NIBALI: «ROGLIC ED IO, SERENE LEGNATE SUI DENTI»

GIRO D'ITALIA | 25/05/2019 | 17:28

Vincenzo Nibali ha corso da protagonista oggi, facendo lavorare la squadra, battagliando con Roglic, cercando più volte l'attacco e alla fine sprintando per conquistare i 4 secondi di abbuono per il terzo posto: «Quattro secondi sono una piccola cosa. In realtà abbiamo cercato di fare una bella azione sulla salita più dura di giornata, di cui ora mi sfugge il nome da quanto sono stanco (il Colle San Carlo, ndr). Damiano è andato come una moto, ma è stato difficile fare la differenza perché ci sono tanti corridori che stanno bene. Roglic ha dimostrato di essere molto solido, oggi ha collaborato a differenza dei giorni passati: così va bene, ce la giochiamo tutti allo stesso modo».


E poi, a doccia fatta, il capitano della Bahrain Merida aggiunge: «La volata valeva poco ma l'ho fatta anche per premiare il grande lavoro della squadra. In realtà stamattina non avevo sensazioni super, poi ai piedi dell'ultima salita ho chiesto ai ragazzi di fare un ritmo importante e qualcosa alla fine è successo. Per ora questo trittco durissimo è andato bene ma domani ci aspetta un’altra giornata dura, vediamo…».


Infine, un ritorno sulla polemica di ieri: «Lo sapete, sono siciliano e come dice Montalbano... mi sono girati un po' i "cabbasisi", ma oggi Roglic ed io abbiamo parlato in corsa, ognuno ha preso la sua responsabilità, ognuno ha fato la sua corsa e alla fine ci siamo delle serene legnate sui denti».

Copyright © TBW
COMMENTI
Frase di Nibal
25 maggio 2019 17:37 runner
Una riflessione, Direttore: se un corridore qualsiasi si fosse comportato come Nivali ieri (mancata stretta di mano e frase provocatoria) sarebbe stato crocifisso da tutti....Invece, guarda a caso, tutti (lei compreso) hanno glissato....Onestamente è stata una grave caduta di stile verso Roglic. Che non ha fatto peraltro nulla di male....

squadra
25 maggio 2019 19:44 tonifrigo
Possiamo dirlo, però, che Roglic è capitano e scudiero di se stesso? Anche oggi nel finale era da solo. E questo non è da tutti...

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La giornata di denuncia della violenza sulle donne tocca ogni settore della società e naturalmente anche lo sport e il ciclismo. Il segno rosso sul viso campeggia sul volto di tanti campioni e le panchine rosse sono il simbolo di una lotta...


«Michele Bartoli è stato un campione straordinario, buono come il pane. E con me ha vinto sette classiche, dico sette...». Giancarlo Ferretti, il sergente di ferro, apre il suo cuore nella nuova puntata di BlaBlaBike e racconta i suoi campioni,...


È stata la riunione più veloce della storia di Zoom: non per problemi tecnici, anzi, ma per l'accordo praticamente unanime sulla decisione da prendere: conferma totale delle indicazioni espresse dai lettori di tuttobiciweb, Marco Villa conquista l'Oscar tuttoBICI come miglior...


Il campione kazako Alexey Lutsenko ha rinnovato il suo contratto con l’Astana - Premier Tech per un'altra stagione, mentre il canadese Steve Bauer e il kazako Dmitriy Muravyev entreranno nel team come direttori sportivi. Così l’Astana- Premier Tech ha completato...


Dallo scorso 11 ottobre, dopo la corsa a Montecatini Terme in Toscana, ha attaccato la bici al chiodo e ha già trovato lavoro, ma il suo obiettivo è arruolarsi nell’Esercito. Questa è la storia di Aldo Caiati, nato il 19...


«Mi sentivo come su un Ferrari nel traffico di Milano alle 8 del mattino... magicamente questo test negativo mi ha proiettato direttamente nell’autodromo di Monza ! Finalmente!»: Filippo Ganna esulta e torna finalmente libero. Il quarto tampone ha dato esito...


La data è di quelle da ricordare: il 25 novembre del 1945, a poco più di 13 anni e mezzo, con tanto di documento “aggiustato” per raggiungere l’età consentita, Ernesto Colnago varcava i cancelli della “Gloria” e iniziava ufficialmente il...


I medici in questo periodo fanno, comprensibilmente e giustamente, più notizia degli sportivi. Non è però per questo che Matteo Bellia ha deciso di appendere la bici al chiodo e indossare il camice. Il 23enne di Domodossola, fino a quest’anno...


La loro è una storia d’amore nata sulla bici in Slovenia e oggi vengono considerati la coppia più bella del ciclismo. Stiamo parlando del vincitore del Tour de France Tadej Pogačar e di Urška Žigart, entrambi campioni nazionali, che stanno...


Enrico Battaglin, Bardiani-CSF-Faizanè, Capitolo II. I Reverberi lo avevano lanciato nel mondo dei grandi nel 2012 e ora, cinque anni dopo l’arrivederci, lo riaccolgono, ritrovando un corridore più maturo, consapevole dei propri pregi e difetti, e con ancora tanto da...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155