IL PICCOLO PRINCIPE VOLTA PAGINA

PROFESSIONISTI | 25/02/2018 | 07:20
Per il Piccolo Principe “l’essenziale è invisibile agli occhi”, ma anche per Da­miano Cunego, 36 anni di cui gran parte spesi in sella ad una bicicletta, l’essenziale è invisibile. «Certo, non poter correre il Giro non è chiaramente la fine del mondo, ma sarebbe stata per me la degna conclusione di una carriera. Dove tutto ebbe inizio», dice il veronese, 17 anni di professionismo sulle spalle. Uno dei più talentuosi corridori dell’ultima generazione, che nel 2004 fece innamorare l’Italia del pedale, guadagnandosi il “nickname” del personaggio nato dalla fantasia di Antoine De Saint-Exupery.

Quarantanove vittorie, tra le quali proprio un Giro d’Italia nel 2004, tre Giri del Trentino, tre Lombardia, un’Amstel Gold Race, oltre ad un argento ai mondiali di Varese nel 2008 alle spalle di Alessandro Ballan.
«Mi sarebbe piaciuto chiudere la mia parentesi agonistica al Giro d’Italia (partirà da Gerusalemme il prossimo 4 maggio, ndr), dove tutto ha avuto inizio, ma non mi è stata data la possibilità. Io da quattro stagioni corro per una piccola formazione di seconda divisione e quindi, come tutti gli appassionati sanno, avevamo bisogno di avere dagli organizzatori l’invito, la necessaria wildcard  per essere al via di Gerusalemme».

E adesso?
«Prima ho preso in considerazione il piano B che prevedeva la chiusura al Giro del Giappone, in casa del nostro sponsor (la Nippo, colosso mondiale delle costruzioni, ndr). Poi è arrivato l'invito per il Giro di Svizzera che si corre a giugno e da l' l'idea di tirare dritto fino al campionato italiano».

In ogni caso a giugno scendi di bicicletta.
«È arrivato il momento di dire basta e di voltare pagina. Io sono felice così. So­no soddisfatto di quello che sono riuscito ad ottenere. So che c’è chi mi rimprovera di aver ottenuto molto me­no di quello che avrei potuto ottenere, ma se avessi vinto l’iride di Varese cosa mi direbbero? La stessa cosa, perché chi mi critica, lo fa a prescindere».

Perché hai deciso di dire basta?
«Ho 36 anni, e non sono più un ragazzino. Il ciclismo si corre ad un livello sempre più alto e io non mi sento più adeguato».

La vittoria più bella?
«Quella di Falzes al Giro d’Italia e poi il mio terzo Lombardia».

L’ultima vittoria l’hai ottenuta il 21 luglio dello scorso anno (Damiano non vinceva dal 2013, ndr) al Tour of Qinghai Lake, in Cina, a 4.200 metri dal livello del mare.
«Anche questo è un mio piccolo re­cord: non sono poi in tanti a poter dire di aver vinto in carriera a quelle latitudini».

Cosa farai da grande?
«Sarò una guida per i giovani, un testimonial per il mio team e non solo. Voglio concludere i miei studi di Scien­ze Motorie, anche perché la mia vera ambizione è quella di restare nel mondo delle due ruote come preparatore».

“Tutti i grandi sono stati piccoli”, dice il Piccolo Principe…
«Io da piccolo sognavo di diventare un corridore di livello, e ci sono riuscito. Adesso devo rigenerarmi, tornando sui banchi di scuola: c’è ancora tanto da imparare per tornare ad essere grande».

Il tecnico al quale devi di più.
«Beppe Martinelli (lo stesso tecnico di Pantani, Garzelli, Simoni, Nibali e Aru, ndr): con lui ho imparato tanto e quindi devo solo ringraziarlo».

Se fossi rimasto con lui, la tua carriera sarebbe stata diversa?
«Con i se e i ma non si va da nessuna parte, dico solo che assieme ci siamo tolti delle belle soddisfazioni, ma sulla mia strada ho incontrato ottimi tecnici e, soprattutto, grandi uomini».

I corridori che più apprezzi?
«Peter Sagan è il vero fenomeno di og­gi. Ma anche Vincenzo Nibali ha un talento immenso».

Tra i colleghi di ieri?
«Mi è sempre piaciuto un sacco Jan Ullrich, anche se nel cuore mi è rimasto in corridore pazzesco: Marco Pantani. Ricordo an­cora quando nel 2002, pri­ma di una Liegi, mi ritrovai da solo con Marco in ascensore. Lui mi chiese co­me andava, come mi trovavo nel mondo del professionismo, e io non mi capacitavo, non stavo più nella pelle: un misto di eccitazione e imbarazzo. Indimenticabile».

A quali colleghi oggi sei ri­masto più legato?
«Gibo Simoni e Ivan Basso. Grande rapporto anche con Leo­nardo Bertagnolli, Eddy Mazzoleni e Paolo Tiralongo».

Il momento più difficile della tua carriera?
«Giro 2009, quello del Centenario vin­to da Denis Menchov: respiravo male, e ho faticato come una bestia».

Tanti i tuoi secondi posti: quali ti pesano di più?
«Il Mondiale di Varese, dove la mia carriera agonistica poteva avere una svolta. Il secondo posto ai tricolori di Imola alle spalle di Pippo Pozzato e il secondo alle spalle di Andy Schleck all’Alpe d’Huez al Tour de France. In verità mi pesa anche il terzo posto alla Liegi nel 2006, dietro a Valverde e Bet­tini. E anche i due terzi alla Freccia Vallone, tutte corse che mi piacevano un sacco».

Per il ciclismo sei il Piccolo Principe: una frase che porti con te.
«“Devo pur sopportare qualche bruco se voglio conoscere le farfalle, sembra che siano così belle”. In questo periodo ho sopportato un po’ di bruchi, sperando di potermi gustare a maggio la farfalla rosa: non mi è stata data la possibilità».

Di bruchi il ciclismo ne ha avuti parecchi: prima Armstrong, adesso Froome.
«Il nostro sport è cambiato tanto in questi ultimi anni. È  molto più credibile e affidabile. Il texano aveva conquistato tutti con una storia che pareva una fiaba, ma sappiamo il triste epilogo. Di Froome spero che il finale sia diverso, più dolce. Per lui e per tutti quelli che hanno a cuore questo magnifico sport».

Dice il Piccolo Principe: "gli adulti non capiscono mai niente da soli".
«È così. Io ho due figli, Ludovica e Christian, di 12 e 7 anni. Li guido, li seguo, li consiglio, ma ogni giorno sono io ad imparare qualcosa da loro. Insieme a mia moglie Marghe­rita».

I tuoi ragazzi praticano sport?
«Certo che sì. Entrambi giocano a tennis, e a noi va benissimo. Ludovica suona anche molto bene il piano, mentre Cristian ha suonato per un anno la batteria, adesso anche lui è passato alle tastiere: questi erano i patti. Con la batteria non si poteva andare avanti».

E tu, niente musica?
«Mi piace un sacco, lo sapete, e nei miei piani c’è anche quello di imparare a suonare la chitarra. Oltre ai Doors, sono un fan di David Gilmore, il chitarrista dei Pink Floyd».

Ai tuoi figli cosa piace?
«Rovazzi, Fedez e J-Ax».

E tu, di italiano ascolti niente?
«Ascolto molto Guccini, i Nomadi e Jovanotti».

Puoi fare coppia con Filippo Zaccanti, “il cantautore” della Nippo…
«Lui suona tutti i cantautori, da Bob Dylan a Guccini, da De André, Rino Gaetano e De Gregori: è molto bravo».

Ti piacciono i film?
«Moltissimo, soprattutto quelli di Checco Zalone».

Margherita tra poco sarà dottore in medicina.
«È brava, le mancano ormai pochi esami. Sta frequentando a Ferrara, e io sono felice per lei».

Tu vivi a Verona con Margherita e i tuoi ra­gazzi, ai piedi delle Torricelle, dove ra­gazzino ti sei laureato campione del mon­do juniores: che Cunego era quello lì?
«Con quella vittoria ho compreso che sarei diventato un corridore, ma an­ch’io avevo paura di non riuscire. Poi però bastava che mi mettessero il nu­mero sulla schiena e mi passavano tutte le paure».

Alcuni dicono che qualche paura ti abbia bloccato anche in questi ultimi anni di professionismo…
«Chi lo dice, sbaglia».

Il massaggiatore per eccellenza.
«Ne ho avuti alcuni, e devo dire tutti bravi, come Luigino Corna e Marco Bertini, ma Umberto Inselvini mi è ri­masto nel cuore».

Il meccanico.
«Non ho dubbi: Enrico Pengo».

La volpe suggerisce al Piccolo Principe che “le parole sono una fonte di malintesi”. Gli dice: “In principio tu ti siederai un po’ lontano da me, così, nell’erba. Io ti guarderò con la coda dell’occhio e tu non dir nulla. Le parole sono una fonte di malintesi. Ma ogni giorno tu potrai sederti un po’ più vicino...”
«La domanda è: servono davvero le parole per comunicare? Oppure molte volte le parole rischiano di rovinare tutto? La volpe suggerisce al Piccolo Principe di avvicinarsi a lei piano pia­no. Io sono per parlare poco».

Da luglio avrai più tempo. Per dirla con il Piccolo Principe “più tempo per la tua rosa”.
«Avrei voluto la rosa, per una volta ancora, ma sappiamo come è andata a finire: è scaduto il tempo. Ne il Piccolo Principe si dice però che “è il tempo che hai perduto per la tua rosa che ha reso la tua rosa così importante”. Io mi sono dedicato alla mia passione, al Giro che ho profondamente amato, ma ora è arrivato il mo­mento di dedicare il tempo a chi mi ama: alla mia famiglia, a mia moglie, ai miei bimbi, ai miei genitori. È grazie al tempo che dedichiamo a chi ci sta vicino che le persone possono comprendere quanto siano realmente importanti per noi. E il tem­po è così prezioso…».

Preziosi sono anche gli insegnamenti del­la strada: cosa ti ha insegnato il ciclismo?
«A percorrere strade, a pormi delle mete: non tanto per il traguardo da raggiungere, ma per il viaggio che siamo chiamati ad affrontare. E che affronterò».

Pier Augusto Stagi, da tuttoBICI di febbraio
Copyright © TBW
COMMENTI
Pulito
25 febbraio 2018 09:33 geo
Cunego corridore Pulito, mentre gli altri di meno. Ha continuato ad esserlo: e per questo non ha più vinto

geo
25 febbraio 2018 13:11 tempesta
Forse, hai Ragione solo come ha fatto a vincere un Giro poi non fare mai piu classifica in corse a tappe. Sono 60 anni che seguo il ciclismo e non mi ricordo di una carriera cosi. Io parlo solo delle corse a tappe.Tolto questo e stato un bel Corridore.

Geo
25 febbraio 2018 14:19 blardone
Scusa !!! Allora quando ha vinto era sporco? Non ho capito ? Se potrebbe spiegarsi meglio? Grazie Blardone Andrea

Tempesta
27 febbraio 2018 16:49 SoCarlo
Il giro lo vinse da terzo incomodo: approfitto’ in maniera esemplare di tattiche di gara altrui.

Dispiace vederlo andare via, ma è senz’a meglio così, che vederlo diventare un fenomeno a ridosso dei 40 come il già dePuertista Valverde (in Murcia i ciclisti sono come il vino: migliorano con gli anni).

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

GSG, marchio d’abbigliamento “Made in Italy”, ha siglato una nuova prestigiosa collaborazione diventando partner della nuova corsa a tappe italiana: l’Adriatica Ionica Race. Per la prima edizione della corsa, che comincerà il prossimo 20 giugno, GSG firmerà le maglie dei...


Continua l’ascesa di Selle Italia alla conquista dei più importanti eventi ciclistici al mondo. Dopo la collaborazione con il Giro d’Italia, attiva da ben 18 anni e da poco confermata fino al 2020, l’azienda di Asolo si prepara oggi a...


Parla abruzzese, in queste prime settimane, l'Oscar tuttoBICI Gran Premio Androni Giocattoli: al comando tenta la fuga, infatti, Eleonora Ciabocco del Team Di Federico Pink, mentre al suo inseguimento si sono lanciate l'emiliana Giulia Raimondi, la toscana Beatrice Bertolini e...


In queste ore si va completando l’elenco degli iscritti al Campionato Italiano U23 in programma sabato a Taino (VA). Ad oggi all’8° Trofeo Corri per la Mamma e 8° Trofeo Giuseppe Giucolsi a.m. – 4° Coppa dei Laghi Trofeo Almar, che...


Va delineandosi in modo sempre più completo quello che sarà lo schieramento di partenza del 75° Tour de Pologne, corsa World Tour in programma dal 4 al 10 agosto. 22 squadre di 7 corridori ciascuna al via: le 18 formazioni...


Ci saranno anche i campioni del Sudamerica alla prossima edizione della 6 Giorni delle Rose Internazionale di Fiorenzuola (Piacenza), in programma dal 4 al 9 luglio (programma sul sito www.fiorenzuolatrack.it). I cileni Antonio Cabrera e Felipe Penaloza, freschi del trionfo...


Eleonora Gasparrini, che di Oscar se ne intende..., vola in testa alla classifica generale dell'Oscar tuttoBICI Gran premio Mapei: la piemontese guida davanti all'emiliana Patuelli, l'abruzzese Patuelli e la veneta Michieletto. La stagione ormai è entrata nel vivo e la...


Proprio al Tour de Savoie Mont Blanc, 12 mesi fa, Colin Stussi si mise in luce al grande pubblico del ciclismo professionistico, con una serrata battaglia con il fenomeno colombiano Egan Bernal, oggi al Team SKY e spalla fondamentale di...


L'avvocato Fiorenzo Alessi, ciclista praticante e appassionato, ci propone in questa lettera una simpatica riflessione sullo scontro tra l'automobilista che ha morso l'orecchio ad una automobilista. Riflessione che, ovviamente, non estingue il reato.. Caro Direttore, se non m'inganno, non ho...


Bernard Hinault non le ha mai mandate a dire e non lo fa nemmeno nell’intervista concessa al quotidiano bretone Ouest-France. Sul caso Froome, l’invito ai corridori è semplice quanto drastico: «Scioperate».«Per me - dice Hinault - Christopher Froome non dovrebbe...


VIDEO





DIGITAL EDITION
I PIU' LETTI
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy