JAKOBSEN È COSCIENTE, HA MOSSO GAMBE E BRACCIA E HA PARLATO CON I MEDICI (in aggiornamento)

PROFESSIONISTI | 07/08/2020 | 14:30
di Paolo Broggi

Fabio Jakobsen è stato risvegliato dal coma farmacologico in cui era stato posto mercoledì subito dpo la caduta al Giro di Polonia. Le sue condizioni vengono giudicate «buone» secondo quanto riporta un tweet dell’organizzazione di corsa.

Ore 14.40. Il Pubblico Ministero polacco ha deciso di aprire un'inchiesta per far luce sui fatti: le autorità vogliono determinare se ci sono delle responsabilità nelle ferite riportare dal ciclista e da un organizzatore o se si è solamente trattato di un incidente.

Ore 15.40. Come potete leggere nella notizia qui sotto, Patrick Lefevere è tornato a parlare: «Jakobsen era avviatoa  diventare il velocista più forte del mondo, avrebbe guadagnato milioni, ma cosa succederà ora?».

Ore 16.30. Torna il sorriso sui nostri volti leggendo e ascoltando le parole del dottor Pawel Gruenpeter, vicedirettore dell'ospedale Sosnowiecnel quale è ricoverato Fabio Jakobsen: «Il paziente è cosciente, reagisce alle sollecitazioni, respira da solo, la funzione cardiaca è normale. Siamo molto felici delle sue condizioni. Se è sopravvissuto a una simile caduta, tornerà sicuramente al suo sport».

Ore 18.30. La Jumbo Visma prende posizione attraverso un comunicato ufficiale che potete leggere qui sotto. Groenewegen viene sospeso fino a quando non arriverà il giudizio della Commissione Disciplinare dell'Uci. Ma il team olandese difende giustamente il suo corridore dai riprovevoli attacchi che lui e la sua famiglia hanno ricevuto in queste ore.

Ore 18.45. Dylan Groenewegen ammette ancora una volta il suo errore, si scusa nuovamente e precisa: «Non ho nessuna voglia di pensare alla bicicletta, pernso che non ce l'avrò per molti mesi».

Ore 19.00. Arriva il comunicato ufficiale della Deceuninck Quick Step: «Fabio, che mercoledì sera si è sottoposto a un intervento maxillo-facciale di cinque ore, ha potuto muovere gambe e braccia e dialogare con i medici, il che ha immediatamente escluso grossi problemi neurologici. A causa dell'intervento, pper lui parlare e mangiare sarà una sfida nel prossimo periodo e il duo processo di recuperosarà lungo e difficile. La Deceuninck - Quick-Step desidera ringraziare tutti per il supporto e gli auguri inviati in questi giorni difficili e allo stesso tempo vi chiede gentilmente di rispettare la privacy di Fabio e della sua famiglia».

seguono aggiornamenti

Copyright © TBW
COMMENTI
Come si può definirlo incidente
7 agosto 2020 21:42 Mandor
Salve, Tanti auguri di ripresa a Fabio, ma vorrei esprimere il mio parere. Episodi come questo credo siano figli del senso di "onnipotenza" che generalmente il ciclista dimostra quando è in strada. Ritengo che la strada, che la Gente usa per lavoro e spostamenti in generale non dovrebbe essere usata per fare sport. E siamo nel 2020, possibile che non si possano eliminare quelle transenne. Questo NON è un incidente

Ma vergognati
7 agosto 2020 23:59 Finisseur
Senso di onnipotenza cosa che ne finisce sotto uno al giorno. Per guida con cellulari, guida distratta e precedenze non date. Diamo la colpa ai ciclisti allora che si infilano sotto le macchine. Per quanto riguarda le transenne son d’accordo, devono proteggere, non essere un semplice strumento pubblicitario

Questo é fuori
8 agosto 2020 01:48 lupin3
👆👆👆

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il grande giorno è arrivato. Con la presentazione ufficiale dei Campionati del Mondo di Ciclismo UCI 2020 di Imola – Emilia-Romagna si alza il sipario sulla rassegna iridata. Nella splendida cornice di Palazzo Varignana a Castel San Pietro Terme (BO) si...


Con la cronometro riservata alla categoria donne elite, domani prendono il via i Campionati del Mondo di Imola. L'Italia schiera due atlete: la navigata Vittoria Bussi quinta al recente campionato Europeo di Plouay (Francia), e la giovanissima toscana (19 anni)...


Alle prese con una condizione non ottimale, come ha evidenziato nell'ultima settimana del Tour, e con problemi relativi all'inchiesta giudiziaria che ruota attorno a lui, anche se non lo coinvolge direttamente, Nairo Quintana ha deciso di rinunciare alla convocazione per...


Sulle orme di papà. Nicolas Vinokourov, figlio del grande Alexander, vincitore di una Vuelta a España (2006) , un Giro di Svizzera, una Liegi-Bastogne-Liegi e una Amstel Gold Race , oltre ad un oro (Londra 2012) e un argento olimpico...


Lo confessa candidamente: «Se me l'avessero detto un mese fa che avrei guidato la nazionale in un mondiale su queste strade, mi sarei messo a ridere...». Davide Cassani non nasconde le sue emozioni prima di presentarci il campionato mondiale, descrivercelo...


A Tour de France appena conclusio, è già tempo di guardare oltre perché in questa stagione animala gli altri grandi giri incombono. In casa Cofidis sonos tate prese decisioni importanti circa le formazioni per Giro e Vuelta: Elia Viviani sarà...


L'incontro delle vecchie glorie del Triveneto a Ca’ del Poggio ha riservato una curiosa e certamente gradita sorpresa per Mario Beccia. Autore, manco a dirlo, lo scatenato Dino Zandegù che è tornato a vestire per un attimo i panni del...


L’Emilia-Romagna ospita la 93ª edizione dei Mondiali di ciclismo sulle strade che, nel 1968, consegnarono a Vittorio Adorni la maglia iridata. Di ritorno a Imola sette anni dopo Firenze 2013, sarà il tredicesimo Mondiale in Italia e sarà Eurosport a...


DAZN e Discovery annunciano l'estensione del loro accordo di distribuzione per offrire agli utenti DAZN in cinque paesi la fruizione dei canali Eurosport 1 HD e Eurosport 2 HD. Con il rafforzamento di questa partnership, i contenuti di Eurosport saranno...


Sono stati rilasciati nella notte il medico e il massaggiatore fermati nei giorni scorsi su ordine della procura di Marsiglia nell'ambito di un'inchiesta su un sospetto uso di doping al Tour de France all'interno della Arkea-Samsic, team del campione colombiano...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155