SARANNO OTTO GLI ITALIANI AL TOUR, UNO IN PIU' DELLO SCORSO ANNO

TOUR DE FRANCE | 25/06/2024 | 14:32
di Paolo Broggi

Saranno otto i corridori italiani che da sabato vedremo impegnati sulle strade del Tour de France. Tanti quanti nel 2021, uno in più del 2023 che resta l'anno del minimo storico.


Il più atteso è sicuramente Alberto Bettiol: il neocampione italiano corre sulle strade di casa, sta vivendo finalmente una stagione con continuità ad alto livello ed è uno dei battitori liberi della EF Education Easypost, quindi potrà andare a caccia di tappe.


Un successo di tappa è l'obiettivo anche per Giulio Ciccone: l'abruzzese della Lidl Trek, costretto ancora una volta a saltare il Giro d'Italia, ha messo in mostra una bella condizione al Delfinato, anche se poi ha dovuto fare i conti con altri piccoli guai fisici.

Due elementi sono schierati dalla Astana Qazaqstan: si tratta di Michele Gazzoli, che farà parte del treno di Mark Cavendish, e di Davide Ballerini che, oltre che a lavorare per il velocista britannico, proverà sicuramente ad entrare in qualche bella zione.

Compito simile a quello di Ballerini per Luca Mozzato nella Arkea B&B Hotels: il veronese si metterà al servizio di Arnaud Demare nelle volate ma avrà la possibilità di giocarsi le sue carte in determinate giornate.

Gianni Moscon fa invece parte della "guardia" di Remco Evenepoel nella Soudal Quick Step e sarà tra gli uomini chiamati a lavorare per il capitano soprattutto nelle fasi iniziali di ogni frazione.

Praticamente quando Moscon terminerà il suo lavoro inizierà quello di Matteo Sobrero al servizio di Primoz Roglic: il piemontese avrà il compito di restare il più vicino possibile al capitano della Red Bull Bora Hansgrohe.

Infine c'è Davide Formolo della Movistar che sarà uno degli uomini di fiducia di Enric Mas ma avrà certamente occasione di puntare al bersaglio grosso.

COSI' NELL'ULTIMO DECENNIO

Vediamo come si è evoluto il numero dei corridori italiani al via della Grande Boucle negli ultimi dieci anni. Nel 2014 (l'anno dell'ultimo trionfo tricolore, firmato da Vincenzo Nibali) sono stati 17, uno in meno nel 2015, 12 nel 2016 e 18 nel 2017, ultimo anno nel quale le squadre hanno potuto schierare nove corridori ciascuna.

Dal 2018 otto corridori per le 22 squadre al via (con una riduzione che ha portato da 198 a 176 i partenti in un grande giro) e quindi 13 italiani al via, 14 nel 2019 (anno dell'ultima vittoria di tappa italiana, firmata sempre da Vincenzo Nibali), 14 nel 2020, 8 nel 2021, 14 nel 2022 e 7 lo scorso anno.

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Ben ben
25 giugno 2024 15:44 TonyBurighel
Orco can, meno male, addirittura uno in più rispetto all'anno scorso, forse fra 15 anni riusciamo a tirar su una squadra

TonyBurighel
25 giugno 2024 17:22 Bicio2702
Quando nascerà un Pogacar italiano, al Tour di corridori italiani ci possono andare anche in 5...

Bicio
25 giugno 2024 18:56 TonyBurighel
Si, quindi sempre una quindicina d'anni circa

Giusto così
26 giugno 2024 01:47 ivangms
É giusto così, il ciclismo italiano è questo. Quando scomparirà (credo entro 5-8 anni) la generazione degli attuali pseudo DS finalmente ci andremo ad allineare ad un modo di preparare i giovani al ciclismo diverso. Pellizzari fosse nato all’estero sarebbe già più forte di quello che è adesso.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Tadej POGACAR. 10. “Gna fà”, non ce la fa a regalar tappe. È un agonista e come tale si comporta. Non è qui per fare le pierre, è qui per vincere il Tour de France, a viso aperto. I saggi...


Ancora una volta UAE Development Team conquista una Top 5 e ancora una volta la velocista Sara Fiorin ha ottenuto un buon risultato. Dopo il terzo posto conquistato nella seconda tappa del Baloise Ladies Tour oggi è andata in scena...


In questo Tour de France non ce n'è per nessuno, anche sulle Alpi Marittime Tadej Pogacar (UAE) va a prendersi il suo trionfo vincendo l'ennesimo duello di questa edizione con Jonas Vingegaard (Visma Lease a Bike). A completare il podio della...


Dopo 17 anni è tornato il ciclismo dilettanti sul circuito collinare empolese di Corniola ed al termine di una gara selettiva con soli 23 arrivati sui 94 partenti, è stato il valdarnese di Incisa Matteo Regnanti ad aggiudicarsi il Gran...


La legge della salita è una sola: chi ha le gambe vince. E questa è anche la legge di Jarno Widar (Lotto Dstny Development) che a Champoluc si prende tappa e maglia gialla di leader. Il belga, già vincitore del...


Doppio colpo per Erazem Valjavec al Giro del Veneto juniores. Il figlio d'arte della Autozai Contri trionfa nell'arrivo in salita a Passo Croce d'Aune dove lo sloveno si scatena rifilando 40" ad Andrea Bessega (Borgo Molino Vigna Fiorita) e 43"...


Questa settimana Radiocorsa va in onda oggi, sabato 20 luglio, alle 18 su Raisport. Per celebrare due donne, due cicliste, che hanno fatto grande il movimento azzurro negli ultimi tempi. La piemontese Elisa Longo Borghini, con la sua vittoria al...


Era un pistard e con la maglia gialloblu della nazionale ucraina aveva partecipato a diverse edizioni dei campionati europei stabilendo anche dei record nazionali nel km da fermo e nella velocità a squadre. Andreyi Kutsenko aveva studiato all'università di Leopoli,...


Le lacrime e il lungo abbraccio con la moglie Trine: questa è l’immagine di Jonas Vingegaard dopo il traguardo a Isola 2000. Il danese che il Tour lo ha vinto già due volte, nella diciannovesima tappa si è arreso, ammettendo...


Qualcuno lo ha definito il nuovo Cannibale, perché non ha lasciato vittorie a nessuno. Lo sloveno domenica a Nizza salirà sul podio del vincitore e per lui questo sarà il terzo successo finale al Tour de France. «Quando Simon Yates,...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi