CARO ALESSANDRO, PERCHE' HAI TIRATO I FRENI?

LETTERA APERTA | 26/08/2019 | 07:37
di Fiorenzo Alessi

Caro Direttore,
ho sempre avuto stima ed ammirazione per Alessandro Petacchi. Un magnifico velocista (il termine ha un preciso significato tecnico, per chi apprezzi le "qualifiche" del nostro amatissimo sport), capace di primeggiare in tappe di tutti i Grandi Giri e di vincere anche Gare Monumento in un periodo in cui il ccilismo annoverava anche formidabili velocisti e funanbolici sprinter. Non sta a me fare i nomi di questi atleti, ben noti a chi abbia un minimo di "cultura ciclistica".

Esemplare, poi, anche il Petacchi uomo: oltre ad una correttezza agonistica non comune quando il gruppo si... avventa sul traguardo, mai sopra le righe nelle esternazioni pubbliche, sempre di una pacatezza e di una disamina ragionata e argomentata delle proprie prestazioni, sia vincenti che non. Insomma, un encomiabile professionista del ciclismo, che francamente rimpiango. D'altro canto, l'appellativo di "Alessandro Magno" qualcosa avrà pur voluto significare!

Purtroppo, come non è infrequente nello sgangherato (non ho remore a definirlo tale, per esperienza professionale pluridecennale) "sistema Giustizia" attinente chi svolge attività sportiva, quando tutto pare essersi concluso, più o meno felicemente, e il passare degli anni ha lasciato spazio e modo per dedicarsi ad un'altra vita, anche professionale, ecco... spuntare dal cilindro, ovvero dalle segrete stanze di una qualche Autorità investigatrice o Giudiziaria, nostrana o straniera poco conta, le scorie di un passato che si credeva ormai morto e sepolto. 

Per il "nostro" Alessandro, com'è noto, lo sciagurato coinvolgimento in una "vicenda doping" originatasi in Austria, le cui ben datate carte hanno trovato non solo pubblica diffusione ma, quel che è peggio, "apprezzamento" degli Organi Inquirenti anche dell'Unione Ciclistica Internazionale, che ha instaurato una procedura a suo carico per presunta violazione del R.A.D. (disposizioni del regolamento AntiDoping).

Malignando, potrei dire che, trattandosi di un ciclista, ...ovviamente si è proceduto alle contestazioni di doping e riconnesse, ben poco piacevoli incombenze: ma voglio essere benevolo, ancorchè bugiardo, e dico che anche per Petacchi... dura lex sed lex.
Quel che non mi sarei aspettato, soprattutto dopo l'immediata e risoluta proclamazione di estraneità a qualsivoglia "trasfusione dopante" o ipotesi di doping resa dal buon Petacchi, è invece l'amara conclusione della vicenda: pur prendendo atto di umanissime ragioni che avrebbero indotto il ciclista incolpato a non intraprendere una lunga e onerosa "battaglia giudiziaria", da un uomo abituato a "sgomitare" e lottare com'è nella natura del velocista (e che velocista!), mai avrei pensato ad una soluzione attraverso quella che, a termini di Codice W.A.D.A e Regolamento-A.D. dell'UCI, è rubricata come "ACCETTAZIONE DELLE CONSEGUENZE" .

Giusto per essere chiari, e sempre con preciso richiamo normativo, "...il corridore... riconosce la violazione delle Regole antidoping e convine con l'UCI  quanto alle conseguenze e ai costi, un tale accordo sostituisce una decisione del Tribunale antidoping dell'UCI e mette un termine alla procedura...".

Dunque, Alessando Petacchi ha concordato la sanzione dell'inibizione di due anni ,intendendo così porre fine al calvario giudiziario-sportivo in corso, e rimanendo peraltro impregiudicata la facoltà di ricorso al TAS della Wada o dell'Organizzazione Nazionale Antidoping.

Mi sia permesso, perdonandomi l'accostamento: se si ha la risoluta consapevolezza della propria innocenza, questa sorta di eutanasia, o dolce morte, procedurale la trovo un po' come una toccatina ai freni ai 50 metri finali per farsi sopravanzare dall'avversario. L'avresti mai fatto in gara, caro Alessandro Magno?
Cordialmente

Copyright © TBW
COMMENTI
Ben fatto Ale
26 agosto 2019 11:22 FrancoPersico
Per me Ale ha fatto bene a chiudere così la vicenda. Credo che ci siano pensieri ben più importanti per lui in questo momento che correre dietro a questi fantasmi. Poi sinceramente che ricorsi dovrebbe fare? Per difendersi da cosa?

Caro fiorenzo
26 agosto 2019 11:52 petterpan
Alessandro già lotta con la moglie e per il padre..forse energie per lottare un sistema marcio non ha senso sprecare energie per sconfiggere dei Mali molto più grandi.. Ci sono delle priorità e la famiglia vale più di questo.. Se questo è toccare i freni ALESSANDRO HAI FATTO BENE A FRENARE

AleJET
26 agosto 2019 12:18 gaspy
Tirato i freni????
Cosa c'è da vincere???? Una volta risolta la questione nessuno si preoccuperà di dargliene atto e scusarsi!!!
Io sto con Ale!!!!

Peta... chi?
26 agosto 2019 15:01 tonifrigo
Verrà il giorno in cui parleranno solo gli albi d'oro. Giusto o sbagliato che sia, le questioni del doping nello sport verranno digerite e cancellate come si trattasse di pettegolezzi. Nel frattempo, speriamo, lo spot TUTTO diventerà meno avventuroso sotto il profilo morale, oppure sarà diventato un mestiere nel mondo dello showbiz. E allora ci sembreranno tanto saggi i campioni che hanno messo il piede a terra e se ne sono usciti dalla porta giusta. Gli altri, quelli sul cui fuoco dell'orgoglio ha soffiato qualcuno per interesse (come nel caso di Pantani) e che non hanno saputo dire "Io come tutti, tutti come me, io meglio di tutti" sembreranno attori di una inutile tragedia che, talvolta, porta alla rovina personale e al pessimo peloso compatimento. Lo so che è stupido fare di ogni erba un fascio, ma io sono di quelli che hanno ammirato Scarponi, professionista, uomo saggio e sfortunato.

Solo nel ciclismo: perchè?
26 agosto 2019 16:44 angelofrancini
Concordo con ogni riga scritta dall'amico avv. Alessi.
Era, alla luce della soluzione del caso di Giampaolo, attuare una difesa.

Avv. Alessi non dice mai banalità
27 agosto 2019 11:42 umbertomaserati
Concordo con Fiorenzo Alessi praticamente su ogni punto scritto. Effettivamente, seppur posso capire - ed in parte condividere - la decisione di Petacchi, non posso che rimanere un tantino amareggiato da questa totale resa. Il dramma personale dell'uomo (e non dell'atleta) Petacchi che si trova purtroppo a fronteggiare problemi molto più gravi di questioni di doping (e spero che ne esca vincente insieme a sua moglie e a suo padre), necessita sicuramente di avere la priorità su tutto. Su questo sono pienamente d'accordo, però probabilmente c'è anche dell'altro. Forse, ma dico forse, Petacchi sa di aver realmente sbagliato e pertanto, onde evitare di spendere tempo prezioso (ad oggi più che mai, visto che la priorità è quella di stare accanto alla sua famiglia), buttare soldi (magari tanti), ed energie (che gli serviranno per avere la forza necessaria a sorreggere la sua famiglia in un momento così delicato), ha deciso di accettare le coseguenze. Ovvero, in un momento così cruciale per i tuoi affetti, se sai di aver commesso qualcosa di sbagliato da corridore è meglio pensare alla propria famiglia ed accettare tacitamente di pagarne giustamente gli effetti dei propri errori, invece di tentare di difendere l'indifendibile (togliendo spazio e tempo alle questioni più essenziali in questo preciso momento) per magari giungere ugualmente ad una squalifica. Se la storia fosse davvero questa, capirei totalmente Petacchi e condividerei al 100% la sua decisione. Se invece si reputa davvero innocente ed estraneo a tutto, allora NO, e le mie perplessità si uniscono ancor più forti a quelle dell'Avvocato Alessi. Se si è innocenti vale sempre la pena di lottare. Anche perchè se si smette di lottare si smette di vivere e Petacchi in questo momento ha il dovere di essere un vero esempio in questo ancora di più di quanto non lo fosse prima, proprio per il bene dei suoi cari che stanno lottando per il bene più prezioso che abbiamo, ovvero la vita!

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Continua il momento magico di Stefan Kung. Dopo aver vinto domenica per distacco il Tour du Doubs, il campione svizzero della crono si è ripetuto oggi nella sua specialità preferita, vincendo la seconda semitappa della prima giornata di gara al...


Chi non lo conosceva ancora, adesso sa chi è, e probabilmente, da oggi non verrà ricordato principalmente per i gravissimi incidenti che gli hanno condizionato il cammino ciclistico, ma per aver dato letteralmente spettacolo sulla salita (e la discesa) del...


Gran bel numero di Krists Neilands alla cittadella di Namur dove si è concluso il Gp de Wallone. Il lettone della Israel Academy Cicli De Rosa è scattato a 10 chilometri dalla conclusione e si è difeso benissimo nei tre...


Davanti alla sua famiglia e ai suoi tifosi Giovanni Visconti ha conquistato il Giro della Toscana Memorial Martini e mandato un messaggio chiaro in vista del mondiale al CT Davide Cassani. Il siciliano, toscano d'adozione, della Neri Sottoli Selle Italia...


Era l'11 luglio, a due chilometri dalla conclusione della quinta tappa del Giro d'Austria, Giovanni Visconti cadeva riportava gravi conseguenze, un infortunio che ha rischiato di fargli chiudere la stagione. Due settimane più tardi, il siciliano di Toscana aveva ancora...


A caccia del successo in Puglia. La Delio Gallina Colosio Eurofeed pedala verso due appuntamenti di primissimo piano come la Coppa Ceglie Messapica e la Targa Crocifisso di Polignano a Mare rispettivamente in programma, sabato 21 e domenica 22 settembre.A...


Il ct azzurro Davide Cassani ha sciolto le riserve e ufficializzato la formazione maschile ce disputerà la Mixed Relay, la staffetta che debutterà ufficialmente al mondiale proprio sulle strade della Yorkshire. Dopo le sedute di allenamento a Riccione e Misano,...


Dopo aver presentato una rosa di atleti, il CT De Candido ufficializza i cinque titolari per la prova in linea in programma giovedì 26 settembre sulla distanza di 148.1 km, tre giri finali a Harrogate. Ecco la Nazionale Uomini Juniores:...


  Dopo la pausa estiva riprende con la presentazione del libro ALFABETO FAUSTO COPPI, nell'ambito delle iniziative di “Milano Bike City”, la serie della presentazioni di pubblicazioni legate al ciclismo che sono un tratto identificativo della varia attività nel settore...


Terzetto di corridori in arrivo in casa Team NTT per il 2020: si tratta degli australiani Benjamin Dyball e Dylan Sunderland e del danese Andreas Stokbro. Dyball, 30 anni, attualmente corre per il Team Sapura e ha avuto un'ottima stagione...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy