteo Tosatto, che si sta muovendo bene e lo stesso Michele Gobbi (vincitore del Friuli) che dovrebbe però dare altri segnali al ct azzurro per strappare un posto di prestigio. Tra i probabili azzurri al momento potrebbe rienetrare anche Dario Frigo, che dopo diversi problemi, è tornato alle corse dismostrando alla Tre Valli e al Campionato di Zurigo di essere sulla buona strada che può condurlo al Mondiale di Verona. Come del resto un uomo forte e leale che di nome fa Ivan Basso.
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Resta in terapia intensiva all'ospedale di Niguarda di Milano e la prognosi resta riservata, ma Johnny Carera, ricoverato a seguito dell’incidente stradale del 26 novembre scorso sull’A4 all'altezza di Agrate, mostra segni evidenti di miglioramento. Attorno al manager di Pogacar...


Il ciclismo lombardo ha festeggiato i suoi grandi attori al Teatro Città di Legnano Talisio Tirinnanzi con una festa in grande stile. Una giornata speciale dedicata ai migliori della stagione 2021 che con i loro risultati hanno esaltato la scuola...


Due italiani esperti come Filippo Fortin e Mauro Finetto continueranno la loro avventura ciclistica con il team Continental tedesco Maloja Pushbikers.Finetto (nella foto) arriva dalla professional francese Delko, mentre Fortin già correva nella categoria Continental con l’austriaca Team Vorarlberg. Con...


Per il 2021 la candidatura della Arkea Samsic per il Giro d'Italia non ebbe successo, ma il team bretone non molla la presa e rilancia la propria richiesta alla RCS Sport. Nessuna dichiarazione ufficiale in proposito, ma le parole di...


Nella sua giovane carriera ha dimostrato di adattarsi perfettamente ad ogni tipo di bicicletta e terreno ma sabato 11 e domenica 12 dicembre a Vermiglio, in Val di Sole, Thomas Pidcock si troverà di fronte un’ennesima grande sfida: padroneggiare una...


«Abbiamo vinto una bella volata»: è il commento di Elia Viviani quando sa del buon successo ottenuto dalla vendita delle “Stelle di Natale” a sostegno della lotta contro le leucemie. Della Ail - Associazione italiana contro le leucemie - l’olimpionico...


È un ritorno, carico di suggestioni, perchè chi ama il ciclismo non può fare a meno di ricordare la Salvarani, una delle squadre più iconiche della storia del ciclismo. In attività dal 1963 al 1972, la Salvarani Vinse...


Caro Direttore, faccio slancio di diplomazia: lode e applausi, senza ironia, a chi organizza e dirige un Grande Tour. Con tutto quello che il Padreterno ci ha destinato negli ultimi tempi, non può essere che così. Mi permetto di aggiungere,...


Canyon ne è certa,  la nuova Torque non ha confini e può accontentare qualsiasi rider nei bike park di tutto il mondo o competere all’Enduro World Series. Vi sembra poco? Messi da parte il proclami una cosa è certa, gli ingegneri Canyon...


Si è spento Ferruccio Ferro, atleta e direttore sportivo di ciclismo. Era nato il 14 marzo 1952, aveva 69 anni. Abitava a Bertipaglia (Padova) e scoprì da dilettante Matteo Tosatto, il recordmen delle corse a tappe tra i professionisti e...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI