LA SPEZIA. IVAN CERIOLI PRESENTA IL SUO LIBRO E INVITA AD APRIRE IL CUORE

NEWS | 22/09/2023 | 08:04

Un'occasione speciale per incontrre un veccho amico, parlare di ciclismo e mettersi a disposizione di chi soffre. Sabato 23 Settembre alle ore 16,00 nei locali del Museo Nazionale del Ciclismo "A. Cuffini" a La Spezia, l'ex professionista Ivan Cerioli presenta il libro "Ho fatto il Tour". Coordina e modera Roberto Checchi.


Cerioli, nato a Codogno (Lo), il 26 gennaio del 1971, è stato a più riprese Campione Italiano su pista nelle categorie giovanili, conquistando una medaglia di bronzo mondiale nell’inseguimento a squadre nel 1989 ed il quarto posto nella medesima specialità ai Giochi Olimpici di Barcellona 1992.


I 25 successi tra i dilettanti gli permettono di passare professionista nel 1995 con la Gewiss di Evgenij Berzin. Ben presto però, la nuova dimensione si rivela un mondo ricco di contrasti, tra importanti esperienze di sport e di vita (come la partecipazione al Tour de France) e momenti più complicati dal punto di vista umano.

Cerioli abbandona il professionismo nel 1998 e stacca la spina e decide di abbandonare per sempre l’ambiente, saturo e, forse, profondamente deluso. Per tre anni non tocca più la bicicletta. Piano piano si fa strada l’idea di aiutare gli altri grazie al suo vecchio Amore. Il ciclismo di Cerioli, fatto di lealtà e amicizia, riparte dalle fondamenta al fianco dei più piccoli.

Nel 2009 nasce così la società Sport Frog Senna, seguita dalla scuola ciclismo Km 0, un progetto dedicato ai bambini dai 5 ai 12 anni con oltre 200 ragazzini messi in sella con un approccio ludico ed educativo che muove dall’obiettivo di Cerioli: educare il cittadino del futuro attraverso quel meraviglioso oggetto chiamato bicicletta.

“È il 1996 - dice Ivan Cerioli - e sulle strade di Francia vesto la maglia della mitica Gewiss-Playbus. Quando, il 21 luglio, da Place de la Concorde svolto a destra davanti ho i Campi Elisi: “Ho fatto il Tour” - conclude Cerioli- E poco importa la classifica (121° a 3h07’50” da Bjarne Riis , ndr).” Ivan ci è riuscito, lì, tra pochi eletti.

E queste parole, figlie di un desiderio agognato, diventano realtà e titolo della biografia scritta a quattro mani con Fabio Guerini. L’opera muove i suoi primi passi nel marzo del 2020 durante i giorni della Pandemia e della prima “Zona Rossa” d’Italia: la provincia di Lodi. Una pubblicazione che intende essere un inno alla rinascita, al ritorno ai veri valori della vita, dello sport e della salute e è un libro ricco di speranza dedicato ai più giovani. Un monito per affrontare la vita futura. Senza dimenticare i genitori, garanti della crescita sportiva e umana dei loro figli senza forzature né pressioni.

Il ricavato del libro sarà devoluto all’associazione “Il sorriso di Tommy”, associazione nata per ricordare il piccolo Tommaso. I proventi verranno utilizzati per avviare un progetto di formazione in cure palliative pediatriche presso il reparto di oncoematologia pediatrica dell’Ospedale Policlinico San Matteo di Pavia in collaborazione con Soleterre Onlus
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Tadej POGACAR. 10. “Gna fà”, non ce la fa a regalar tappe. È un agonista e come tale si comporta. Non è qui per fare le pierre, è qui per vincere il Tour de France, a viso aperto. I saggi...


Ancora una volta UAE Development Team conquista una Top 5 e ancora una volta la velocista Sara Fiorin ha ottenuto un buon risultato. Dopo il terzo posto conquistato nella seconda tappa del Baloise Ladies Tour oggi è andata in scena...


In questo Tour de France non ce n'è per nessuno, anche sulle Alpi Marittime Tadej Pogacar (UAE) va a prendersi il suo trionfo vincendo l'ennesimo duello di questa edizione con Jonas Vingegaard (Visma Lease a Bike). A completare il podio della...


Dopo 17 anni è tornato il ciclismo dilettanti sul circuito collinare empolese di Corniola ed al termine di una gara selettiva con soli 23 arrivati sui 94 partenti, è stato il valdarnese di Incisa Matteo Regnanti ad aggiudicarsi il Gran...


La legge della salita è una sola: chi ha le gambe vince. E questa è anche la legge di Jarno Widar (Lotto Dstny Development) che a Champoluc si prende tappa e maglia gialla di leader. Il belga, già vincitore del...


Doppio colpo per Erazem Valjavec al Giro del Veneto juniores. Il figlio d'arte della Autozai Contri trionfa nell'arrivo in salita a Passo Croce d'Aune dove lo sloveno si scatena rifilando 40" ad Andrea Bessega (Borgo Molino Vigna Fiorita) e 43"...


Questa settimana Radiocorsa va in onda oggi, sabato 20 luglio, alle 18 su Raisport. Per celebrare due donne, due cicliste, che hanno fatto grande il movimento azzurro negli ultimi tempi. La piemontese Elisa Longo Borghini, con la sua vittoria al...


Era un pistard e con la maglia gialloblu della nazionale ucraina aveva partecipato a diverse edizioni dei campionati europei stabilendo anche dei record nazionali nel km da fermo e nella velocità a squadre. Andreyi Kutsenko aveva studiato all'università di Leopoli,...


Le lacrime e il lungo abbraccio con la moglie Trine: questa è l’immagine di Jonas Vingegaard dopo il traguardo a Isola 2000. Il danese che il Tour lo ha vinto già due volte, nella diciannovesima tappa si è arreso, ammettendo...


Qualcuno lo ha definito il nuovo Cannibale, perché non ha lasciato vittorie a nessuno. Lo sloveno domenica a Nizza salirà sul podio del vincitore e per lui questo sarà il terzo successo finale al Tour de France. «Quando Simon Yates,...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi