TURCHIA. ULISSI: «ENTUSIASTA DI ESSERE QUI A DIFENDERE IL TITOLO». AUDIO

PROFESSIONISTI | 09/10/2018 | 11:38
di Diego Barbera

Diego Ulissi si presenta al Tour of Turkey 2018 da vincitore uscente dopo la bellissima prestazione del 2017 con la maglia turchese conquistata in vetta alla salita decisiva di Selcuk e portata fino a Istanbul. Quest’anno il programma è sostanzialmente lo stesso, con la medesima frazione (lunga, oltre 200 km) che decreterà il vincitore. Abbiamo incontrato Diego alla partenza della prima tappa da Konya, ecco le sue impressioni.

A fondo pagina il file audio da ascoltare.

Ritorni qui col numero uno sulle spalle, quali sono le tue sensazioni alla vigilia?
«Sto abbastanza bene, naturale che le fatiche di un’intera stagione si fanno sentire in questo momento. Lo scorso anno è arrivato un gran bel successo e sono entusiasta di riessere qui e di cercare di difendere il titolo».

Il percorso è molto simile al 2017, così come anche la tappa decisiva con arrivo in salita dove hai trionfato
«Sì, più o meno le tappe sono uguali. Addirittura la quarta tappa che deciderà la classifica finale ha la stessa salita, quindi cercherò di presentarmi al 100% pronto».

Come valuti il tuo stato di salute rispetto all’anno scorso?
«Lo scorso anno a fine stagione avevo una grandissima forma e mi ha permesso di vincere sia a Montreal sia in Turchia. Quest’anno mi sento molto bene e spero di ritrovare la solita condizione nel corso dei giorni di corsa».

L’anno prossimo continuerai con l’UAE Emirates, sei felice?
«Sono ormai qui da tanto tempo in questa realtà e sono davvero felice di continuare e dare il mio supporto come successo negli anni passati».

Quali vedi come corridori da tenere sott’occhio particolarmente quest’anno?
«Ci sono tanti corridori motivati e squadre molto forti come la BMC e l’Astana con Lutsenko. Tanti rivali staranno bene e sarà una bella lotta»


Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
È chiaro che mi devo dichiarare, senza se e senza ma: adoro da sempre Vasco Rossi. Sono tra quelli che ancora ragazzo, ancora corridore, lo incontra con “Non siamo mica gli americani”, nel 1979. Amore al primo ascolto. Un genio...


Tempo di ripartneza anche in terra svizzera e subito brillanti risultati per i ragazzi dell Vc Mendrisio diretti da Dario Nicolett. Nella corsa in salita Grono - Rossa, che ha difatto segnato la ripresa agonistica, infatti, si è imposto il...


E’ il 12 lugIio 1990, al Tour de France si corre la cronometro Fontaine-Villard de Lans, 33 chilometri con tratto finale in salita. La tappa se l’aggiudica lo specialista Erik Breukink, e Claudio Chiappucci, ventisettenne lombardo di Uboldo, diventa leader...


È un libro da sorseggiare, gustare e assaporare in tutte le sue declinazioni, che sono perlomeno tre, visto che Davide Cassani e Giacomo Pellizzari in sella alle loro biciclette ci indicano percorsi, ma ci suggeriscono anche cosa vedere o mangiare....


Va in scena oggi la quarta tappa  del Tour de France virtuale, lungo un percorso di 45, 8 chilometri disegnato nel sud ovest della Francia: sulla carta un’altra frazione piuttosto semplice, destinata a corridori potenti e alle ruote veloci. Ricordiamo...


Sarebbe il momento migliore dell’anno per fare il Col du Telegraphe, il Col d’Aubisque, l’izoard, il Col de Tourmalet o la gloriosa Alpe d’Huez visto che le giornate estive sono il periodo migliore per frequentare questi iconici passi in bicicletta....


Finalmente si alza il sipario sulla III edizione di Italian Bike Festival. Dopo mesi di incertezze, la più grande manifestazione italiana dedicata al mondo della bike industry, agli appassionati di ciclismo e cicloturismo è pronta a confermare le date già...


  Dopo le due riunioni su pista al Velodromo di Firenze, il ciclismo toscano propone in questo mese di luglio due cronoscalate, ricordando personaggi storici del pedale. Martedì 14 luglio alle ore 21  infatti, al circolo Fosco Bessi a Settimello...


L’ultracycler ticinese Valentina Tanzi (damaceleste.com), dopo aver percorso l'anno scorso i deserti americani in sella alla sua bici da corsa - 3a donna assoluta nella durissima Race Across The West - quest'anno, con il suo progetto "Yes, I can!", voleva...


“Sono felice di aver visto questi atleti delle 8 squadre Continental Italiane arrivare fino a Vo’. Voglio fin da ora dire che ci impegneremo per far diventare questo itinerario Codogno - Vo’ una classica del ciclismo giovanile italiano”. Con queste...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155