TOUR. GUY NIV E UNA PICCOLA PAGINA DI STORIA

PROFESSIONISTI | 21/09/2020 | 17:42
di Francesca Monzone

Se la Slovenia è entrata nella storia del Tour de France, a farlo è stato quest'anno anche lo Stato di Israele. Per la prima volta, infatti, il team Israel Start Up Nation ha preso parte alla Grande Boucle, ma questo non è il suo unico primato, perché per la prima volta un corridore di Israele ha preso parte e ha concluso la corsa gialla.


Si chiama Guy Niv e da ieri è entrato nella storia della corsa più importante al mondo. “Ho sentito i brividi quando ho tagliato il traguardo sugli Champs-Elysees. È stato un senso di immenso sollievo e di pura felicità. Non potete immaginare cosa significhi questo per me”.


Guy Niv in questo Tour ha dovuto imparare tante cose e lo ha dovuto fare in fretta, perché i ritmi di gara sono altissimi, e quì nessuno ti aspetta se rimani indietro. “Per me portare a termine questo Tour de France ha un valore altissimo, è stata una vera missione. L’ho fatto per essere di esempio per la prossima generazione di giovani ciclisti israeliani. Ora i nostri ragazzi possono sognare di raggiungere questo e altro“.

I momenti di sconforto e disperazione per Guy non sono mancati e ci sono stati attimi in cui la voglia di arrendersi arrivava dritta come un pugno allo stomaco. "Ho dovuto scavare in profondità a volte. Ci sono stati senza dubbio dei momenti di disperazione vera, con attimi drammatici. In particolare con la frazione numero 17 e l’arrivo a Meribel”. 

Niv ricorda quei momenti come i più terribili della sua carriera da ciclista: per non arrendersi più volte ha dovuto ripetere a se stesso che c’era una missione da portare avanti. “Mi sono sentito improvvisamente vuoto. Come quando il serbatoio del carburante viene svuotato completamente. Non avevo più forze, non avevo più niente. Ma mi sono detto che non potevo arrendermi e finalmente ce l'ho fatta. Solo alla fine abbiamo capito che mi ero alimentato male, che non avevo mangiato a sufficienza”.

Niv e il Tour sono stati seguiti con attenzione in Israele, dove il ciclismo sta crescendo. La Israel Start Up Nation non è riuscita a vincere una tappa come sperava, ma sul palco del Tour è salita lo stesso con il premio alla combattività, e non parliamo di un riconoscimento qualunque. Ora in seno al team hanno la certezza di poter fare molto di più e sono pronti per la sfida della prossima stagione, dove in squadra correranno nuovi corridori di talento e, tra questi, un certo Chris Froome...

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il direttore del Giro d'Italia Mauro Vegni ha confermato in diretta tv il cambiamento della tappa di sabato: «Sullo Stelvio ci andiamo sicuramente - ha esordito Vegni - ma siamo costretti ad annunciare il cambiamento della penultima tappa del Giro....


Yves Lampaert scrive il suo nome nell'albo d'oro della Tre Giorni di La Panne vincendo per distacco l'ultima classica belga della stagione. Classica peraltro condizionata dal forte vento, al punto che gli organizzatori sono stati costretti a cancellare un giro...


F come fantasmi. Nel senso di team che sono in gara, ma nessuno se ne accorge. Corrono all’insaputa di tutti, a volte anche di loro stessi. E’ una vecchia abitudine della corsa rosa, col tempo diventata obbligo: per regolamento deve...


Il timbro verrà messo tra poche ore, ma ormai è certo che non si disputerà nella sua forma originale la tappa numero 20 del Giro d'Italia, quella dell'Agnello e dell'Izoard. Come avevamo riportato questa mattina, le previsioni meteo annunciano neve...


Tutti si aspettano la tappa di domani, con arrivo a Cancano, per le dure salite che i concorrenti troveranno lungo il percorso. In realtà, dettaglio da non sottovalutare, sarà la discesa della Stelvio. 21 km dentro un freezer. Sulla cima...


Tornava ieri a correre inun grande giro dopo due anni, ha subito accumulato un distacco importante - più di 11 minuti - ma non si è aasolutamente preoccupato. Stamame, infatti, Chris Froome twitta così dalla Spagna:«Battesimo del fuoco per il...


La decisione definitiva verrà presa domani, alla luce delle più aggiornate previsioni meteo, ma di ora in ora calano le possibiltà di salire al Colle dell'Agnello e quindi all'Izoard. Le previsioni meteo, infatti, in questo momento non danno grande speranza...


È veramente difficile trovare ultimamente un marchio oltre a POC che si sia distinto di più per il design dei prodotti, forme innovative sempre connesse alla performance, questo sia chiaro. Il noto brand svedese ha portato una vera ondata di...


Battaglin is back. Lanciato e cresciuto nel team della famiglia Reverberi, Enrico Battaglin ritornerà a vestire i colori della Bardiani CSF Faizanè per la stagione 2021. Un ritorno che porterà al team grandissima esperienza internazionale e un atleta che a...


E’ una tappa dura assai quella odierna che nel menu propone oltre cinquemila metri di salita con un tracciato che va dal Veneto al Trentino-Alto Adige: si va da Bassano del Grappa a Madonna di Campiglio per 203 chilometri. per...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155