NICOLA ASSUNTORE, L'ANIMA DELLE FIAMME ORO: «SIAMO AL LAVORO PER CREARE UNA SQUADRA VERA E PROPRIA»

DONNE | 26/01/2021 | 08:00
di Carlo Malvestio

Se si vanno a guardare le foto dei podi dei vari campionati nazionali femminili del 2020, si noterà una netta prevalenza di maglie delle Fiamme Oro, il gruppo sportivo della Polizia. L’ultimo in ordine temporale è stato quello di Alice Maria Arzuffi, che ha conquistato per la prima volta il tricolore del ciclocross a Lecce, dopo tante medaglie d’argento. Ma anche su strada, con Elisa Longo Borghini che ha vinto prova in linea e cronometro con la stessa maglia. Questo perché le Fiamme Oro sono in prima linea nel supporto all’attività femminile e tra le loro fila sono arruolate alcune delle migliori atlete del panorama ciclistico italiano.


Per l’attività su pista, abbinata alla strada, al gruppo sportivo della Polizia sono aggregate Elisa Balsamo, Vittoria Guazzini, Martina Fidanza, Maria Giulia Confalonieri, Marta Cavalli e Rachele Barbieri, per la strada Elisa Longo Borghini, Sofia Bertizzolo e Elena Pirrone, e per il ciclocross, sempre abbinato alla strada, Alice Maria Arzuffi. In precedenza, c’era anche Beatrice Bartelloni, che ha però appeso la bicicletta al chiodo dopo le Olimpiadi di Rio e ora è poliziotta in Friuli. Tutte queste ragazze, per gran parte dell’anno, corrono con la propria squadra di club, che garantisce loro un calendario internazionale, per indossare poi la maglia delle Fiamme Oro in occasione dei Campionati Italiani o di qualche altra gara in cui le proprie squadre non sono invitate.


A coordinare il tutto, all’ombra dei palcoscenici mediatici, c’è Nicola Assuntore, direttore tecnico del settore ciclismo delle Fiamme Oro. «Ho sempre lavorato nella Polizia di Stato, poi nel 2010 mi è stato proposto di entrare a far parte delle Fiamme Oro, in cui mi sono sempre occupato della parte relativa all'arruolamento e quindi dei vari concorsi per entrare a far parte del gruppo – spiega Assuntore, romano di Primavalle -. Poi nel 2015 siamo partiti con il ciclismo femminile, per dare una mano nella sua crescita e appoggiare economicamente le ragazze più meritevoli, e mi è stato proposto di fare il direttore tecnico, avendo superato il corso di terzo livello ed essendo un grande appassionato. Le prime ad essere arruolate sono state Elisa Longo Borghini e Sofia Bertizzolo, e da quel momento ci siamo ingranditi sempre di più». Il suo è un lavoro di costante monitoraggio e di confronto con chi le atlete le vede più spesso durante l’anno: «Con il CT della Nazionale Dino Salvoldi c'è un confronto continuo per individuare e valutare le ragazze. E lo stesso con i direttori sportivi e i presidenti delle varie società, che ci tengono sempre aggiornati. Di solito a fine maggio facciamo sempre un ritiro di gruppo sul Passo San Pellegrino di due settimane, anche se quest'anno non è stato possibile. A Moena c'è un centro di addestramento della Polizia che ci permette di avere tutte gli strumenti necessari per allenarsi bene».

Al momento non ci sono le risorse per creare una squadra vera e propria, che possa permettere alle ragazze di correre tutto l’anno in maglia Fiamme Oro, ma Assuntore si sta impegnando in prima persona per cercare di portare avanti il progetto. «Il nostro obiettivo per il futuro è creare una vera e propria squadra Fiamme Oro, che faccia un'attività internazionale e possa competere con le migliori squadre del mondo. Con le ragazze che abbiamo al momento, per esempio, potremmo contare su una squadra fortissima. Sono stato incaricato di portare avanti questo progetto e qualcosa sta cominciando a muoversi, ovviamente bisognerà lavorare sugli sponsor, magari appoggiandoci anche a squadre già esistenti, ma la volontà c’è».

Di titoli nazionali e internazionali le Fiamme Oro ne hanno già vinti tanti con le loro rappresentanti, ma quello, per ora, più storico è quello che arriva dal Brasile: «La medaglia di bronzo di Longo Borghini alle Olimpiadi di Rio, anche perché eravamo partiti da poco e ha dato grande spinta a tutta l'attività. Le Fiamme Oro nascono per dare supporto all'attività sportiva di alto livello e le Olimpiadi sono ovviamente il punto massimo raggiungibile per un atleta. Poi tutte le vittorie ottenute ai campionati italiani, europei, mondiali per noi sono motivo di grande orgoglio».

L’attesa per le Olimpiadi di Tokyo (se si faranno) è quindi ovviamente molta, anche perché le possibilità di medaglie, soprattutto su pista, sono decisamente aumentate: «Secondo me il movimento è in salute. Io sono un insider dal 2015 e mi pare che ogni anno sia cresciuto, in quantità e qualità – conclude Assuntore -. La conferma è arrivata agli ultimi Europei su pista in Bulgaria, in cui abbiamo vinto due medaglie d'oro in specialità olimpiche, l'Omnium con Elisa Balsamo, che ha battuto Laura Kenny, campionessa olimpica sia a Londra che a Rio, e nella Madison con la stessa Balsamo e Vittoria Guazzini, che io paragono un po' a Cavendish e Wiggins e secondo me hanno tutte le carte in regola per diventare le migliori del mondo. E poi la gran parte fa più discipline e questo è sempre un bene per la maturazione fisica dell'atleta. Per la strada hanno ampi margini di miglioramento Balsamo e Guazzini, ma anche Martina Fidanza e Marta Cavalli, che hanno un gran bel motore».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Dopo la mancata assegnazione della wild card per il Giro LA ANDRONI SIDERMEC scrive all’Mpcc (Movimento per un ciclismo credibile). Ecco la lettera. E’ credibile un ciclismo che non tenga in alcun conto i principi etico sportivi? Per noi: no,...


La campionessa belga Lotte Kopecky ha vinto Le Samyn des Dames, seconda classica belga della stagione. La portacolori della Luv Racing ha regolato allo sprint il gruppo delle migliori con la danese Jorgensen al secondo posto e l’australiana Hosking al...


Il Giro d’Italia si prepara a celebrare il proprio simbolo: la Maglia Rosa, che compie 90 anni. Un percorso da marzo a settembre che coinvolgerà tutti gli appassionati del grande ciclismo e in particolare la fan base della Corsa Rosa....


Alejandro Valverde aggiunge un altri riconoscimento prestigioso alla sua collezione: il campione murciano è stato premiato stamane da Re Filippo di Spagna: a Valverde è stato attribuito il Premio Rey Felipe, nel corso della cerimonia di consegna dei Premios Nacionales...


Un altro debutto. Un’altra prima volta. Un’altra giornata fatta di emozioni con un pizzico di incredulità. Sabato il team EOLO-KOMETA sarà al via della quindicesima edizione della Strade Bianche: la prima corsa di categoria UCI WorldTour per il nostro team...


Dopo l'ottimo debutto in campo nazionale la Work Service Marchiol Vega si prepara per due appuntamenti infrasettimanali di assoluto primo piano: domani, mercoleì 3 marzo, infatti, gli uomini dei patron Demetrio Iommi, Renato Marin, Giuseppe Lorenzetto e Massimo Levorato saranno...


Caro Direttore, ad essere Altolocati , ce la si potrebbe cavare con un indiscutibile " La Giustizia non è di questo mondo". Amen, e buonanotte suonatori.Siccome non vedo  in circolazione nessuno che sia... a due dita dal Padreterno, dobbiamo arrangiarci...


Roadlite:ON è stata ed è una bici importante per Canyon, infatti, questa fitness e-bike ha fatto capire anche ai più restii quanto mezzi come questo possano mantenere in salute chiunque li utilizzi con regolarità. Versatile e sportiva, Roadlite:ON sfrutta il compattissimo sistema...


Stima e credibilità. Attributi che calzano a pennello ad Andrea Schiavone, il massofisioterapista non solo di ciclisti professionisti e dilettanti, ma anche di personaggi del mondo dello spettacolo e dello sport come Ignazio Moser, Cecilia Rodriguez, Marco Melandri, Alice Arzuffi,...


Tadej Pogačar e l’UAE Team Emirates hanno un ulteriore motivo per gioire dopo il successo nell’UAE Tour: le strade del giovane talento sloveno e quelle della squadra emiratina saranno unite fino ad almeno il 2026. Matar Al Yabhouni, Presidente dell’UAE...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155