Cunego e Malori pronti per il Delfinato

LAMPRE MERIDA | 30/05/2013 | 11:36
Il Criterium del Delfinato (2-9 giugno, 8 tappe) sarà un importante passaggio per Damiano Cunego, una transizione tra il Bayern Rundfahrt, corso in appoggio al compagno di squadra Adriano Malori, e gli appuntamenti cruciali della seconda parte di stagione, quali il Campionato Italiano e il Tour de France.
Le aspettative del Team Lampre Merida non ricadono esclusivamente sulle spalle del tre volte vincitore del Giro di Lombardia. I ds Piovani e Lerici potranno contare sulla buona condizione, maturata al Giro d'Italia, di Josè Serpa Perez: lo scalatore colombiano può ambire a un successo di tappa.
Reduce anch'egli dalla Corsa Rosa, il croato Durasek sarà un'altra pedina importante.
Nella squadra, anche Elia Favilli, Massimo Graziato, Andrea Palini e Maximiliano Richeze (per tutti loro, recente esperienza al Tour of Japan), con Matteo Bono a completare la selezione.
Accanto ai ds Piovani e Lerici, nello staff opereranno il dottor Pollastri, i meccanici Carminati, Romanò e Viganò e i massaggiatori Baron, Bertolone, Napolitano e Verzelletti.
"Nelle ultime settimane, lontano dalle corse, mi sono allenato bene e al Bayern Rundfahrt il lavoro svolto volentieri per Malori mi è servito molto per trovare una buona brillantezza - ha spiegato Cunego - Affronterò il Delfinato con un duplice scopo: cercherò di tenere d'occhio classifica generale e le opportunità di centrare un successo, anche per portare importanti punti alla classifica World Tour della squadra, e al contempo lavorerò per migliorare ulteriormente la mia forma.
Gli allenamenti svolti sono stati intensi, mi aspetto che mi consentano di trovare buone giornate per provare a tornare al successo: vincere offre sempre stimoli maggiori per continuare a tenere duro, una affermazione in una tappa del Delfinato servirebbe per avvicinarmi al campionato nazionale e al Tour de France con una grande convinzione.
Ci sono tappe interessanti, valuterò con i tecnici come muoverci per raggiungere gli obiettivi prefissati.".


 

Critérium du Dauphiné (2-9 June, 8 stages) will be an important turning point for Damiano Cunego: a transition from Bayern Rundfahrt, in which he gave his support to team mate Malori, and the topic appointements of the second part of the season, as Italian Championship and Tour de France.
The expectations of Team Lampre Merida are not focused only on Cunego, in fact sport directors Piovani and Lerici could count on the good shape of Josè Serpa Perez, who recently completed Giro d'Italia.
The same thing is for Kristijan Durasek.
In the team, there will be also Elia Favilli, Massimo Graziato, Andrea Palini and Maximiliano Richeze (they all raced in Tour of Japan), and Matteo Bono.
The duo of sport director Piovani and Lerici will be supported by doctor Pollastri, mechanics Carminati, Romanò and Viganò and masseurs Baron, Bertolone, Napolitano and Verzelletti.
"In the past weeks I trained a lot and in Bayern Rundfahrt, working in support of Malori, I had the chance to improve my fit - Cunego explained - I'll be in Critérium Dauphiné pointing at two goals: I'd like to be in the top part of the overall ranking and on the stage classification, meanwhile I'll focus my attention on the improvement of my fit in view of Italian championship and Tour de France".
Copyright © TBW
COMMENTI
30 maggio 2013 19:48 colt
importante passaggio di cosa? ma cunego cosa sta preparando? mi sembra sempre alla ricerca della condizione che puntualmente non arriva. secondo me deve sempre correre per almeno cercare di fare un buon piazzamento.

30 maggio 2013 20:17 lattughina
il treno di Cunego per quest'anno è già passato e Damiano è rimasto a terra. Zero risultati fino ad oggi e ora vuole confrontarsi con i tecnici per ottimizzare il Tour ..... ma cosa ha fatto Bartoli fino adesso? Penso che Cunego avrebbe dovuto affidarsi a tecnici che lavorano il Lampre da tempo e che lo conoscono meglio di Bartoli. Chi è causa del suo mal pianga se stesso.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Un autentico colpo a sorpresa, quello annunciato da Marc Madiot nel corso della presentazione ufficiale della Groupama FDJ: i due sponsor principali hanno infatti sottoscritto insieme il prolungamento dell'accordo con il team fino al 2024. Questo ovviamente consentirà a Madiot...


È come se avesse tirato per l’ultima volta un salvagente al movimento ciclistico italiano. Un ultimo e estremo gesto di disponibilità e apertura, ma in ogni caso definitivo, ultimo e finale. È difficile che ce ne siano ancora in futuro....


Un nuovo prestigioso sponsor si unisce al team Bardiani CSF Faizanè per la stagione 2020. Si tratta di CLIQUE, marchio di abbigliamento del gruppo New Wave, che fornirà alla squadra tutto l’abbigliamento...


Si terrà lunedì 9 marzo (ore 19, 30) presso il Grand Hotel Leonardo da Vinci di Cesenatico (via G. Carducci 7) la presentazione della Settimana Internazionale Coppi e Bartali che si correrà dal 25 al 29 marzo con partenza come...


Il ciclista spagnolo Juan Camacho del Fresno ha confermato il suo ritiro dal ciclismo professionistico a poche settimane dall'inizio ufficiale della stagione 2020. Il portacolori della Kometa-Xstra Cycling Team ha preso questa decisione come conseguenza di ricorrenti problemi al ginocchio...


Un anno da incorniciare. Julian Alaphilippe nel 2019 ha vinto tanto e bene. Pronti via ha conquistato due tappe alla Vuelta a San Juan, quindi una al Tour Colombia, la Strade Bianche, due tappe della Tirreno-Adriatico, la Milano-Sanremo, una tappa...


Caro Direttore, ricordo con simpatica nostalgia una trasmissione radiofonica della mia (nostra ?) gioventù: portava il nome di Alto Gradimento ed era condotta da due altrettanto giovani Renzo Arbore e Gianni Boncompagni. Uno dei bizzarri personaggi che la animavano usava...


  Lo chiamavano “Mano Santa”. Perché prese in mano, nelle mani, fra le mani, il ciclismo, quello del Novecento, dall’epoca eroica fino all’epoca moderna, da Guerra a Bugno attraverso Coppi e Baldini, Adorni e Moser, e lo benedì, lo beatificò,...


Trentacinque anni fa si chiudeva una pagina distoria e si apriva una ferita che da allora non si è più sanata. Quella notte, infatti, Milano perdeva il suo Palazzo dello Sport e con esso anche la sua mitica Sei Giorni...


«La prima Apocalisse»: così Egan Bernal racconta il suo primo allenamento “lungo” dell’anno, accompagnando la foto del suo Garmin postata sui social. Sette ore e 51 secondi impiegati per percorrere 269, 4 knm alla media di 38, 4 km orari....


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155