TOUR. Fanini e Bufalino: «Perché non usano più lo scanner?»

| 03/07/2012 | 15:12
Che fine hanno fatto gli scanner? Ivano Fanini - patron della squadra ciclistica Amore e Vita - e Michele Bufalino - il giornalista che nel 2010, con un video su Youtube che fece 6 milioni di contatti, sollevò dubbi in relazione all'ipotizzato uso delle 'bici motorizzatè tra i ciclisti - hanno denunciato l'abbandono della modalità di controllo delle biciclette con l'ausilio degli scanner per trovare il motorino nelle biciclette. «Da quest'anno è cambiato tutto al Tour de France - ha spiegato Fanini -. Prima di tutto è stato inspiegabilmente abbandonato l'uso dello scanner, secondariamente adesso le biciclette vengono letteralmente controllate con tanto di smontaggio del sellino. Il controllo però è a campione, e quindi solo alcune biciclette vengono controllate, con una microtelecamera all'interno del sottosella».  «Purtroppo è sconfortante tutto quello che sta accadendo - ha detto Bufalino, che ha anche pubblicato il libro 'La bici dopata' e vinto il Memorial Bardelli 2011 -. Controllare le bici a campione non serve a niente, perchè non tutte le biciclette vengono controllate, e questo non dà alcuna sicurezza che non venga utilizzato il motorino in gara. Inoltre con questo nuovo sistema di controllo, senza quindi utilizzare lo scanner, si generano anche ulteriori problemi, perchè togliere il sellino dalla bicicletta non è di alcun aiuto ai corridori stessi, che hanno perso ore a trovare la giusta regolazione della sella e che poi si ritrovano a dover rifare tutto in poco tempo prima della partenza». Bufalino aveva ipotizzato una sorta di motorino nascosto nei telai che consentirebbe, con una sorta di "pedalata assistita", un notevole aumento di potenza. (ANSA).
Copyright © TBW
COMMENTI
2 anni
3 luglio 2012 15:26 Bufalino
La gente deve sapere che le biciclette non sono più controllate come è stato fatto negli ultimi 2 anni.
Ringrazio il Direttore Stagi

Michele Bufalino

Io non ci credo...
3 luglio 2012 15:54 cargoone
Scusate, ma mi sembra impossibile che questi atleti abbiano il motorino nel telaio...ce l'hanno magari nelle gambe!!

Io sig. Bufalino la ringrazio per la sua testimonianza, ma resto dell'idea che queste apparecchiature siano usate su bici da passeggio, e non in competizioni agonistiche.

Se così non fosse ci sarebbero distacchi molto più evidenti nelle gare, anche visivamente parlando i corridori difficilmente riuscirebbero ad inventarsi la fatica sul volto...mah, e chiudo dicendo un'ultima cosa: con quale dignità un atleta potrebbe gareggiare con il motorino?!?!?!?

Cargo

Per Cargoone
3 luglio 2012 16:08 Melampo
Con la stessa dignità con cui correrebbero dopandosi ...

x cargo
3 luglio 2012 16:11 Bufalino
è giusto avere dei dubbi, come dice. Purtroppo prove di gare inquinate da questo macchinario ci sono già state, anche nelle gare di Mountain Bike e a livello dilettantistico su strada. Sono anche state proposte alle squadre qui in Toscana.
E' giusto anche continuare per questa strada e non abbassare mai l'attenzione

Michele Bufalino

Sig. Bufalino
3 luglio 2012 16:26 Fra74
..anche se questo non è l'argomento, vorrei sapere cosa ne pensa della convocazione di Matteo Trentin alla Olimpiade pur essendo lo stesso stato squalificato in passato per aver violato la normativa relativa al doping....sarei curioso di leggerla...mi può, cortesemente, rispondere qui o nella sezione dell'articolo relativo alle convocazioni per le Olimpiadi..
Grazie..
Francesco Conti.

P.S.: Giusto, da parte Sua e del Sig. Fanini, sottolineare questa "dimenticanza" dello scanner...forse costa troppo :)..

Francesco Conti.

x bufalino
3 luglio 2012 16:37 ciba
ci faccia NOMI E COGNOMI o la Squadra toscana di appartenenza, altrimenti la smetta di lanciare sassi sul gruppo. e se ha denunciato, ci faccia leggere, poichè la denuncia (se non è anonima......) può essere resa pubblica! .... o ha forse paura di aver detto cazzate....

x Fra
3 luglio 2012 16:49 Bufalino
Che dire, la squalifica, secondo quello che è il "codice etico" avrebbe dovuto impedire la convocazione a Trentin. O si convocano tutti, o non si convoca nessuno, semplice.
Altrimenti il rischio è di non essere coerenti con quelli che sono i propositi che erano stati sbandierati da mesi.

Michele Bufalino

Giusto!
3 luglio 2012 16:51 AndreaTino
Bene, giusto dire le cose come stanno.
Come al solito io sto con Bufalino e Fanini.

Andrea Tino

Cancellara...
3 luglio 2012 18:09 antani
tanto di cappello a questo campione, tuttavia se Martin non avesse bucato, non so se avrebbe vinto il prologo. Comunque, i suoi risultati si sono abbastanza ridimensionati....io penso che qualcosa di vero su queste bici motorizzate c'era...

x ciba
3 luglio 2012 18:38 Bufalino
Le autorità sono state allertate già da tempo.
Chi di dovere ha saputo quello che doveva sapere, tanto basta.

M.B.

Non ci sono gli scanner ma
3 luglio 2012 19:25 Per89
La giuria prima della partenze e all'arrivo può sorteggiare i numeri di diversi corridori rimuovere la sella e infilare un telecamera nel tubo piantone come riportato da qualche sito...

Per89
3 luglio 2012 19:31 Bufalino
è esattamente quello che abbiamo detto ed è riportato nell'articolo..

Michele Bufalino

Le mie considerazioni sul problema-scanner
3 luglio 2012 19:33 Bartoli64
Io, pur rispettando il lavoro svolto da Michele Bufalino che ha sollevato un caso che non pochi e legittimi dubbi ha suscitato nell’ambiente (peraltro confortati da dati sulla potenza impressa in particolari situazioni da particolari atleti), faccio le mie considerazioni al riguardo del sovrastante articolo:

1) Lo scanner non viene più utilizzato perché l’allarme “bici-motorizzate” sembra rientrato.

2) Il suddetto macchinario costa troppo all’UCI (anche affittandolo o prendendolo a leasing).

3) L’utilizzo della microcamera per ispezionare il piantone è una valida alternativa, sicuramente più economica.

4) Non è affatto vero che smontare il canotto reggisella dal telaio causa problemi per il ripristino della corretta posizione della sella, giacché tutti i corridori applicano sul canotto un segno di riferimento ed i meccanici hanno trascritte tutte le posizioni dei propri corridori al millimetro e si avvalgono al riguardo di una speciale dima.

5) Il controllo a campione è comunque un buon deterrente anche se è vero che la guardia non va abbassata.

6) La vera frode nel ciclismo è ancora quella legata al doping e credo che nei mesi a venire, purtroppo, ne dovremo ancora vedere delle belle.

Una buona serata a tutti.

Bartoli64

x Antani
3 luglio 2012 19:37 mues
Che Cancellara sia un campione é fuori dubbio...Ma non puo' essere il numero 1 a cronometro in eterno !!! Sono parecchi anni che domina ! Vedi per esempio Federer è stato il migliore per anni ma ora c'é qualcuno piu' forte

che dire
3 luglio 2012 19:43 bastonato
Scanner o non scanner credo sia impossibile utilizzare oggi certi accorgimenti (troppo rischioso per se e per la squadra). Comunque quella di smontare la sella è una c....ta enorme. Ultima cosa: andare a mettere in dubbio Cancellara mi sembra un pò troppo.
Saluti a tutti

Bartoli
3 luglio 2012 19:47 Bufalino
Le rispondo subito.
Sono molto interessanti i punti da lei sviluppati.

1) Sembra rientrato, ma solo perché non se ne parla o non se ne vuol parlare

2) Strano, erano proprio loro ad averlo studiato, anche con i loro esperti di ergonomia della bicicletta.

3) Sarebbe una valida alternativa se si controllassero tutte le biciclette.

4) E' anche una questione psicologica. Un corridore come Evans, molto nervoso, sicuramente non gradisce un trattamento del genere. Ricordate anche Pantani, che regolava continuamente la posizione sulla sella e si portava anche i ferri del mestiere dietro durante gli allenamenti? Al Tour de France anche una sciocchezza può essere importante per le energie mentali di un corridore.

5) Siamo d'accordo ;)

6) Questo è vero, tuttavia non dobbiamo dimenticare tutto quello che riguarda il doping tecnologico, perché sono state fatte delle battaglie, la tecnologia è sempre in continuo miglioramento così come il doping batte l'antidoping. Mai abbassare la guardia

A presto, buona serata a tutti

Michele Bufalino

fanini mi mancava
3 luglio 2012 19:54 AERRE56
il sig. fanini mi mancava, da tempo non lo leggevo su tuttobiciweb. no, un momento, rifletto: non mi mancava per niente. speravo si fosse tolto dalle baxxe. oggi si aggiunge il sig. bufalino. dalle mie parti si direbbe: xxxxxxxx. per rispetto del direttore non lo dico. ma la pubblicità a buon mercato, egregi signori, cercatela da altra parte. e mi fermo qui.

io

Caro Aerre
3 luglio 2012 21:41 AndreaTino
Lei non fa testo, si permette di offendere, ma ha troppa paura di un confronto diretto, altrimenti metterebbe nome e cognome e contatterebbe di persona gli interessati. Scommettiamo che non lo farà?

Andrea Tino

Ciclo & motociclo
3 luglio 2012 23:30 pickett
Avevo sottolineato la misteriosa scomparsa degli scanners un paio di giorni fa,evidentemente non sono stato l'unico a sentire puzza di bruciato.

gentile andrea tino
4 luglio 2012 06:38 AERRE56
gentile andrea tino, io non ho offeso proprio nessuno, semplicemente ho utilizzato uno slang tipico dei blog per esprimere il mio dissenso su tanti interventi estemporanei fatti dal sig. fanini, compreso quest'ultimo. trovo impossibile che al tour possano rischiare uno scandalo "bici dopate", troppo facile da intercettare. che la lotta a chi bara abbia dato risultati è dimostrato dal recente giro d'italia e i francesi certamente non vorranno fare passi indietro. certamente o no questo è il mio parere, null'altro. lungi da me, in ogni mio intervento, la volontà di offendere, preferisco sdrammatizzare alcune opinioni in modo sarcastico, unico modo per non prendersi tutti, me compreso, troppo sul serio.

stia bene. io

Quanta mania di protagonismo!!!!
4 luglio 2012 07:21 valentissimo
Per favore cominciamo a parlare di cose serie, i controlli ci sono stati ed hanno continuato a vincere le stesse persone. Forse ora è arrivato il momento di cominciare a controllare i pagamenti degli stipendi, il rispetto dei minimi contrattuali ed i versamenti contributivi degli atleti e sarebbe bello che questa battaglia venisse fatta in prima persona da Bufalino e Fanini!!!!

Che dire
5 luglio 2012 17:25 Bario75
Sono sconcertato che sia stato tolto lo scanner. Meno male che c'è sempre qualcuno a dire le cose come stanno.

Marco

Caro Valentinissimo
7 luglio 2012 18:31 AndreaTino
Non credo che al momenti ci sia bisogno di combattere questa battaglia. Da poco l'Uci ha aumentato i salari minimi dei corridori. Fanini inoltre nel suo piccolo combatte già questa battaglia. L'Amore&Vita è la più antica squadra di ciclismo in attività, e non ha mai avuto problemi di questo tipo. Se ci fosse bisogno di combattere non credo si tirerebbe indietro, e così Bufalino.

Parliamo della Radioshack invece, che non paga gli stipendi a 3 corridori. Questa è una cosa grave, che a certi livelli, squadre piene di soldi e sponsor facciano mobbing ed estromettano corridori. Concentriamoci su questo.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

La Sanremo non è andata come aveva sognato, ma Elia Viviani si mantiene ampiamente al comando della classifica dell'Oscar tuttoBICI Gran Premio Vittoria. Il veronoese della Deceuninck Quick Step, che domenica andrà a caccia di rivincite nella Gand-Wevelgem, conserva un...


  Una bici per Raisi. Ne avevamo scritto 15 mesi fa proprio qui, su Tuttobiciweb. Una bici da corsa per un ruandese di Kigali – Raisi, appunto – appassionatissimo di ciclismo, di identità imprecisa, di età misteriosa, povero e senza...


Alla vigilia della “Classicissima”, una delle gare più emozionanti e spettacolari del calendario internazionale, primo grande appuntamento nella stagione delle due ruote, la grande famiglia del ciclismo si è ritrovata a Milano per un’occasione speciale, una di quelle circostanze in...


  Ieri, lunedì 25 marzo 2019, si sono svolti a Rozzano, grosso centro attaccato a Milano, nella zona sud, i funerali di Mario Radaelli, 84 anni, milanese nato in zona piazzale Loreto, scomparso nel fine settimana dopo breve malattia. Persona...


Se sull’arrivo di via Roma abbiamo assistito alla vittoria in volata di un grandissimo Julian Alaphilippe su un gruppo di attaccanti, un epilogo analogo si è consumato sull’arrivo virtuale della prima prova del Cyclissime Game. Nei panni di Alaphilippe, Martino...


Riceviamo e pubblichiamo questo comunicato della società organizzatrice del Giro della Valle d'Aosta e della Young Cup Gentili società, è con rammarico che vi comunichiamo che la terza edizione della Young Cup in programma domenica 16 giugno non si farà....


''PEDALA... SICURO!'' Questo il titolo a doppio senso della rubrica di KOK srl New Time, centro multimediale con sede a Forli (FC) nel cuore dell’Emilia Romagna, struttura di produzione televisiva, cinematografica, service audio video d'eccellenza che si prefigge di diversificare...


  Si svolgerà, in occasione del 90° anniversario dalla sua fondazione, la Cerimonia inaugurale del XXXVI Congresso Nazionale della Federazione Medico Sportiva Italiana che verterà sul tema “Età biologica, età anagrafica”. La cerimonia inaugurale, che vedrà la partecipazione di più...


È cominciata bene lastagione per il Velo Club Mendrisio. I ragazzi del team manager Alfredo Maranesi e del direttore sportivo Dario Nicoletti si sono messi in bella evidenza anche domenica nella prima edizione del Gran Premio Ticino, gara nazionale di...


Uno splendido sole illuminava la pista intitolata ad Alfredo Martini a Donoratico (sede degli allenamenti dei giovanissimi) per la presentazione delle squadre dell’U.C. Donoratico per la stagione 2019. Dopo gli ottimi risultati dell’anno scorso, rinnovato il duplice accordo con le...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy