DIARIO DAL NEPAL. L'AEROPORTO PIU' PERICOLOSO DEL MONDO E VIA! - 2

REPORTAGE | 12/11/2019 | 07:55
di Paolo Simion

Ragazzi, ci siamo! Abbiamo spento presto la luce ieri sera, chiudendo Katmandu fuori dalle finestre. Ma addormentarsi non è stato facile, adrenalina a mille in corpo, anche se dovrei esserci abituato… Ma è così, ogni vigilia porta emozioni diverse e non può cambiare la situazione se ti prepari a affrontare il trekking per il campo base dell’Everest!

Quindi sveglia alle 4.30 e via a tutta, più forti del sonno: alle 6.15 ci aspetta il volo per Lukla, la città da cui parte il nostro cammino.
Saliamo su un aereo a turbo elica da 15 posti, decolliamo e scopriamo che a 5000 metri di altitudine siamo ancora all’ombra delle montagne… altro che il decollo dalla nostra laguna di Venezia…

Dopo mezz'ora atterriamo a Lukla su una vera e lingua di asfalto, non si può definirla diversamente: è una pista lunga meno di 1 chilometro, tranquillamente posta sul pendio di una montagna. A guardarla fa paura e non sarà un caso se questo è considerato l'aeroporto più pericoloso al mondo.

Appena scendiamo a terra sentiamo una voce che chiama "Simion/Polegato”. È Dil, la nostra guida, che per arrivare all’apputamento si è fatto già due giorni di strada, naturalmente a piedi.

Colazione, briefing e finalmente siamo pronti a partire. Tutto attorno a noi richiama al buddismo e quindi, come tutti, prima di muoversi anche noi facciamo girare - sempre verso sinistra - i cilindri coloratissimi e scritti di preghiere perché "is for the luck", ma noi speriamo anche che le divinità ci aiutino a sentir meno il peso dello zaino e della quota!

La prima giornata di cammino ci porta da Lukla a Toc Toc, camminiamo per 14 chilometri superando un dislivello di 350 metri, immersi in scenari unici. Ma questo è solo l’inizio e siamo consapevoli del fatto che ogni giorno troveremo modo di stupirci per le bellezze della natura che incontreremo.

A pranzo assaggiamo il chowmein di Yak, praticamente spaghetti di mais saltati con carote e sedano rapa con della carne di una mucca - lo yak, appunto - tipica dell’altopiano himalaiano.

E la prima giornata si chiude con me e Giorgio che scriviamo dai 2700 metri di quota dell'Himalayan Lodge. A farci da sottofondo musicale è la neve sciolta dell'Everest che scende nel Milk River,  mentre recuperiamo energie e aspettiamo Dil per un Thè Nero.

2 - continua

LE PUNTATE PRECEDENTI

1 - Paolo Simion e il trekking verso l'Everest

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Sarà il giorno della verità, 36, 2 chilometri di passione verso la vittoria finale. Sarà la guerra personale tra Roglič e Pogačar e quei 57 secondi che separano i due sloveni. Roglič è pronto, solo il tempo...


“Atleti non si nasce per caso e le doti del campione si vedono, basta saperle capire e tirare fuori”. Queste sono le parole di Bogdan Fink, il direttore del più grande club di ciclismo della Slovenia, l'Adria Mobil di Novo...


Ed eccoci alla crono della verità, una crono che ha ancora molto da dire. L'unica prova contro il tempo della Grande Boucle 2020 è una crono esigente e, come sempre accade alla fine di un grande giro, può dare risultati...


La frattura del trochite omerale, un ossicino della spalla (di vitale importanza però per alcuni movimenti del braccio), con l’aggravante di un grosso edema, rischiano seriamente di tenere fermo ai box Andrea Garosio per tutta la stagione (tra l’altro da...


Una classica per creare la Nazionale per Imola. Il Giro dell'Appennino, che si disputa oggi, servirà al ct Davide Cassani per definire le sue ultime scelte e annunciare la nazionale che correrà domenica 27 il mondiae a Imola. Il Giro...


Ultima fatica per le ragazze del Giro Rosa che dovranno affrontare per ben 4 volte il circuito di Motta Montecorvino che presenta non poche asperità. E per non farsi mancare nulla, ci sarà l’ennesimo arrivo in salita, questa volta valevole...


Nella pittoresca cornice del Salone Gino Benedetti del Castello di Desenzano del Garda, si è tenuta la Conferenza Stampa per questa edizione speciale del Colnago Cycling Festival 2020. A due settimane dal weekend cicloturistico più atteso del lago di Garda,...


Dal 24 al 27 settembre 2020 i nostri campioni in maglia azzurra pedaleranno sui tracciati di #Imola2020 per contendersi i titoli mondiali in palio. Ma si sa, facendo squadra vinciamo tutti. E...


  Il Giro Rosa è una di quelle corse magiche, una specie di scrigno che rinchiude mille emozioni ma soprattutto tanti sogni che tessono storie senza fine. Abbiamo ancora negli occhi il ritiro di Annemiek Van Vleuten, siamo in trepidante...


Sarà un fine settembre ricco di appuntamenti che farà da preludio ad un mese di ottobre che si annuncia lungo e costellato di eventi di primissimo piano per la Zalf Euromobil Désirée Fior.Con la stagione 2020 che è stata completamente...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155