PICCOLO. «UNA ALE' BTC CORAGGIOSA IN UNA STAGIONE CHE SEMBRAVA PERSA»

DONNE | 21/11/2020 | 08:10
di Pier Augusto Stagi

È l’unica squadra italiana del World Tour, ed è femminile. Il primo anno nella massima serie non è stato assolutamente facile per Alé BTC Ljubljana chiaramente per le note vicende Covid che hanno reso maledettamente complicata questa stagione, andata in archivio con non poche complicazioni «ma la cosa importante è che, tutti assieme, siamo riusciti a portare a termine una stagione che a marzo sembrava persa, invece con grande determinazione, tipica di chi come i ciclisti non è abituato a mollare, ce l’abbiamo fatta».


Alessia Piccolo è la presidente di questo team femminile che batte bandiera italiana, nonché amministratore delegato e direttore generale del maglificio Alé, che dal 2011 ha deciso di scendere in campo con un team coniugato al femminile. «Siamo e sono contenta – dice a tuttobiciweb la manager veronese -. Non è stato assolutamente semplice, ma tutti assieme - noi come azienda, noi come squadra, ma noi anche come grande famiglia del ciclismo - ce l’abbiamo fatta. Abbiamo fatto 47 giorni di corsa dei 100/105 che generalmente affrontimo in una stagione normale, ma come si dice in questi casi? Meglio che niente. Abbiamo raccolto 13 vittorie (4 con Mavi Garcia e con Jutatip Maneephan, due con nEugenia Bujak, una a testa con Marta Bastianelli, Ursa Pintar e Urska Zigart ndr) e ci siamo piazzate all'ottavo posto nel ranking mondiale: va bene così!».

Un team ben strutturato, diretto da Fortunato Lacquaniti, il quale anche per il prossimo anno sarà affiancato da due tecnici esperti come Giuseppe Lanzoni e Gorazd Penko. «Siamo già proiettati nel nuovo anno e il nostro roster è praticamente ultimato – ci illustra sempre Alessia Piccolo -. La rosa sarà di 12 atlete con le confermatissime Marta Bastianelli, Tatiana Guderzo, Anna Trevisi, la spagnola Margarita Victo Carcia Canellas, la russa Anastasiia Chursina, le slovene Eugenia Bujak e Urska Pintar oltre all’olandese Maaike Boogaard, alle quali abbiamo aggiunto Laura Tomasi e Alessia Patuelli, la svizzera Marlen Reusser e la britannica Sophie Wright. La svizzera è bravissima nelle prove contro il tempo, tanto è vero che ha vinto i Giochi europei nel 2019 ed è stata medaglia d’argento ai mondiali di quest’anno e bronzo europeo. Sophie invece è un'atleta giovane e di prospettiva, classe 1999, che quest’anno ha chiuso al secondo posto la classifica delle giovani alla Setmana Valenciana. Viene dalla MTB, è stata campionessa europea XCO tra le Junior e nello stesso anno ha conquistato il bronzo all'Europeo su strada, dimostrando una forte propensione alla multidisciplinarietà».


Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La bomba è di Beppe Conti, che nell'ultima puntata di Radio Corsa, rotocalco settimanale in ognda su Rai Sport: «Vincenzo Nibali nel 2022 correrà con la maglia della Ineos Grenadiers. Dal team britannico il fuoriclasse siciliano avrebbe ricevuto una sontuosa...


«Oggi compio 109 anni. Attorniato da tanti amici e in particolare da Gérard Mistler che è il presidente del più grande raduno di ciclisti al mondo, l’Ardéchoise, che richiama ogni anno 15mila ciclisti. Io ho sempre il dorsale numero 1,...


Tre nuovi arrivi per il Team Qhubeka Assos che accoglie Lukasz Wisniowski, Sean Bennett e Karel Vacek. Il 28enne polacco Wisniowski arriva dalla CCC e sarà un elemento importante per il treno del campione europeo e italiano Giacomo Nizzolo. Il...


Fabio Jakobsen è tornato in bici ma la riabilitazione per lui sarà ancora molto lunga. A dirlo è il dottor Yvan Vanmol, medico della Deceuninck - Quick-Step, che ha smorzato l’ottimismo dei giorni scorsi, nato quando Jakobsen ha pubblicato una...


Teneva il piede in due scarpe. Anzi, teneva i due piedi in quattro scarpe. Quelle da corridore e quelle da artigiano. Quelle da corridore erano passione, fatica, salita, quelle da artigiano erano professione, ricerca, precisione. Quelle da corridore, personali, e...


Anche il team manager di Androni Giocattoli Sidermec Gianni Savio ricorda Diego Armando Maradona, scomparso mercoledì a 60 anni. «Ho avuto l'onore di conoscere quello che ho sempre considerato il più grande giocatore di tutti i tempi, un genio del...


A trovarsi a parlare con Fabio Canova, il signor Named tanto per esser chiaro, è come ritrovarsi fra amici, perchè gentilezza e semplicità sono nel Dna di questo personaggio che da oltre vent'anni spazia con i suoi marchi nel mondo...


Gli organizzatori de La Vuelta a Andalucia - Ruta del Sol sono al lavoro per organizzare un'edizione importante della loro corsa, anche se non sarà facile a causa della crisi sanitaria legata al coronavirus. Alcune gare sono già state annullate...


Quello di quest’anno è un off-season diverso per tutti e Davide Ballerini lo passa tra le faccende domestiche, le uscite in mountain bike con il suo amico Jacopo Cerutti, pilota motociclistico del team Husqvarna, qualche camminata insieme a Yuma, il...


È l’uomo copertina, difatti ab­biamo deciso di dedicargliela. Non ce ne voglia Tao Geo­ghe­gan Hart, degnissimo vincitore del Giro, ma avevamo almeno due ragioni per fare questo omaggio al granatiere di Vi­gno­ne. Prima, il mondiale di Imola; ora un Giro...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155