LUCCA. GIANFRANCO BATTAGLIA, UNA VITA TRA LE DUE RUOTE E QUEL SOGNO TRICOLORE CHE...

INTERVISTA | 19/04/2024 | 08:04
di Stefano Fiori

Gianfranco Battaglia ha 82 anni e qualcuno crederebbe che, dopo il tanto tempo trascorso nel mondo del ciclismo, ora potrebbe godersi la meritata pensione e i bellissimi nipoti. Invece no, il richiamo della foresta, anzi... dello sport ciclistico è tuttora fortissimo e Battaglia senior continua a dedicarsi al ciclismo sotto varie forme, come ad esempio l'organizzazione – insieme al figlio Angelo presidente dell'ormai storica Unione Ciclistica Lucchese - del prestigioso Trofeo Città di Lucca nazionale per dilettanti, che il prossimo 29 settembre celebrerà la 53a edizione, unitamente al ricordo di Giacomo Puccini che fu un ciclista ante litteram. Nulla di meglio che fare una chiacchierata con questo grande personaggio dello sport lucchese, originario della frazione di Fagnano.


Ci riassume i suoi trascorsi nel ciclismo?


«Ho vissuto per 55 anni in questo sport che continuo ad amare, a partire dal 1969. Per 31 anni ho svolto la mansione di Giudice Nazionale e per 20 anni quella di presidente del comitato provinciale FCI di Lucca, con all'attivo 48 gare organizzate. Di recente il C.O.N.I. mi ha conferito la Stella d'Argento, mentre la Stella di Bronzo è andata all'UC Lucchese. Ho tre figli Mario, Serena e Angelo, insieme al quale mi occupo tuttora dell'organizzazione di gare».

- I ricordi più belli della sua carriera di Giudice a livello nazionale?

«Risalgono a quando ho iniziato ad essere incaricato dei servizi in gare importanti. Cominciai con la Tre Valli Varesine, poi ho preso parte a tappe al Giro d'Italia, alla Tirreno-Adriatico, a Classiche e campionati italiani su pista, su strada come quello vinto da Saronni ad Arezzo e il campionato mondiale Juniores 2013 a Firenze».

Mai tifato per nessuno dei campioni?

«Coppi è stato il mio prediletto, ma ricordo con nostalgia l'era della rivalità tra Moser, un generoso, e lo scaltro Saronni, un periodo che fece molto bene alla popolarità del ciclismo».

Moser ha vinto le due ultime tappe a cronometro del Giro d'Italia disputate a Lucca e quest'anno il Giro torna nella nostra città, cosa ne dice?

«Un ritorno che fa piacere, ma il percorso della tappa di quest'anno non mi sembra troppo impegnativo, si era addirittura ipotizzato di organizzare una tappa a cronometro tra Torre del Lago e Lucca, ma la RCS non ha gradito la proposta».

E' vero che avevate il progetto di organizzare il campionato italiano Professionisti a Lucca?

«Sì, quando nel 2022 abbiamo rilevato la guida dell'UC Lucchese, io e Angelo ci siamo dati un programma triennale per tentare di allestire il tricolore professionisti. Avevamo già il consenso del Comune di Lucca, ma dopo le elezioni gli amministratori sono cambiati e al campionato italiano si è preferita la tappa del Giro. E dire che, con il certo supporto della Fondazione Puccini, e con lo stesso importo necessario per avere una tappa del Giro, si sarebbe potuto allestire agevolmente la settimana tricolore a Lucca, con tutte le categorie ciclistiche partrecipanti».

In definitiva il 53°Trofeo Città di Lucca del 29 settembre è il vostro fiore all'occhiello?

«Certamente, l'UC Lucchese ha compiuto 80 anni e questa gara è la più importante della nostra provincia. Io sono il responsabile organizzativo e a gennaio avevamo già l'adesione di una decina di squadre di altre regioni. Poi, quale altra gara può permettersi un arrivo così bello e spettacolare sulle mura urbane di Lucca? Inoltre faremo sosta e partenza da piazza Cittadella, davanti alla statua di Giacomo Puccini. Intanto confermo che per l'anno prossimo abbiamo richiesto l'organizzazione del campionato italiano Elite e Under 23 : siamo soltanto due società in lizza e perciò abbiamo ottime probabilità di ottenerlo».

Com'è la salute del ciclismo lucchese?

«Pessima. Purtroppo c'è ben poco da stare allegri, solo nel capannorese sta nascendo qualcosa di positivo. Allo stesso tempo abbiamo troppi Amatori, una categoria molto autoreferenziale e che non porta giovani al ciclismo. A livello atletico speriamo che Edoardo Cipollini cresca ancora, mentre la Gragnano di Carlo Palandri va ammirata per impegno e risultati ottenuti».

In definitiva la situazione è brutta: latitano sponsor, soldi e giovani che scelgano il ciclismo.

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Lorena Wiebes (Team SD Worx - Protime) ha letteralmente dominato l'UCI Women's WorldTour 2024 Ford RideLondon Classique vincendo oggi la terza e ultima tappa della corsa a Londra per completare una tripletta di vittorie nell'evento di quest'anno, oltre alla...


Tim Merlier pareggia il conto con Jonathan Milan e vince la sua terza tappa in questo Giro d'Italia 2024. Ma dietro questa volata c'è davvero una storia da raccontare. Perché proprio all'ultimo passaggio sotto il traguardo il friulano in maglia...


Non si è fatto male nessuno e questa è la buona notizia. Perché quanto accaduto a 115 km dalla conclusione della Rund um Köln avrebbe potuto avere conseguenze molto serie. Perché nessuno dei corridori in fuga poteva mai immaginarsi che...


Sembra incredibile ma anche un uomo di sport navigato ed esperto può lasciarsi trascinare dalla passione per Pogacar e il Giro d'Italia e commettere un errore. Quello che per tutti i telespettatori era solo un signore dai capelli bianchi che...


Sprint superbo di Francesco Della Lunga nel Trofeo città di Castelfidardo seconda prova della internazionale Due Giorni Marchigiana per elite e under 23. Il toscano della Hopplà Petroli Firenze Don Camillo vince bene superando nettamente Attilio Viviani della Corratec Vini...


Alberto Bettiol (EF Education EasyPost) ha vinto la 49sima edizione della Boucles de la Mayenne-Crédit Mutuel che oggi si è conclusa con il successo del francese Valentin Retailleau (Decathlon AG2R La Mondiale) nella terza tappa di Laval dove ha preceduto...


Nel quarto Memorial Maurizio Bresci gara denominata anche “Piccola Liegi” per l’amore e la passione che aveva questo giovane pratese prematuramente scomparso, appassionato di ciclismo per le classiche monumento che si corrono in primavera nel nord-Europa, ha vinto il più...


Volata vincente di Juan David Sierra nella terza e ultima tappa del Tour de la Mirabelle in Francia. Il giovane milanese della Tudor Pro Cycling U23 allo sprint ha regolato il gruppo compatto a Damelevières dove si è conclusa la...


Parla olandese la Rund um Köln grazie alla volata dominata da Casper Van Uden del Team dsm-firmenich PostNL che ha pèreceduto nell'ordine l'eritreo Biniam Girmay (Intermarché-Wanty) e il belga Louis Blouwe (Bingoal WB). Per Van Uden si tratta del secondo...


Una maglia con le maniche rosa per i corridori, per lo staff, per tutta la grande famiglia della UAE Team Emirates. I compagni di squadra di Tadej Pogacar si sono presentati al via della tappa conclusiva della corsa con una...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi