DANIELE. «Presidente Di Rocco, qualcosa non torna...»

LETTERA APERTA | 30/01/2014 | 09:33
Caro Direttore,
ho letto la replica del Presidente Di Rocco alla mia lettera aperta che Lei aveva avuto la bontà di pubblicare su tuttobiciweb il mese scorso. Lungi da me la volontà di intavolare un batti e ribatti col Presidente, che rischierebbe di divenire stucchevole, ma, vista l’importanza degli argomenti in discussione, spero che Lei voglia concedermi un legittimo “diritto di replica”.

Vorrei anzitutto rassicurare il nostro Presidente, dopo averlo ringraziato per le “carezze” che mi invia all’inizio della sua nota, che non c’è oggi e non c’era nemmeno 50 giorni fa, quando ho scritto a tuttobiciweb, alcun intento “sindacale” nelle mie parole, nessun tentativo di difendere posizioni acquisite in passato. Ho in tasca una tessera della FCI fin dal lontanissimo 1970. Sono dunque ben 44 anni che il ciclismo è parte integrante della mia vita quotidiana e 25 di questi anni li ho trascorsi, onorandomi di farlo, ad assistere e tutelare la salute dei ragazzi che indossavano la maglia azzurra, in qualità di Medico delle Squadre Nazionali. Conosco dunque molto bene le problematiche di questo sport e continuo a vivere dal di dentro le criticità ad esso connesse. Ecco perché credo di poter esprimere pubblicamente la mia opinione su questi argomenti senza per questo essere tacciato di “corporativismo”.

Quindi, al bando le vuote parole di circostanza che permeano la tardiva risposta del Presidente Di Rocco e veniamo ai fatti, quelli indiscutibili:
1) Le “Nuove” Norme per la tutela della salute dei ciclisti, nella parte che prevedeva la possibilità per gli atleti del ranking di scegliere il Medico di fiducia “tra i laureati in medicina e chirurgia che risultino iscritti all’albo professionale e che non abbiano riportato condanne penali o sanzioni disciplinari superiori ai 12 mesi”, sono state bocciate dal Presidente della FMSI, e non certo per ragioni di sterile corporativismo. Infatti ora, all’unisono, utilizzando esattamente le stesse parole, il Presidente Di Rocco e il Dr Simonetto ci informano che i medici “non specialisti” in Medicina dello Sport dovranno frequentare un corso di formazione della FMSI prima di poter accedere a tali funzioni. Giusto e sacrosanto. E, badi bene, non perché i Medici di base non siano medici validi, in grado di seguire da vicino le esigenze di un ciclista agonista, ma solo perché le competenze necessarie a farlo con perizia non fanno parte generalmente del bagaglio culturale tipico di un medico che non esercita quella particolare attività. Non è un caso, infatti, che il piano di studi delle Scuole di Specializzazione in Medicina dello Sport prevedano corsi di insegnamento di Metodologia dell’Allenamento, di Scienza della Nutrizione, di Norme e regolamenti Anti-­‐Doping, ecc.
2) La ricostruzione reale della tempistica dell’indagine sui 57 medici sociali, checchè ne dica il Presidente Di Rocco è la seguente:
• Il 20 dicembre 2012 la Commissione Tutela della Salute (CTS), segnala alla Procura Federale (PF) numerose inadampienze relative all’operato di 57 medici sociali per la stagione 2012.
• Il 7 gennaio 2013 il Presidente Di Rocco rilascia l’intervista da me citata. La CTS, almeno ufficialmente, NON “aveva già sospeso 30 medici sociali per la non ottemperanza delle norme previste”, come sostiene il Presidente Di Rocco. Oltretutto non c’è traccia di questo evento nell’atto di deferimento ai 57 medici sociali, se non in riferimento ad una sentenza della CDFN dell’anno 2006 in cui 11 medici sociali erano stati sanzionati per violazioni dello stesso tipo. Quindi dovrebbe essere il Presidente Di Rocco a spiegarci perchè ha rilasciato quelle dichiarazioni a Marco Bonarrigo.
• Il 14 gennaio 2013, il comunicato della Segreteria Generale FCI n3/2013 annuncia i risultati dell’elezione del nuovo Consiglio Federale e dei nuovi Organi di Giustizia.
• Il 20 febbraio 2013 la PF invia i primi telegrammi di convocazione per le audizioni preliminari dei medici coinvolti per il procedimento n. 1/2013. Quindi non sono io quello che dimentica qualcosa. Queste sono date certe e inoppugnabili e non si tratta affatto di una “difesa corporativa di una parte dei medici da sempre ostile alla FCI ecc ecc”. A chi allude? Perché non ce lo spiega chiaramente, senza demagogia, Presidente Di Rocco?
 
3) Le assicuro che nessuno “spirito di corpo” fodera di prosciutto i miei occhi, anzi sono molto attento alle questioni che riguardano il mio campo di interessi. Ed è proprio per questo che non riesco a scorgere nelle “Nuove Norme per la Tutela della Salute” alcunchè di innovativo, alcuna “svolta culturale in atto”. A meno che non si intenda per culturalmente positivo il fatto di delegare all’atleta la tutela della sua stessa salute. Ma, si badi bene, è tenuto a tutelarsi, secondo le norme, solo l’atleta di medio-­‐alto livello prestativo, quindi inserito nel “ranking” e quindi, in qualche modo, di interesse federale. Questo vuol dire che, secondo la FCI, dei 3312 atleti tesserati nelle categorie internazionali nel 2013, solo 755 (il 22,8% del totale), quelli a tutt’oggi inseriti nel ranking, hanno l’obbligo di fare dei controlli periodici del sangue. Per l’altro 77% degli atleti…non c’è problema. Nessun controllo obbligatorio. Niente più Ecocardiogramma per i giovani Junior, niente più ECG da sforzo ad anni alterni per i più grandini, niente più controlli del sangue. Basta l’idoneità agonistica di legge e poi via, pedalare. La tutela della loro salute, pur trattandosi di atleti praticanti una disciplina ad elevatissimo impegno organico e funzionale, è demandata all’iniziativa personale e al buon senso dei loro dirigenti di società. Evidentemente alla FCI interessa solo la tutela della salute di quelli forti, di quelli che porteremo ai Mondiali o alle Olimpiadi. Alla faccia della “svolta culturale”….

Poi però scopriamo che un po’ dappertutto sono stati tesserati ragazzi privi anche di questa certificazione di legge (processone ai 57 Medici Sociali docet… 156 certificati di idoneità mancanti o scaduti sui 1297 atleti assistiti dai medici inquisiti, 25 medici coinvolti di cui 14 dimessi o non più tesserati e quindi non sanzionati) ed è stato giusto punire severamente i miei colleghi che non hanno controllato questo importantissimo aspetto della tutela sanitaria dei nostri ragazzi. E la cosa mi preoccupa molto Presidente, certo che mi preoccupa. Infatti mi domando come sia stato possibile!!!

Come è stato possibile che i presidenti di quelle società abbiano firmato quelle richieste di tesseramento anche in assenza del certificato? Sono stati per caso convocati dalla solerte Procura Federale per fare qualche domandina anche a loro? Chissà…. Forse ora capisco cosa intendono dire il Presidente Di Rocco e il Dr Simonetto quando, all’unisono, parlano di “responsabilizzare l’atleta dopo anni in cui si è lavorato (senza riuscirci aggiungo io) per sensibilizzare i dirigenti di società”.

4)
Malizia per malizia: Le vere ragioni per cui la FCI ha scelto di pubblicare le nuove norme sono state riassunte dal segretario della CTS, Dr Mirri, al recente convegno dell’AIMEC alla Castellina. Basta leggere la slide allegata e non c’è bisogno di ulteriori spiegazioni. Non si possono cambiare le carte in tavola ora e parlare di “svolta culturale”. È poco serio, Presidente Di Rocco, e confonde le idee a chi non conosce bene i fatti. La riforma in atto è profonda, sono d’accordo... ma in senso peggiorativo rispetto al passato.

La ringrazio Direttore per l’attenzione e Le invio un affettuoso saluto

Gaetano Daniele


ARTICOLI CORRELATI

Di Rocco: dottor Daniele la riforma è profonda

Nino Daniele: deligittimata un'intera categoria
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Grande spettacolo sulle salite dell'Algarve per la seconda tappa della corsa portoghese, da Sagres ad Alto da Foia. A conquistare il successo è stato Remco Evenepoel che con un scatto bruciante ai 600 metri ha conquistato tappa e maglia di...


Gonzalo Serrano centra il primo successo della sua carriera imponendosi sul traguardo della seconda tappa della Vuelta Andalucia. Il portacolori della Caja Rural RGA si è esaltato sulla salita finale che portava alla linea d'arrivo di Iznajar attaccando ad un...


Chris Froome è uno dei personaggi più indecifrabili e affascinanti dei nostri anni. Quattro Tour de France, un Giro d’Italia e una Vuelta di Spagna: vittorie, attacchi epici, scene memorabili e un’autentica rivoluzione che lo ha proiettato nell’olimpo del ciclismo...


La famiglia della Zalf Euromobil Désirée Fior si allarga: la notizia arriva alla vigilia del debutto su strada e aggiunge ancora più entusiasmo nel clan presieduto da Gaspare Lucchetta ed Egidio Fior. A completare la rosa 2020, infatti, sono due atleti Under 23 dal pedigree decisamente...


Parla estone la prima tappa del Tour of Antalya. Ad aggiudicarsi la volata serrata è stato Mihkel Räim della Israel Start-Up Nation, unica formazione WorldTour al via, bravo ad anticipare Marko Kump (Adria Mobil) e Kenneth Van Rooy (SportVlaanderen-Baloise). Tra...


L’UAE Team Emirates ha annunciato la selezione di corridori che parteciperà, dal 23 al 29 febbraio all’UAE Tour (2.WT), con ambizioni sia per le volate che per le tappe con salite. Con 10 successi già all’attivo nel 2020, la formazione...


All’Upcycle Cafè di Milano – e dove, sennò? – è stata oggi presentata ufficialmente la stagione 2020 degli Internazionali d’Italia Series, sponsorizzati da realtà di prim’ordine come Shimano e Northwave. Dal 2000 principale circuito italiano di Mountain Bike, anche quest’anno...


Un rinnovo da record, quello di Luke Rowe, che ha firmato con il team INEOS un accordo per le prossime quattro stagioni. Spiega il corridore britannico: «Ovviamente questa nuova estensione del contratto mostra molto impegno da parte mia e del team....


Stasera alle 20.30 secondo appuntamento stagionale con «Ciclismo Oggi» su Teletutto: il menu si annuncia decisamente ricco con la presentazione di tre grandi squadre come la Iseo Serrature Rime Carnovai Sias, la Colpack Ballan e la Casillo Petroli Firenze Hopplà....


Il 2020 è iniziato con un convincente quinto posto al Trofeo Laigueglia e adesso Lorenzo Rota non ha intenzione di fermarsi. Il 24enne bergamasco è stato tra gli ultimi a trovare squadra nella sessione invernale di ciclomercato, accasandosi con la...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155