CORONAVIRUS. DAMIANI: «PRONTO A FARE LO SCIOPERO DELLA FAME, PER QUELLO CHE CI DANNO...»

NEWS | 01/03/2020 | 12:26
di Pier Augusto Stagi

Il momento è chiaramente molto delicato e complesso, per tutti. Sappiamo benissimo che ad Abu Dhabi stanno cercando di gestire una questione di estrema emergenza e gravità, ma è altrettanto vero che il buon senso non deve mai venire meno. E forse, in questo caso, qualcosa non ha funzionato nel modo più corretto. Riceviamo questa accorata testimonianza da Roberto Damiani, direttore sportivo della Cofidis, che da giovedì sera è blindato al quarto piano del suo hotel con altri quindici componenti del suo team. Nessuno di loro è risultato positivo, eppure restano blindati. Ecco il perché.

 

Caro direttore,
ti scrivo perché ritengo che ormai abbiamo passato il limite della decenza seppur in nome della sanità pubblica e del pericolo di contaminazione. Già conosci cosa è successo nei giorni scorsi ma ad oggi
solo i componenti di tre squadre sono costretti a rimanere nelle loro camere per paura di contagio del coronavirus visto che in due squadre hanno avuto tre persone con stati febbrili. Sono stati ricoverati ed è
stato escluso il coronavirus. Si trattava di normali patologie curabili normalmente.  Tengo a precisare che la squadra Cofidis non ha mai avuto nessun problema e che ad oggi siamo qui confinati solo per essere stati
alloggiati al quarto piano, con le altre due squadre, senza minimamente prendere in considerazione che per una settimana almeno circa 500 persone si cono incontrate ed hanno vissuto insieme per più ore al giorno.

Devo dire che RCS, in qualità di organizzatore, sta facendo di tutto per risolvere il problema ma anche loro sembrano sbattere contro un muro di gomma. Ti invio in allegato la copia della tabella con gli esiti negativi dei test, che ogni squadra ha dovuto estrapolare personalmente nome per nome, da un solo computer messo a disposizione dalle autorità che asseriscono che senza questo documento non sarà possibile ripartire da qui.

Ti invio anche in allegato le foto della colazione e del pranzo che ci hanno portato oggi nelle camere da cui non possiamo uscire. Le camere non sono mai state pulite e nel corridoio vi sono ormai cumuli di
immondizie.

Questi sono i problemi materiali che si associano alla gestione psicologica del problema oltre al fatto che in queste condizioni gli atleti stanno perdendo tutto il lavoro fatto fino ad ora in gare e stage
di allenamento.

Ti informo che se nelle prossime ore non si sbloccherà la situazione inizierò lo sciopero della fame per difendere almeno i corridori e lo staff di cui sono direttamente responsabile in questa gara.

Un caro saluto

Roberto Damiani

Copyright © TBW
COMMENTI
mi sembra
1 marzo 2020 13:41 canepari
che con quello che vi danno da mangiare...lo sciopero della fame lo stiate già facendo.!

Non saro politicamente corretto,
1 marzo 2020 16:42 lupin3
Má Quando si vá a correre in paesi arabi del cazzo....

Non all'altezza
2 marzo 2020 15:48 marcodlda
Poveri corridori, tecnici, direttori sportivi ecc ecc.!! ... Siamo governati sia a livello sportivo che politico da persone non all'altezza del loro compito, e questo è solo un eufemismo!... A parte il fatto che queste corse su autostrade nel deserto... di pubblico... sono la negazione del ciclismo!

Lato positivo
3 marzo 2020 00:48 lupin3
Cerchiamo di vedere il lato positivo della vivenda: spero che dal 2021 nessuna squadra si sogni di andare a correre in questi postacci governati da gentaglia

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La nuova puntata di BlaBlaBike si occupa di due grandi appuntamenti: il primo appena terminato, e ci riferiamo al Tour de France, ed il secondo ormai all'orizzonte, e si tratta chiaramente del campionato mondiale. È Andrea Agostini, dirigente della UAE...


Se la Slovenia è entrata nella storia del Tour de France, a farlo è stato quest'anno anche lo Stato di Israele. Per la prima volta, infatti, il team Israel Start Up Nation ha preso parte alla Grande Boucle, ma questo...


Nel corso del Tour de France che si è concluso ieri la gendarmeria ha perquisito la stanza dell'hotel in cui soggiornava Nairo Quintana con la sua squadra. Lo scrive 'L'Equipe'. Secondo il quotidiano sportivo transalpino, nella serata di mercoledì i...


Saranno celebrate domani, martedì 22 settembre, le esequie di Vito Liverani, il grande fotogiornalista scomparso sabato all'età di 91 anni. La cerimonia si terrà alle ore 11 nella Chiesa di Santa Maria Beltrade in via Oxilia.


Il cinque volte vincitore del Tour de France Eddy Merckx non vuole rimanere in silenzio e critica il lavoro della Jumbo-Visma, spiegando perché, secondo lui, hanno perso il Tour. «Hanno giocato con il fuoco e per questo hanno perso. Hanno...


Il sogno tricolore di Kevin Pezzo Rosola si è infranto a pochi centimetri dal traguardo in località "Il Ciocco", a Barga nei pressi di Lucca, dove si sono svolti i Campionati Italiano di Mountain Bike 2020. Un secondo posto importante...


Sidi presenta la nuova Fast, un concentrato di performance e tecnologia che garantisce le caratteristiche di rigidità, morbidezza e flessibilità dei prodotti dell’azienda trevigiana con una facilità di regolazione precisa e migliorata. Anche in questo nuovo modello sono state testate...


Non aveva ancora sulle spalle la maglia gialla quando Tadej Pogacar ha inviato al Comitato Organizzatore dei Campionati del mondo UCI 2020 di Imola - Emilia Romagna questo video, ma già aveva nel mirino la rassegna iridata che andrà in...


Archiviata anche la passerella finale degli Champs Elysées, è il momento di fare i conti: il Tour de France 2020 ha raggiunto quota 30 ritiri. Di 176 corridori partiti il 29 agosto, 146 hanno preso parte alla decisiva crono di ieri....


Tom Pidcock, vincitore quest'anno del Giro d'Italia Under 23, è il primo acquisto del Team Ineos Grenadiers per la prossima stagione. Lo anticipa il Telegraph spiegando che il giovane britannico è solo il primo tassello della rifondazione che Sir Dave...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155