OLIMPIADI TOKYO 2020. CLAMOROSA SORPRESA, TRIONFA KIESENHOFER, BRONZO LONGO BORGHINI! 8° CAVALLI. GLI HIGHLIGHTS

TOKYO 2020 | 25/07/2021 | 10:15
di Luca Galimberti

Una corsa per l'oro, una corsa in fuga, una corsa incredibile. Anna Kiesenhofer, austriaca classe 1991, vive il giorno più bello della sua carriera e conquista l'oro olimpico al termine di una corsa davvero particolare.


Il primo attacco - portato in partenza da Omer Shapira (Israele), Vera Looser (Namibia), Anna Kiesenhofer (Austria), Carla Hoberholzer (Sud Africa) e Anna Plichta (Polonia) - ha deciso la corsa. Subito un grande vantaggio per loro con in prima battuta il tandem Mosana Debesay (Eritrea) e Selam Amha (Etiopia) ad inseguire  poi "sostituito" dalla coppia Soto Campos (Cile) e Espinola (Paraguay). 


Intanto, nel gruppo principale, tutte correvano contro l'Olanda e l'Olanda correva contro tutte in una gara praticamente bloccata in cui nessuna delle Nazionali favorite ha mai preso l'iniziativa. Ad una cinquantina di chilometri dal traguardo dal gruppo è fuggita Annemiek Van Vleuten che è rimasta alla caccia delle battistrada per diversi chilometri senza però mai riuscire a raggiungerle.  Una decina di chilometri decide di scattare l'austriaca Anna Kiesenhofer, che inizia la sua cavalcata solitaria verso lo storico oro; non riescono a rimanerle a ruota Omer Shapira (Israele)  Anna Plichta (Polonia)

Il gruppo sonnecchia ancora, solo a 17  chilometri dal traguardo, dopo l'attacco di Juliette Labous (Francia), le ragazze dei Paesi Bassi decino di porsi con convinzione a fare l'andatura raggiungendo solo 5 chilometri dal traguardo  e Shapira e  Plichta a cui vanno gli applausi per essere state protagoniste della lunga azione che ha caratterizzato la corsa olimpica.

In contropiede scatta Annemiek Van Vleuten, poco dopo accelera anche Elisa Longo Borghini in una caccia alle medaglie. E' troppo tardi per riprendere Anna Kiesenhofer che festeggia incredula la vittoria.

Incredula è anche Van Vleuten che, sbagliando, sul traguardo alza le braccia come se avesse vinto l'oro ma si deve accontentare della medaglia d'argento; terzo posto e bis di bronzo dopo Rio 2016 per la nostra Elisa Longo Borghini che porta  così alla Nazionale italiana la prima medaglia di queste olimpiadi nel ciclismo. Soddisfazione anche per l'ottavo posto di Marta Cavalli.

per rileggere la diretta dell'intera corsa CLICCA QUI

ORDINE D'ARRIVO

1 48 KIESENHOFER Anna AUT 3:52:45 +0
2 2 van VLEUTEN Annemiek NED 3:54:00 +1:15
3 7 LONGO BORGHINI Elisa ITA 3:54:14 +1:29
4 20 KOPECKY Lotte BEL 3:54:24 +1:39
5 4 VOS Marianne NED 3:54:31 +1:46
6 11 BRENNAUER Lisa GER " "
7 28 RIVERA Coryn USA " "
8 6 CAVALLI Marta ITA " "
9 57 ZABELINSKAYA Olga UZB " "
10 10 LUDWIG Cecilie Uttrup DEN " "
11 22 DEIGNAN Elizabeth GBR " "
12 33 GARCIA CANELLAS Margarita Victo ESP " "
13 31 MOOLMAN-PASIO Ashleigh RSA " "
14 25 NIEWIADOMA Katarzyna POL " "
15 1 van der BREGGEN Anna NED " "
16 43 CANUEL Karol-Ann CAN 3:55:05 +2:20
17 50 AMIALIUSIK Alena BLR " "
18 24 LACH Marta POL 3:55:13 +2:28
19 40 BUJAK Eugenia SLO " "
20 41 MAJERUS Christine LUX " "
21 64 YONAMINE Eri JPN " "
22 49 PATINO BEDOYA Paula Andrea COL 3:55:15 +2:30
23 12 LIPPERT Liane GER 3:55:17 +2:32
24 54 SHAPIRA Omer ISR 3:55:23 +2:38
25 3 VOLLERING Demi NED 3:55:41 +2:56
26 16 CROMWELL Tiffany AUS " "
27 26 PLICHTA Anna POL 3:55:58 +3:13
28 34 SANTESTEBAN GONZALEZ Ane ESP 3:56:04 +3:19
29 29 THOMAS Leah USA 3:56:07 +3:22
30 36 LABOUS Juliette FRA " "
31 27 DYGERT Chloe USA 3:58:51 +6:06
32 44 JACKSON Alison CAN 3:59:47 +7:02
33 52 NEUMANOVA Tereza CZE " "
34 56 SIERRA CANADILLA Arlenis CUB " "
35 47 LELEIVYTE Rasa LTU " "
36 45 KIRCHMANN Leah CAN " "
37 37 AALERUD Katrine NOR 3:59:52 +7:07
38 67 NA Ahreum KOR 4:01:08 +8:23
39 39 DRONOVA Tamara ROC " "
40 17 GIGANTE Sarah AUS " "
41 13 LUDWIG Hannah GER " "
42 21 van de VELDE Julie BEL " "
43 63 KANEKO Hiromi JPN " "
44 5 BASTIANELLI Marta ITA 4:02:16 +9:31
45 30 WINDER Ruth USA " "
46 35 REUSSER Marlen SUI " "
47 15 BROWN Grace AUS " "
48 8 PALADIN Soraya ITA 4:08:40 +15:55

9 JOERGENSEN Emma Cecilie DEN DNF
19 DEMEY Valerie BEL DNF
38 BORGLI Stine NOR DNF
66 CAMPBELL Teniel TTO DNF
62 CHRISTOFOROU Antri CYP DNF
61 SUN Jiajun CHN DNF
53 ESPINOLA SALINAS Agua Marina PAR DNF
18 SPRATT Amanda AUS DNF
14 WORRACK Trixi GER DNF
23 SHACKLEY Anna GBR DNF
32 OBERHOLZER Carla RSA DNF
42 KONONENKO Valeriya UKR DNF
46 MANEEPHAN Jutatip THA DNF
51 LOOSER Vera NAM DNF
55 SALAZAR VAZQUEZ Lizbeth Yareli MEX DNF
58 AMHA Selam ETH DNF
59 DEBESAY Mosana ERI DNF
60 VARGAS BARRIENTOS Maria Jose CRC DNF
65 SOTO CAMPOS Catalina Anais CHI DNF

 
Copyright © TBW
COMMENTI
Spettacolare
25 luglio 2021 10:43 noel
gara di Anna Kiesenhofer, che vince meritatamente, poi la cigliegina di Elisa...

Come Magni
25 luglio 2021 10:44 aaaaa
Elisa Longo Borghini ha un valore nel ciclismo italiano pari a quello degli storici corridori di un tempo

Elisa Longo Borghini
25 luglio 2021 11:24 fransoli
un nome una garanzia... bravvissima, peccato che le manchi quel qualcosina per arrivare al successo, che meriterebbe... scusate l'antisportività ma a vedere la Van Vleuten festeggiare e poi rimanere di sasso quando ha saputo di non aver vinto un pochino ho goduto.. datemi pure del rosicone

meravigliosa elisa
25 luglio 2021 18:34 kristi
grandissima , non si arrende mai , neppure davanti a queste olandesi che dopo la Longo dominano la scena mondiale da un decennio , grande grande grande. e poi a parte la godutina condivisibile (siamo pur sempre italiani) per l errore della van vleuten ...ma che bello è , che diverso tipo di tattica di gara costringe l assenza delle radio . bella corsa coronato dall oro di chi davvero ha reso onore a tutti quei ragazzi che nei GT vengono da alcuni derisi perche si buttano nelle fughe "impossibili" dal primo km ... evviva il ciclismo evviva chi ha il coraggio di sognare

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La Movistar è la storia del ciclismo moderno. Può sembrare un'affermazione forte, ma diventa lampante se pensiamo che questa squadra, quattro decenni e altrettanti nomi fa, è nata nel 1980. E c'è un uomo che, prima come direttore sportivo e...


Inizia l’ultima settimana del Giro d’Italia 2024 dopo la giornata di riposo della carovana a Livigno, con il suo abitato che si sviluppa in lunghezza parallelo all’andamento delle cime che lo contornano. il “piccolo Tibet”, così detto per l’elevata quota...


Seconda vittoria italiana al Tour of Japan 2024 e bis per il JCL Team UKYO: dopo il successo di Malucelli, oggi è arrivata l’affermazione di Giovanni Carboni. Nella tappa con partenza ed arrivo ad Inabe, il 28enne ciclista marchigiano ha...


Dopo lo straordinario spettacolo che ci ha regalato Tadej Pogacar nella tappa di domenica e dopo il secondo giorno di riposo, il Giro d'Italia parte per affrontare la sua ultima settimana. Se la vittoria finale appare saldamente nelle mani del...


Una nuova realtà che unisce scienza e conoscenza, tecnologia ed esperienza, capacità e innovazione e mette tutto al servizio del ciclista, tanto dei campioni quanto dei cicloamatori e di coloro che in bicicletta semplicemente amano pedalare alla scoperta del mondo....


  Il primo ad apparire è Felice Gimondi: maglia Bianchi, mani strette al manubrio, il simbolo della volontà. Dopo di lui – dopo di lui!, dopo! – c’è Eddy Merckx: maglia iridata, braccia al cielo, il gesto del trionfo. Ecco...


Un poco alla volta le notizie su Jonas Vingegaard iniziano ad arrivare. Il due volte vincitore del Tour de France, dopo aver lasciato l’ospedale in Spagna, era tornato in Danimarca a Glyngøre e nelle scorse settimane aveva postato una foto...


In questi giorni le tinte rosa del Giro dominano l’Italia ma Piacenza sta cominciando a colorarsi di giallo Tour. La cittadina emiliana, sede di partenza della terza tappa della Grande Boucle 2024, si sta preparando allo storico evento del prossimo...


“Un giro nel Giro”, il circuito di pedalate amatoriali, dedicato a clienti e appassionati ciclisti, sul percorso del Giro d’Italia organizzato da Banca Mediolanum, da ventidue anni sponsor ufficiale della Maglia Azzurra del Gran Premio della Montagna, è pronto a...


Ci sono novità ai vertici di Specialized: Armin Landgraf è il nuovo CEO in sostituzione di Scott Maguire, che guiderà la nuova divisione di innovazione e tecnologia del marchio. per proseguire nella lettura vai su tuttobicitech.it  


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi