LUTTO. E' morto Enzo Coppini, il "Morino di Prato"

| 30/07/2011 | 11:31

PRATO.- Enzo Coppini “Il Morino di Prato” ci ha lasciati, aveva 91 anni. Ventidue vittorie, oltre 70 anni nel ciclismo vissuto in tutti i ruoli, da atleta, da direttore sportivo, da dirigente e da sponsor, conosciuto ed apprezzato da tutti. Ma raccontiamolo scusandosi se di lui, personaggio poliedrico, ci dimenticheremo qualcosa. Fino da giovanissimo la sua passione per la bicicletta, Enzo non amava la terra in modo profondo come il padre. Ebbe in regalo da una donna per la quale faceva la spesa la sua prima bici a cui mise subito il manubrio da corsa. La sua prima bici a 15 anni una “Gestri”, di li a poco la tessera per la Ciclistica Pratese 1927 e la prima vittoria nel ’36. Fu atleta di ottima taglia, burlone e ciarliero, estremamente generoso. Ha gareggiato dal 1935 al 1951; sedici anni durante i quali militò nelle diverse categorie, in Italia e all’estero. Per 16 anni fedele ai colori della Pratese, prima come “aspirante” (ottenne anche il titolo toscano) quindi allievo, dilettante e indipendente. Nella sua carriera illuminata da alcune splendide prodezze ha vinto 22 gare, disputando alcuni Giri d’Italia, la Rond de France nel 1946, quando s’impose un altro pratese d’eccellenza del ciclismo, Giulio Bresci, quindi il Tour de France del 1948 vinto da Gino Bartali. Di lui in quel periodo un grande del giornalismo Nino Oppio scriveva: “Un’atleta d’avvenire, questo giovane pratese che assomiglia stranamente a Bizzi per via dei riccioloni neri”. Protagonista nel ’49 al Giro di Algeria e nel 1950 di un episodio che merita di essere ricordato. Durante il Giro d’Italia al termine della tappa di Livorno, si dovette ritirare con le lacrime agli occhi essendo giunto in forte ritardo proprio a conclusione della tappa toscana. Cessata l’attività agonistica, mise in piedi una negozio di bici proprie e qualche anno dopo (dal 1958 al ’60) l’esperienza sull’ammiraglia accanto a una grande campione del pedale come Learco Guerra, suo carissimo amico. Coppini con lui provò emozioni intense, sensazioni vibranti e fece piangere anche l’amico durante una gara. “ E’ stato quando Gaul – ricordava Learco Guerra – nella tappa del Monte Bianco stava vincendo il Giro d’Italia. Enzo urlava e piangeva al tempo stesso in un modo tanto comunicativo che mi ha commosso fino alle estreme conseguenze”. Dopo quella esperienza entrò nell’ambiente del ciclismo amatoriale come sponsor a fianco della Mobilmoderna ottenendo due scudetti tricolori nel settore cicloturistico, svolgendo intensa attività organizzativa e poi l’impegno in tante iniziative sportive e non in seno alla Ciclistica Pratese 1927, società che amava. Non sarà stata una carriera eclatante e luminosa la sua, ma Enzo Coppini ha saputo offrire un’impronta marcata della sua personalità, della sua esuberanza, generosità, e grandissima passione.

                                ANTONIO MANNORI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Ancora Jakobsen, ancora Deceuninck Quick Step al successo sulle strade di Spagna. C'è la firma di GFabio Jakobsen sulla tappa conclusiva della Vuelta e per l'olandese si trata del secondo successo personale. Ben pilotato dai compagni di squadra, Jakobsen ha...


  È stato un momento molto emozionante per Norma Gimondi, presente oggi a Legnano per la presentazione della maglia della nazionale che per lei ha un sapore molto speciale: gli atleti infatti saranno accompagnati dalla celebre frase di Felice Gimondi...


Il Castello visconteo di Legnano ha fatto da teatro alla presentazione delle Nazionali Strada e Crono, uomini e donne (juniores, U23 ed élite) che parteciperanno alla rassegna iridata in programma dal 22 al 29 settembre nello Yorkshire (Gran Bretagna). Le...


Il campione italiano Gianmarco Garofoli ha vinto la 50sima edizione del Trofeo Buffoni internazionale per la categoria Juniores che si è disputato a Montignoso in provincia di Massa. Il portacolori del Team Lvf allo sprint ha regolato Elia Alessio (Giorgione),...


Affermazione di Giosuè Epis nel 52simo Trofeo Comune-Memorial Conti di Visano in provincia di Brescia. Il corridore juniores del team Aspiratori Otelli Vtfm Carin Nacanco si è aggiudicato la gara al termine di una volata a gruppo compatto in cui...


La sfortuna. È stata la sfortuna a segnare la Coppa Agostoni e la Coppa Bernocchi dell’Androni Giocattoli Sidermec. Ieri come oggi, oggi come ieri, con la mala sorte ad accanirsi contro i campioni d’Italia e i suoi capitani designati di...


Vittoria da finissuer per Manuel Tarozzi (InEmiliaRomagna) che anticipa la volata del gruppo e conquista la 39sima edizione del Piccolo Giro dell'Emilia-Gran Premio Shopville Granreno che si è disputato a Casalecchio di Reno, nel Bolognese. Il vincitore ha preceduto di...


  C’è molta rabbia sul volto di Niccolò Bonifazio che taglia il traguardo della Coppa Bernocchi visibilmente provato per la caduta in cui è stato coinvolto a 600 metri dal traguardo e deluso per il risultato mancato. «Non si può...


Lo svizzero Stefan Küng, portacolori della Groupama-FDJ, ha vinto per distacco la 34e edizione del Tour du Doubs. Suul traguardo di Pontarlier, Kung ha preceduto Franck Bonnamour (Arkéa-Samsic) e Guillaume Martin (Wanty-Gobert Cycling Team).   ORDINE D'ARRIVO 1 Stefan Küng...


Festa Alè Cipollini sulle strade della Vuelta di Spagna. Chloe Hosking centra il bersaglio nella seconda tappa della WNT Madrid Challenge by la Vuelta (ieri si è svolta la crono, ndr) del World Tour femminile. L'australiana vince lo sprint finale...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy