ACCPI. SALVATO: «CICLISMO PIÚ PULITO CHE MAI, NO ALLE INQUISIZIONI»

PROFESSIONISTI | 05/07/2022 | 14:55

L’Associazione Corridori Ciclisti Professionisti Italiani esprime la propria disapprovazione sulla perquisizione che è stata messa in atto dalla polizia nei confronti di una squadra impegnata al Tour de France alla viglia della Grande Boucle.


A un anno di distanza da una vicenda analoga, che non ha portato alla luce nessun reato, le dimore di corridori attualmente in attività e non sono state perlustrate dagli agenti, beni personali come computer e tablet sequestrati (per la seconda volta), creando un clamore che non rispetta i diritti delle persone coinvolte e non fa bene alle indagini.


«Non approviamo metodi, tempi e spettacolarizzazione della vicenda di cui abbiamo letto su tutti i giornali e sentito i racconti dai nostri ragazzi. Per essere fruttuosa un’inchiesta dovrebbe svolgersi con riserbo e in tutto l’anno non ad orologeria nei giorni del Tour. Rispettiamo tutte le procedure ma desideriamo che queste non diventino uno spettacolo sempre la settimana prima del momento più atteso dell’anno» commenta Cristian Salvato, presidente ACCPI.

«Non contestiamo la volontà di combattere il doping con ogni mezzo, anzi vorrei ricordare che i corridori sono gli unici atleti al mondo che investono una percentuale dei loro premi per la lotta al doping e che con l’Adams accettano di limitare la propria privacy e quella delle loro famiglie pur di garantire i controlli a sorpresa. Non possiamo accettare che vengano trattati così – continua Salvato. – Vorrei sottolineare il silenzio e la solitudine nei quali sono stati lasciati questi ragazzi e il loro team da parte di tutte le istituzioni, nessuno ha detto o fatto nulla. Il brutto del passato è passato, oggi il ciclismo è bello ed è pulito. Se qualcuno facesse il cretino verrebbe trovato sicuramente e ci sono tutte le sanzioni per estrometterlo dal movimento. C’è un filone che parla di fake news che sono state girate a personaggi che hanno brama di trovare dello sporco nel ciclismo che tanto hanno fatto per far cadere la stessa polizia in una trappola, ma di questo credo ne sentiremo parlare nei prossimi giorni. Finiamola con questi metodi barbari e con questa caccia alle streghe».

comunicato stampa ACCPI

Copyright © TBW
COMMENTI
Non concordo
5 luglio 2022 16:29 Àaaaaaa
Caro Salvato, un'operazione congiunta dell'Europol non nasce per caso. Sarebbe meglio attendere gli esiti, e nel caso siano stati rilevate delle procedure non in linea con la legge, fare causa.

Concordo al 100%
5 luglio 2022 17:48 Farnese
Si indaghi finchè si vuole ma, ogni violazione della più assoluta riservatezza, fa perdere di credibilità ogni indagine e fa male al ciclismo.

Salvato
5 luglio 2022 17:57 Anbronte
Ma per il caso Gazprom vi siete messi in punta di piedi, dovevate fare ben altro, magari processi, visto che a un bel po' di persone è stato proibito di lavorare . I sindacati come al solito badano solo alla loro poltroncina. Lei però il posto lo ha mantenuto.

@ Farnese
5 luglio 2022 18:29 Àaaaaaa
Ma secondo te, l'Europol fa le cose cosi a caso, o si muove seguendo regole ed ordini precisi ? Mi sembra assurdo, appellarsi sempre all'etica e alla riservatezza. Si lasci fare il lavoro anche a loro, poi ne riparliamo.

Europol strabica?
5 luglio 2022 18:35 marco1970
Dato che è acclarato che non c'è sport indenne dal doping, fa sensazione che l'Europol metta in atto operazioni spettacolari soltanto nei riguardi del ciclismo,agendo in modo persecutorio contro atleti già assoggettati a protocolli molto rigidi da parte dell'UCI. Ci sarà un giorno in cui tutti gli sport saranno regolamentati da uguali normative antidoping?

Certezza dei risultati
5 luglio 2022 21:29 Bullet
Con queste parole dichiara per certo che il doping non esiste più e i controlli fatti sono inutili al punto di dire che si tratta di caccia alle streghe. Ma se si inizia a dire che i controlli non servono come si fa a garantire l'immagine di uno sport che si professa pulito, solo con le parole? Mah...

Chi è senza peccato scagli la prima pietra
5 luglio 2022 23:42 marco1970
Sembra che le streghe siano solo nel ciclismo e pertanto i corridori vadano pure al rogo. Purtroppo ,nell'immaginario collettivo,essendo i riflettori tutti puntati sui casi emersi nel ciclismo,il corridore è un dopato da emarginare.Infatti,nessun corridore fa il testimonial pubblicitario al contrario di atleti di altre discipline.Abbiamo campioni di atletica in pubblicità (tanti atleti sono risultati positivi) ne abbiamo di campioni di nuoto (qualcuno che ha avuto condanne e poi proscioglimento) e cosi via.Allora dico che bisogna battersi per reswtituire dignità e rispetto ai corridori ciclisti.

@ marco1970
6 luglio 2022 12:49 Albertone
E continuamo con il vittimismo, ale' ! Al posto di recitare un mea culpa, ci si nasconde sempre dietro a ' ma negli altri sport e' uguale ' oppure ' solo nel ciclismo si cerca '. Tipica mentalita' di chi non vuole cercare di migliorare la situazione.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il quartetto maschile - con il campione olimpico Francesco Lamon, il campione mondiale Liam Bertazzo e i giovani Davide Plebani e Manlio Moro - ha iniziato il torneo dell'inseguimento a squadre con il tempo di 3:55.920, che vale la terza...


Marianne Vos non si ferma più e sul traguardo Sarpsborg cala il tris al  Tour of Scandinavia 2022. La super-campionessa della Jumbo Visma, vestita con la maglia di leader della corsa, con una volata potente e sicura ha anticipato Cecilie Uttrup...


Pioggia, vento e temperature autunnali hanno caratterizzato la prima tappa della Arctic Race of Norway disputata oggi con partenza ed arrivo a Mo i Rana. Al termine dei 186 chilometri in programma a vincere è stato Axel Zingle, 23enne francese...


Successo del polacco Maciej Paterski nella terza tappa del Tour of Szeklerland (Romania) da Miercurea Ciuc a Sfântu Gheorghe di 117 chilometri. Il corridore della Voster ATS Team ha preceduto Nicolas Dalla Valle, della Giotti Victoria Savini Due, e Francesco...


La scelta della Movistar di rinunciare al Giro del Portogallo per disputare Tour de l'Ain e Arctic Race ha pagato: Antonio Pedrero ha infatti vinto oggi per distacco la terza e ultima tappa del Tour de l'Ain. Lo spagnolo ha...


Galvanizzato dalla notizia che sarà stagista della squadra World Tour BikeExchange Jayco, Anders Foldager si è aggiudicato la 39sima edizione del Gran Premio Sportivi di Briga Novarese classica nazionale degli elite e under 23 che oggi si è svolta sulle...


L'Union Cycliste Internationale (UCI) comunica che il corridore italiano Michele Gazzoli è stato sanzionato con una squalifica di un anno per violazione non intenzionale del regolamento antidoping (ADRV). La questione nasce a seguito di un Adverse Analytical Finding (AAF)...


Anche la Vuelta ha deciso di applicare lo stesso protocollo Covid utilizzato al Tour de France. La notizia è stata data dall’UCI, che ha fatto presente quali saranno le regole Covid, applicate alla corsa spagnola che partirà da Utrecht, in...


L’UAE Team Emirates continua nell’opera di rafforzamento della propria rosa ingaggiando Domen Novak a partire dal 2023. Il ventisettenne originario di Dolenja Vas (Slovenia) si unisce ad altri corridori che vestiranno dalla prossima stagione la maglia della squadra emiratina, ovvero...


Il Team DSM continua il suo lavoro di scouting in campo femminile e ingaggia Eleonora Ciabocco, Maeve Plouffe ed Eglantine Rayer che firmano con la squadra fino alla stagione 2024. Proveniente dall'Italia, Ciabocco ha avuto una breve ma fortunata stagione...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach